Diritto 26 Maggio 2015

Il mondo delle Assicurazioni, responsabilità professionale

Gli obblighi del medico del Servizio Sanitario Nazionale assicurato nella polizza dell’Azienda di appartenenza

di Assicurazione

Sono un medico anestesista ed opero in una struttura pubblica della Campania. Lo scorso anno sono stato coinvolto dalla mia azienda sanitaria nella istruttoria di una richiesta di risarcimento  per un evento al quale mi ritengo completamente estraneo. Non ho ricevuto personalmente alcuna richiesta di risarcimento o tanto meno citazione  in giudizio dal presunto danneggiato. L’Ufficio Legale mi chiede ora la copia della mia polizza personale di responsabilità professionale asserendo che a sua volta ha ricevuto identica richiesta dalla sua Compagnia di Assicurazione. Non ho presentato alcuna denuncia di sinistro al mio Assicuratore sia perché mi ritengo estraneo al fatto sia perché – per contratto nazionale di lavoro – devo essere tutelato dalla mia Azienda. Pertanto non ho alcuna intenzione di dare informazioni sulla mia polizza. Chiedo se la richiesta della mia Azienda, e quindi del suo Assicuratore, sia legittima e quindi se sia corretto resistere e continuare a negare la esibizione della mia polizza personale.

 

Non c’è alcun dubbio che la sua Azienda Sanitaria abbia l’obbligo di tutelare la responsabilità professionale dei propri sanitari dipendenti stipulando una adeguata polizza di assicurazione. Questa polizza, proprio in aderenza al sopracitato obbligo, prevede tuttavia che tutti i medici siano considerati soggetti assicurati alla pari della stessa Azienda sanitaria. In quanto “soggetti assicurati” i medici, mentre sono tutelati pienamente, sono contemporaneamente soggetti agli obblighi previsti dalla legge e/o dalla polizza a carico degli assicurati. Ebbene, l’articolo 1910 del codice Civile stabilisce che l’Assicurato deve dare avviso a tutti gli Assicuratori della esistenza di polizze stipulate per lo stesso rischio; il medesimo articolo precisa che l’Assicurato in caso di sinistro deve darne avviso a tutti gli Assicuratori indicando a ciascuno il nome degli altri. Le polizze in genere replicano la sostanza di questa norma di legge. Non vi è pertanto dubbio alcuno che lei, nella sua posizione di Assicurato, debba adempiere alla legittima richiesta del’ Assicuratore.

Analizzando ora la situazione dal punto di vista pratico, è opportuno nel suo interesse non solo che lei esibisca la sua polizza ma che presenti anche una denuncia di sinistro al suo Assicuratore. Questa iniziativa, ripeto, è essenzialmente nel suo interesse. Cito un solo motivo: La sua polizza è sicuramente regolamentata dalla ormai famosa clausola del “claims made”. Nel caso in cui per qualsiasi motivo la sua polizza si interrompesse lei decadrebbe dal diritto ad essere protetto dall’Assicuratore. Si affretti quindi a dare avviso alla sua Compagnai della vicenda. Mi permetta di concludere con una banalissima  riflessione. Una polizza è, al pari di qualsiasi prodotto o servizio, un bene che qualcuno ritiene utile e quindi acquista. È difficile pensare a non usare questo bene nel momento in cui questo effettivamente serve e per il quale si è pagato un prezzo, spesso, elevato!

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Decreti attuativi Legge Gelli, ecco i temi. Rischio rivalse delle assicurazioni per chi non è in regola con ECM
Dai requisiti delle polizze assicurative alle regole per le strutture che si auto-assicurano, i contenuti principali dei quattro decreti attuativi della Legge sulla responsabilità professionale di medici e professionisti sanitari. Nodo ECM: le assicurazioni potranno rivalersi sui medici non in regola con l’obbligo formativo, ma da più parti si chiede inversione del sistema e introduzione di meccanismi premiali      
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Marco Camisani Calzolari spiega la blockchain in Sanità: «Renderà tutto molto più trasparente»
A Milano il convegno “Responsabilità professionale e arbitrato della salute” è stata l'occasione per presentare tutte le potenzialità in campo sanitario della nuova tecnologia
Rischio clinico e contenzioso, Paola Frati (Medicina legale): «Promuovere formazione di qualità per implementare buone pratiche»
«C’è un costante aumento delle denunce penali contro i medici ma oltre il 60% vanno subito in archiviazione. Se poi seguiamo i processi, un altro 25% sono assoluzioni. Non si arriva al 10% di condanne penali ai sanitari» così il professor Vittorio Fineschi a margine del convegno organizzato all’Università Sapienza di Roma
Magi (OMCeO Roma): «Collaborazione con sindaco Raggi per affrontare affollamento Pronto soccorso»
Intervenuto al convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti”, organizzato all’Università Sapienza di Roma, il presidente dell’Ordine aggiunge: «In arrivo i decreti attuativi della Legge Gelli, che tranquillizzeranno gli operatori e comporteranno risparmi economici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone