Diritto 22 luglio 2014

ACOI: su assicurazioni e formazione è l’Europa il modello da seguire

Intervista esclusiva a Diego Piazza, il nuovo presidente dei Chirurghi Ospedalieri Italiani

Immagine articolo

Il ruolo – ed il peso –  che il nostro Paese avrà nei prossimi sei mesi all’interno dell’Ue potrebbe portare sviluppi importanti ed incidere ad ampio raggio sulle politiche nostrane, tra cui quella sanitaria, attualmente alle prese con scadenze da rispettare e obblighi a cui ottemperare.

E’ questo l’auspicio del neoeletto presidente di ACOI, Diego Piazza, che Sanità Informazione ha ascoltato su alcuni fra i temi più scottanti per il mondo medico italiano.

Il semestre europeo a guida italiana è un momento importante, con tante iniziative che coinvolgono anche i Chirurghi Ospedalieri Italiani.
Assolutamente sì:  ho fatto dell’Europa il mio cavallo di battaglia, perché ritengo che farne parte sia un’opportunità e non un vincolo. Dobbiamo parlare in un termini europei sia nell’ambito della formazione pre-laurea e post-laurea, sia per quanto riguarda il dossier formativo dei singoli medici, sia sotto il profilo della qualità e della sicurezza negli ospedali italiani. A mio parere il modello positivo a cui tendere è quello rappresentato dal Nord Europa.

Nel nostro Paese sono tante le tegole che cadono costantemente sui medici…
Sì, penso ad esempio alla questione medico-legale affrontata in maniera totalmente errata. Anche in questo senso, guardiamo agli altri Paesi europei e cerchiamo di adeguarci al loro modello. Bisogna porre fine alla barbarie del procedimento medico-legale così come è concepito oggi in Italia, con periti inadeguati e oneri assicurativi incompatibili con il livello dei salari dei chirurghi italiani, salari che andrebbero anch’essi allineati agli standard europei.

A proposito di assicurazioni, ad agosto scatta il termine per la RC professionale. Probabilmente slitterà di nuovo ma, al di là dei termini, le istituzioni devono trovare una soluzione condivisa.
Per i medici che lavorano a tempo pieno nel sistema sanitario nazionale, credo che il problema assicurativo non debba riguardarli come singoli. Spetterebbe al Ssn, infatti, assumersi il rischio d’impresa: il professionista  opera in un sistema così complesso per cui la responsabilità non può essergli attribuita come individuo, ma dev’essere a carico del sistema di cui fa parte.

Tags

Articoli correlati
Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»
Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa disincentivano i giovani». La Sic rinnova il consiglio direttivo: Paolo De Paolis nuovo presidente
Rilancio SSN e condivisione informazioni, siglato patto tra 15 società scientifiche
Coordinatori dell’intesa i presidenti di Acoi, Pierluigi Marini, e di Aogoi, Giuseppe Ettore. Chiesto incontro al Ministro Grillo
Chirurgia mininvasiva a macchia di leopardo in Italia: solo 50 unità operative complesse su 850 sarebbero accreditabili
Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI e SIC, lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione dei chirurghi
Chirurghi, formazione in ritardo e troppo a “macchia di leopardo”. Allarme di SIC e ACOI: lanciato il progetto Op2IMISE
Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare una metodologia di formazione standardizzata a livello nazionale per ottimizzare la qualità e l’efficienza della chirurgia
Chirurgia, l’assurda crisi italiana. Marini (ACOI): «Siamo i più bravi, ma dovremo assumere stranieri. Benvenuta Legge Gelli»
«Formazione, calo delle vocazioni e chirurgia omissiva i nodi da sciogliere. Importante la Legge Gelli, ma aspettiamo decreti e tabelle assicurative». Parla il Presidente dell’Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila