Lavoro 23 Aprile 2021 10:42

Sanità e regioni, Rasi: «Pandemia ha mostrato debolezza di un sistema frammentato. Puntare su formazione»

L’ex direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco: «Auspico incentivi a formazione ECM del personale sanitario». E sulla gestione dell’emergenza da parte delle Regioni: «Sulla salute serve maggiore centralizzazione»

«Anche lo Stato più federale del mondo, gli Stati Uniti d’America, ha centralizzato alcuni aspetti fondamentali della salute pubblica che non possono essere delocalizzati. Penso agli aspetti epidemiologici, alla campagna vaccinale, alle linee guida a cui i medici si devono attenere per il trattamento dei pazienti Covid. Aspetti di cui invece in Italia si stanno occupando le Regioni. Con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti». Netto il commento di Guido Rasi, ex Direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco e ordinario di Microbiologia all’Università Tor Vergata di Roma, sulla gestione della pandemia da parte delle Regioni.

«E adesso – rincara la dose – stanno anche bloccando l’approvazione dei decreti attuativi della legge Gelli sulla responsabilità professionale che prevedono un passaggio fondamentale sulla formazione continua del personale sanitario». Decreti che prevedono un legame tra polizze assicurative e formazione ECM e che sono al momento bloccati in Conferenza Stato-Regioni cui spetta l’ok definitivo. «Si tratta di un ottimo testo e di un incentivo importante per la formazione di medici e professionisti sanitari – continua Rasi -. Un testo che darebbe una garanzia ai pazienti e un vantaggio tangibile ai medici, riducendo il rischio e avendo un beneficio nel pagamento dell’assicurazione. Spero quindi che si possa presto porre rimedio a questa lacuna».

«Proprio la pandemia – prosegue – ha reso evidente la necessità di avere medici formati e aggiornati». E al contempo, a detta dell’ex numero uno dell’Ema, proprio la pandemia ha mostrato «i grandissimi limiti della gestione regionale della sanità».

«Qualcuna si è comportata meglio e qualcuna peggio, ma nel complesso il cittadino sa che non può ricevere un trattamento equo in tutta Italia, e questa cosa è inaccettabile. La gestione della malattia sul territorio è stata eterogenea – ricorda Rasi -, i medici si sono trovati abbandonati e smarriti, senza ricevere indicazioni chiare e, all’inizio della pandemia, senza avere nemmeno gli strumenti necessari. Le Regioni non si sono coordinate tra loro e hanno dimostrato tutta la debolezza di un sistema frammentato e frammentario».

Una gestione dell’emergenza da parte delle Regioni «ampiamente da rivedere e sicuramente non soddisfacente», aggiunge il professore. «Io ritengo – conclude – che molti aspetti della sanità non possano essere delegati alle Regioni, dalla gestione delle crisi alle campagne vaccinali, anche antinfluenzali. Ci sono attività la cui universalità non può avere deroghe. È necessario prevedere la possibilità di avocare a livello centrale funzioni essenziali per la salute e garantire che la salute sia ugualmente tutelata su tutto il territorio nazionale. Se le Regioni non si dimostrano in grado di coordinarsi e di garantire determinati standard, le loro competenze devono essere centralizzate».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pma e responsabilità professionale, l’intervista all’avvocato SIRU Maria Paola Costantini
Come risolvere le diseguaglianze di trattamento tra Regioni? «Precisa applicazione dei LEA, approvazione delle linee guida e diffusione di informazioni non ingannevoli»
di Isabella Faggiano
«Come ridurre il rischio di commettere errori quando si prescrivono farmaci»
di Muzio Stornelli, Formatore e consulente sanitario legale-forense
di Muzio Stornelli, Formatore e consulente sanitario legale-forense
Malpractice, quando rischia di pagare il sanitario e come evitarlo. Soluzioni pratiche dagli esperti C&P
Nel webinar organizzato da Consulcesi & Partners analizzate le principali casistiche della responsabilità civile sanitaria
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
Colpa grave, novità dalla Cassazione penale
Quando si può parlare di colpa grave? Novità e precisazioni emergono da una recente sentenza della Corte di Cassazione
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano