Diritto 8 Novembre 2016 12:20

Equitalia, la sanatoria per le cartelle. Quando il medico può usufruire della rottamazione?

I consigli del tributarista per mettersi in regola con il Fisco sfruttando le ultime novità legislative

Ho una cartella di pagamento che mi è stata notificata da Equitalia nel 2010. Posso usufruire della “rottamazione”?

È il quesito che un nostro lettore, un pediatra di Torino, pone alla nostra Redazione. A fare chiarezza è il tributarista Giulio Palazzo, titolare di uno dei più importanti studi commercialisti di Roma, con cui prosegue la collaborazione sui temi di materia fiscale.

«Il D.l. 193 del 22 ottobre 2016 – spiega il dottor Palazzo –  prevede la possibilità di “rottamare” i debiti iscritti a ruolo negli anni compresi tra il 2000 ed il 2015. I principali benefici derivanti dalla “rottamazione” delle cartelle riguardano la cancellazione delle sanzioni e degli interessi di mora e delle somme aggiuntive legate ai ritardi/omessi pagamenti da parte del contribuente. Chi deciderà di aderire alla procedura dovrà pagare le somme affidate all’agente della riscossione a titolo di capitale (Imposta Ires, Irpef, Irap etc.) e i relativi interessi, gli aggi maturati a favore dell’agente, le eventuali spese per procedure esecutive (se avviate) e le spese di notifica».

A questo punto, però, bisogna seguire un percorso preciso. «Per aderire alla procedura il contribuente dovrà presentare entro il 23 gennaio 2017 un istanza indicando le modalità di pagamento prescelta (unica soluzione o 4 rate) e con l’impegno a rinunciare alle eventuali liti giudiziarie in essere. L’Agente della riscossione comunicherà entro il 24 aprile 2016 l’ammontare complessivo delle somme dovute e la scadenza delle 4 rate nel caso in cui il contribuente non abbia optato per il pagamento in un’unica soluzione. Il D.l. specifica che le 4 rate previste non avranno importo uguale, la prima e la seconda saranno ciascuna pari ad 1/3 del debito complessivo, la terza e la quarta ciascuna pari ad 1/6; inoltre il decreto prevede che il termine massimo entro cui dovrà essere pagata la terza rata è il 15 dicembre 2017. Il mancato o insufficiente pagamento anche di una solo rata, determinerà la decadenza immediata dall’agevolazione ed il ritorno alla posizione precedente».

Secondo il dottor Palazzo quindi il nostro lettore può usufruire della rottamazione, ma il suo consiglio «è valutare il singolo caso tenendo conto dei stringenti tempi previsti dal decreto per l’estinzione del debito».

Articoli correlati
Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»
Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»
Professioni sanitarie, scontro su deroga per iscrizione a Ordini. Grillo: «Salviamo posto a 20mila operatori». Beux (TSRM-PSTRP): «Non iscriveremo abusivi»
È battaglia sulla norma che consente di accedere a queste professioni per chi ha lavorato per un periodo minimo di 36 mesi, anche non continuativi, negli ultimi 10 anni. M5S difende provvedimento, opposizioni e associazioni di categoria non ci stanno
Fatturazione elettronica, medici e farmacisti esonerati dall’obbligo per il 2019
Approvato un emendamento di Emiliano Fenu (M5S) che va incontro ad alcuni rilievi del Garante della Privacy per il quale l'obbligo della fatturazione elettronica presenta incompatibilità con la normativa sulla protezione dei dati personali
Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D
Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare il reddito da dichiarare e chi è esonerato
Fisco, quali sono i dispositivi medici detraibili per il 2018? Ecco la guida
Siringhe, cerotti e termometri: tutti strumenti ‘del mestiere’ che possono essere deducibili. Come funziona, chi può godere delle detrazioni e quanto gli viene riconosciuto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre