Diritto 14 luglio 2015

Ex specializzandi: ennesimo maxi rimborso, medici in pressing sul Governo

Ancora una consegna assegni: 9 milioni a Bari. Sono 10mila le firme dei camici bianchi alla petizione di Consulcesi per chiedere subito il Ddl: le testimonianze

Immagine articolo

Per qualcuno ha il sapore della rivincita, per altri è un successo insperato e per altri ancora un diritto sacrosanto. Hanno il sorriso stampato in volto i tanti medici che, a Bari, stringono tra le mani l’assegno di rimborso che era stato negato durante la scuola di specializzazione.

Poco più di un mese lo stesso era accaduto a Bologna e poco prima a Roma, Genova, Pisa, Palermo, Trapani e Catania, solo per citare le ultime città – da nord a sud, in tutta Italia – che avevano visto arrivare milioni su milioni per i loro medici.

Non si ferma più il treno dei rimborsi per gli ex specializzandi. Come accennato, l’ultima consegna è stata quella dei giorni scorsi a Bari, dove sono andati 9 milioni a favore di più di 200 medici che si erano specializzati tra il 1982 ed il 2006 senza ricevere il corretto trattamento economico durante la scuola post laurea, nonostante quanto prevedessero precise direttive europee. A consegnare, materialmente, gli assegni è stata la realtà leader di tutela dei camici bianchi, ovvero Consulcesi, che ha da poco visto superare quota 400 milioni riconosciuti dai Tribunali di tutta Italia ai suoi assisti. Le sentenze d’altronde arrivano ormai sempre più velocemente con una giurisprudenza consolidata a favore dei ricorrenti. Proprio per questo si procede sempre più spediti verso l’accordo transattivo proposto dai tre Ddl ad oggi in Parlamento. Una soluzione caldeggiata dagli stessi medici, che continuano ad aderire alla petizione on line lanciata proprio sul sito internet www.consulcesi.it. In poche settimane si è arrivati fino alla soglia delle 10mila firme. Un messaggio forte e chiaro da parte dei medici alle istituzioni.

«Sarebbe una soluzione dignitosa il rimborso proposto dall’accordio transattivo anche per non gravare troppo sulle casse dello Stato», sostiene il dottor Vito Di Cagno, che opera nell’ospedale pugliese di Triggiano ed è tra i tanti ad aver posto la sua firma la petizione. Una posizione che denota anche un forte senso di responsabilità da parte dei camici bianchi, considerando che per le casse pubbliche il rischio complessivo è un salasso di oltre 4 miliardi di euro. Una cifra enorme, quasi più del doppio dei tagli di recente imposti alla Sanità con il via libera della Conferenza delle Regioni. L’accordo transattivo, che sarà valido solo per chi avrà precedentemente fatto ricorso, diventa allora l’unica strada percorribile. Il dottor Raffaele Leoni specializzatosi nel 1992 a Firenze dove tutt’ora lavora in ospedale, spiega di aver aderito «spinto dal tam tam mediatico sulla vicenda e con la speranza di sollecitare, proprio attraverso questa iniziativa, lo Stato a chiudere in fretta la vicenda. Proprio dallo Stato mi aspetto niente di più e niente di meno di quello che spetta a me e a tanti altri colleghi. Se poi ci si arriva in tempi più brevi con l’accordo transattivo proposto dai DDl ancora meglio…». Specializzatosi in neurochirurgia a Padova nel 1998, ma ora al lavoro a Brescia, il dottor Antonio Signorelli si augura infine che «la partita si possa chiudere al più presto, senza continuare ad ingolfare le aule dei Tribunali». Ma è proprio qui che, ad oggi, continua a giocarsi la partita degli ex specializzandi con una nuova azione all’orizzonte: quella del 20 luglio di Consulcesi.

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...