Cause 16 maggio 2017

Ex specializzandi, 628 medici Consulcesi ricevono rimborsi per 22 milioni di euro

A Milano camici bianchi provenienti dalla Lombardia e da altre regioni hanno ricevuto l’assegno di rimborso per gli anni di scuola post-laurea non retribuiti. Nel corso dell’evento si è parlato anche di responsabilità professionale e nuove opportunità lavorative: presentato il portale AIOP Job, la prima banca dati per trovare lavoro in sanità in 500 strutture

I diritti riconosciuti e quelli da far ancora rispettare, le opportunità da cogliere, i rischi da evitare. Il futuro della professione medica al centro dell’incontro, organizzato a Milano da Consulcesi, con operatori sanitari, sindacati, istituzioni e i principali interlocutori del settore. Alla presenza di Filippo Leonardi, Direttore Generale AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata), Leonardo Martinelli, Chief Claims Officer AmTrust, Danilo Mazzacane, Segretario Generale CISL Medici Lombardia e Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi, sono state presentate proposte, soluzioni e azioni concrete in favore della categoria. A partire dai rimborsi riconosciuti ai medici specialisti grazie alle azioni collettive portate avanti da Consulcesi, per merito delle quali, proprio oggi, oltre 600 medici specialisti, in prevalenza lombardi, hanno ottenuto il rimborso – complessivamente superiore a 22 milioni di euro – per la mancata o parziale retribuzione durante la scuola di specializzazione, frequentata tra il 1978 ed il 2006.

Insieme al sentito tema delle borse di studio negate agli ex specializzandi, il confronto – moderato dal giornalista di La7 e di Radio24 – Il Sole 24 Ore, David Parenzo – ha analizzato anche un’altra rilevante tematica per la categoria: la Legge 24/2017, ovvero la riforma della responsabilità professionale a firma dell’onorevole Federico Gelli e del senatore Amedeo Bianco, la cui portata rivoluzionaria coinvolge tutti gli esercenti le professioni sanitarie. Proprio l’onorevole Gelli ha voluto inviare un messaggio per questo incontro, evidenziando che «il provvedimento in tal senso completa quanto già anticipato nella legge di stabilità del 2016. Ciò consentirà di promuovere e calibrare nei contesti organizzativi e professionali specifici, attività educative e formative sulla sicurezza e la qualità delle cure». Tra gli aspetti più significativi, il capitolo della formazione legato al risk management, alle linee guida e alla necessità di raggiungere un adeguato compromesso tra le novità legislative e le difficoltà, incontrate e palesate da molti professionisti, di trovare formule adeguate e vantaggiose per assicurarsi le coperture assicurative. Esigenza su cui Consulcesi, con il partner SanitAssicura, è costantemente a disposizione dei medici per individuare le soluzioni più adatte. E in tal senso vanno gli interessanti spunti forniti da Leonardo Martinelli, Chief Claims Officer di AmTrust, colosso americano, presente in Italia dal 2009, leader nel settore della sanità pubblica con una quota di mercato di oltre il 60% per coperture stipulate con gli ospedali e oltre 100mila medici assicurati: «La Legge Gelli è una svolta fondamentale, ma attendiamo ancora i decreti attuativi che la rendano completa. I medici ne escono tutelati, ma hanno l’obbligo di assicurarsi. Per noi compagnie uno degli elementi decisivi è quello della formazione e dell’aggiornamento continuo in medicina. Un medico aggiornato è una garanzia per le assicurazioni». Concetto ribadito ed esplicitato anche dal Direttore Commerciale AmTrust, Salvatore Punzo: «Proprio per questo stiamo studiando meccanismi premiali per ridurre i premi assicurativi ai medici in regola con l’ECM».

Un’altra importante tematica affrontata è quella legata all’accesso alla professione e lo sviluppo delle carriere sanitarie. Percorsi che non possono assolutamente prescindere dalle novità e dalle opportunità tecnologiche. In questa direzione va il nuovo portale AIOP Job, la prima banca dati on line a disposizione di tutti i professionisti della salute: medici, infermieri, tecnici, amministrativi in cerca di lavoro e opportunità di carriera, che potranno inserire il loro curriculum vitae all’interno del portale di AIOP, raggiungendo le 500 strutture ospedaliere private e accreditate, associate ad AIOP e presenti su tutto il territorio nazionale. Presto AIOP Job sarà messo a disposizione anche degli oltre 100mila medici Consulcesi che potranno ricercare le opportunità di carriera direttamente nell’Area Riservata. Di recente è stata raggiunta una importante intesa tra AIOP e Consulcesi dedicata ai giovani professionisti sanitari. La sinergia è fondamentalmente incardinata su due punti chiave: tutela e formazione a cui si aggiungono servizi e strumenti utili per acquisire competenze necessarie per farsi largo nel mondo del lavoro. «AIOP Job è uno strumento molto semplice ed efficace – ha spiegato Filippo Leonardi, Direttore Generale AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) – per offrire il servizio da un lato agli associati e dall’altro a tutti gli operatori della sanità che guardano con sempre più interesse alla possibilità di crescita professionale all’interno delle strutture private».

Responsabilità professionale, assicurazioni, lavoro e le altre numerose questioni che riguardano la professione medica al centro dell’intervento di Danilo Mazzacane, Segretario Generale CISL Medici Lombardia, che si è soffermato anche sulla significativa azione di Consulcesi per il riconoscimento dei diritti degli operatori sanitari: dalle battaglie contro i turni massacranti alla vicenda degli ex specializzandi, che segna un’altra importante tappa per il diritto di tutti i medici che tra il 1978 ed il 2006 si sono visti negare il corretto trattamento economico, previsto dalle direttive europee (75/362/CEE, 75/363/CEE e 82/76/CEE) a cui l’Italia si è adeguata solo dopo la condanna della Corte di Giustizia europea: «Cifre notevoli che pesano sullo Stato e di questo passo, sentenza dopo sentenza, arriveranno ad oltre 5 miliardi. Con questa somma si potrebbe fare tantissimo per intervenire sulla sanità italiana in particolare agevolando i giovani medici e i colleghi donna. Per questo riteniamo indispensabile arrivare allo sblocco del Ddl 2400 per la transazione su cui i vertici della categoria non hanno fatto abbastanza».

Questi assegni per oltre 22 milioni di euro consegnati oggi a Milano a più di 600 medici si aggiungono agli altri 30 milioni restituiti negli ultimi mesi in tutta Italia a centinaia di professionisti e agli 11 milioni delle scorse settimane a Palermo. Recenti sentenze confermano il netto orientamento della giurisprudenza a favore dei ricorrenti. Sono anni che il team legale di Consulcesi ottiene vittorie per gli ex specializzandi, in favore dei quali ha già fatto riconoscere oltre 530 milioni di euro. Si tratta di una cifra destinata a crescere in breve tempo visto che sono attese nuove pronunce dai Tribunali: secondo le stime, lo Stato rischia un esborso complessivo superiore ai 5 miliardi di euro.

«Per questo motivo – ha affermato Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi –, da tempo si richiama l’attenzione delle istituzioni alla ricerca di una soluzione politica, che sembrava potesse essere quella proposta al Senato attraverso l’accordo transattivo previsto dal Ddl 2400. Il provvedimento, però, rischia ora di arenarsi nelle Commissioni parlamentari. Le modifiche proposte (spesso, paradossalmente, proprio da chi rappresentava i medici) hanno finito con “allargare le maglie” delle richieste allungando i tempi e minando la sostenibilità economica del provvedimento. Questo ora mette a rischio il diritto di migliaia di medici specialisti vista l’imminente scadenza dei termini prescrittivi. Sebbene i nostri legali ritengano che in assenza di una norma attuativa, secondo i principi stabiliti dalla Cassazione, i termini di prescrizione non inizino a decorrere, invitiamo i medici specialisti a tutelarsi per far valere il diritto al rimborso, già riconosciuto a migliaia di medici. Per farlo è possibile seguire due strade: produrre un atto interruttivo non oltre il 20 ottobre oppure avviare l’azione legale, aderendo alla prossima azione collettiva del 15 luglio 2017. A disposizione mille consulenti che rispondono al numero verde 800.122.777 e direttamente sul sito internet www.consulcesi.it».

Articoli correlati
Festività, stravizi alimentari e fake news: ecco le 5 diete più cliccate a dicembre
Dalla dieta chetogenica alla Dukan, passando per quella del ghiaccio: nel mese delle “abbuffate” gli italiani non rinunciano al Dottor Google. Lo rivela l’analisi di Consulcesi Club in collaborazione con Sanità Informazione. La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista, svela i segreti detox per godersi il Natale e spiega: «Per contrastare la ‘concorrenza sleale’ di Google i medici devono essere formati»
Aggressioni, choc al Santobono di Napoli: «Visitate mio figlio o sparo». «Operativo un telefono rosso per assistere i medici»
«Prendo la pistola e ti ammazzo», così i genitori di un paziente ricoverato in Pronto soccorso. «Anche stavolta, si tratta di un’aggressione che poteva e doveva essere evitata», lo dichiara Massimo Tortorella, Presidente del Gruppo Consulcesi che lancia una azione a supporto dei camici bianchi
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Violenza in corsia, nasce il “Telefono Rosso” per i medici aggrediti
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Il caso della dottoressa di Crotone è solo l’ultimo di una lunga serie di violenze fisiche, verbali e anche sui social network. Con il nuovo servizio supporto umano e legale alle vittime: prossimo passo il Tribunale del Medico da affiancare a quello del Malato»
Legge di Bilancio, le novità in sanità: più soldi per le liste d’attesa, rinvio del Patto per la salute e norme per assunzioni individuali
La manovra approda alla Camera e sono tanti gli emendamenti arrivati in Commissione Bilancio. Tra le proposte di modifica anche il cambio della contrattazione farmaceutica e più fondi per Cnr e l’Ebri fondato dalla Montalcini. Cittadini (Aiop) contro norma che limita pubblicità sanitaria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...