Lavoro 5 Aprile 2022 15:04

Digitalizzazione, la domanda di pensione Enpam si fa online. Ecco come

Dal 31 ottobre i moduli cartacei non saranno più disponibili. Novità per i Mmg che non dovranno più aspettare la cessazione del rapporto di lavoro

Digitalizzazione, la domanda di pensione Enpam si fa online. Ecco come

I processi di digitalizzazione interessano sempre più ambiti della vita personale e professionale, rendendo più semplici ed immediati gli espletamenti di molte pratiche burocratiche. Non fanno eccezione le domande di pensionamento per i professionisti sanitari: la fondazione Enpam ha predisposto di recente, infatti, la possibilità per gli associati di compilare online la domanda di pensione, sia quelle relative alla Quota A (a 68 anni o 65 anni), sia per le pensioni di vecchiaia o anticipata della gestione della Medicina generale (medici di famiglia, pediatri di libera scelta, addetti alla continuità assistenziale e all’emergenza territoriale), sia per le pensioni di Quota B (libero professionisti). Le nuove procedure online per la domanda di pensione a breve sostituiranno definitivamente i moduli cartacei, che dal prossimo 31 ottobre non saranno più disponibili per le categorie che hanno a disposizione il servizio online.

Una novità interessante per i Mmg

In particolare, gli iscritti alla gestione della Medicina generale possono fare domanda online di pensione nel momento in cui presentano le dimissioni e non devono più attendere di aver concluso il loro rapporto di lavoro. La stessa opzione vale per gli iscritti alla gestione degli Specialisti ambulatoriali (inclusi i medici addetti alla medicina dei servizi) e per i soli specialisti ad personam.

Cosa cambia in concreto per i Mmg

Fino ad oggi i medici di Medicina generale che volevano presentare domanda di pensione dovevano prima avere cessato l’attività in convenzione. Per porre termine al rapporto con la Azienda sanitaria, era necessario presentare le proprie dimissioni con un preavviso di 60 giorni, trascorsi i quali era quindi possibile rivolgersi all’Enpam per la presentazione della domanda di pensione. La data di cessazione faceva fede anche per l’avvio dei calcoli ai fini della determinazione dell’importo di pensione spettante. Oggi, con l’avvento della procedura online, che permette di presentare la domanda già al momento della presentazione delle dimissioni, i tempi si abbreviano. Inoltre, la nuova procedura consente di accorciare quel periodo di impasse in cui l’iscritto non riceveva più lo stipendio dall’Asl e non ancora la pensione dall’Enpam (che sarebbe comunque arrivata con gli arretrati, ma successivamente).

Chi resta al cartaceo

L’unica eccezione è rappresentata dagli iscritti alla gestione della Medicina generale che hanno ottenuto una precedente liquidazione e hanno poi ripreso l’attività continuando a contribuire alla medesima gestione, e da chi ha fatto il riscatto dei periodi liquidati. Per loro non è prevista la possibilità di fare domanda online, pertanto dovranno continuare a presentarla in forma cartacea. Cionondimeno, resta in piedi il ruolo essenziale degli Ordini dal punto di vista previdenziale, motivo per il quale gli iscritti possono comunque continuare a presentare domande ed istanze attraverso l’Ordine territoriale competente.

La domanda di pensione online per la Quota B

Per i professionisti afferenti alla Quota B, la possibilità di presentare online la domanda di pensione va a completare la vasta gamma dei servizi digitali a disposizione degli iscritti Enpam che svolgono attività libero professionale. Da adesso, infatti, è possibile gestire online tutte le pratiche relative agli aspetti previdenziali, dalla dichiarazione dei redditi con il modello D alla domanda di pensione. Inoltre, il servizio è attivo anche per gli iscritti alla gestione Specialisti ambulatoriali e per quelli iscritti alla gestione degli Specialisti esterni.

I vantaggi della domanda online

I vantaggi sono molteplici: dal poter effettuare la domanda comodamente da casa, accedendo alla propria area riservata sul portale Enpam, al poter limitare fortemente le probabilità di commettere errori nella compilazione, che causerebbero ritardi e complicazioni nella lavorazione della pratica. Prendiamo ad esempio uno dei più comuni errori di compilazione dei moduli cartacei, cioè barrare più caselle che esprimono scelte incompatibili tra loro: questo tipo di errore non è possibile nella versione digitale della procedura.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici in fuga e maxipensionamenti, Zuccarelli (OMCeO): «Oggi fare il medico non ha più appeal»
Il punto su turni massacranti, formazione continua e aumento borse di specializzazione
Pensione: dubbi e riflessioni. Cosa succede?
di Giulio Del Mastro, Gerhard Seeberger, Angelo Raffaele Sodano
di Giulio Del Mastro, Gerhard Seeberger, Angelo Raffaele Sodano
«Disponibili per il SSN anche dopo la pensione». La proposta di 50 primari spiegata dal professor Mangialardi
Cinquanta primari in età pensionabile si offrono di lavorare in forma gratuita altri due anni oltre il limite dei 70. Il Consiglio regionale del Lazio approva mozione sul tema. «La nostra permanenza può aiutare i reparti a smaltire gli arretrati e i nuovi giovani colleghi potranno giovarsi della vicinanza di questi esperti» spiega Nicola Mangialardi, primario di chirurgia cardiovascolare al San Camillo
di Francesco Torre
«Restiamo gratis dopo la pensione per il bene del Ssn». La lettera di 50 primari
«Siamo pronti a lavorare senza stipendio per 2 anni, per il bene del sistema sanitario». E' la proposta di un gruppo di medici, una cinquantina di luminari che, pur avendo raggiunto l'età della pensione, vogliono 'accompagnare' il turn over, cioè aspettare che il sistema sanitario assuma i giovani per sostenerli e avviarli alla professione
I primari in pensione al Governo: «Pronti a lavorare ancora, senza stipendio, per il SSN»
L’offerta, rimessa alla valutazione del Governo, arriva da un gruppo di primari in età pensionabile. I medici chiedono di restare operativi per altri due anni oltre l'attuale limite dei settanta rinunciando allo stipendio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali