Lavoro 15 Marzo 2016 16:39

Ex specializzandi: «Una  legge per risolvere definitivamente il problema dei medici»

Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario Ministero della Giustizia: «Trovare una soluzione di equilibrio». Raffaele Squitieri, presidente della Corte dei Conti: «Con un Ddl si risolve il problema definitivamente»

Ex specializzandi: «Una  legge per risolvere definitivamente il problema dei medici»

La questione dei rimborsi agli ex specializzandi, con i ricorrenti che continuano a vincere, sta causando un vero e proprio salasso per le casse dello Stato.


Attualmente tre DDL sono in Parlamento per promuovere una transazione definitiva che non solo porrà fine a questo stillicidio ma avrà anche un positivo effetto collaterale: deflazionare il contenzioso tra Stato e medici nelle aule dei tribunali.

Proprio «una soluzione equilibrata» è l’auspicio del Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri il quale, durante il recente convegno tenutosi a Roma su “L’alleanza medico-paziente”, ha dichiarato ai microfoni di Sanità informazione: «Ci sono tre disegni di legge e so che nell’agenda politica del Governo c’è molta attenzione su questa questione. E’ giusto trovare una soluzione improntata all’equilibrio. Mi auguro che il contenzioso possa essere risolto in modo che si riescano a conciliare gli interessi di entrambe le parti in causa. Bene anche cercare dei nuovi punti normativi sulla questione, ma per il momento è fondamentale giungere ad un accordo su quello che è stato».

Posticipare ulteriormente la transazione si ripercuoterebbe sulla sanità italiana, un settore che, come ha denunciato il presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri, vive già un momento di profonda crisi a causa dei tagli e delle politiche di austerity imposte dal Governo. Lo stesso Squitieri, intervistato ai nostri microfoni durante il recente convegno “Etica in riabilitazione” a Roma, ha sottolineato l’importanza di definire la controversia una volta per tutte, per via normativa piuttosto che giurisprudenziale. «Se si fa un intervento attraverso leggi il problema si risolve da solo perché la legge è sovrana. Un disegno di legge risolve il problema in via definitiva. La soluzione giurisdizionale è un po’ più difficile. Alla transazione si può addivenire quando, secondo la prassi, si ha la quasi certezza che in vertenza si sarebbe soccombenti. Se una delle due parti sa che ha buone possibilità di perdere la causa, si fa la transazione; ma se ci sono probabilità di vincere, la transazione non si fa. La via giurisdizionale è sempre un po’ a rischio. Normalmente davanti a una vertenza che si può perdere, si chiede il parere neutro di avvocati – per lo Stato c’è l’avvocatura dello Stato – che ci dicono quali sono le chance di vincere e quali di perdere. A quel punto, si può decidere di fare una transazione e se ne stabiliscono anche i limiti».

Articoli correlati
Ex specializzandi, Consulcesi: «Segno inequivocabile da ministra Messa su risarcimenti»
Sulla questione ex specializzandi, dopo le novità, il presidente Consulcesi ribadisce: «Noi continueremo a sostenere nei tribunali, ed in tutte le altre sedi possibili, questa battaglia di giustizia»
Sbrollini (Italia Viva): «Chiederei scusa agli ex specializzandi per i ritardi. Ora tocca ai tribunali»
Subito dopo il question time in Senato, abbiamo incontrato la senatrice Daniela Sbrollini di Italia Viva, che ha posto alla ministra Maria Cristina Messa il quesito sull'ingiustizia subita dai medici specializzandi dall'83 al 91
Ex specializzandi. La ministra Messa: «Ci impegneremo a porre rimedio con ogni utile iniziativa»
Durante il question time in Senato, di fronte alla domanda della senatrice Sbrollini, la ministra Messa ha confermato di essere a conoscenza della recente sentenza della Corte di giustizia europea e rimarcato l'intenzione di porre fine all'ingiustizia
Ex specializzandi, Pagano: «Interessi e rivalutazione monetaria, il Parlamento ne tenga conto»
Il Senatore: «È opportuno che la politica e le istituzioni si facciano carico di un’esigenza e facciano capire che l’Italia rispetto a questo provvedimento non sia un paese di serie B, visto che siamo uno dei paesi fondatori dell’UE»
Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio
Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ricorrenti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali