Lavoro 15 marzo 2016

Ex specializzandi: «Una  legge per risolvere definitivamente il problema dei medici»

Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario Ministero della Giustizia: «Trovare una soluzione di equilibrio». Raffaele Squitieri, presidente della Corte dei Conti: «Con un Ddl si risolve il problema definitivamente»

Immagine articolo

La questione dei rimborsi agli ex specializzandi, con i ricorrenti che continuano a vincere, sta causando un vero e proprio salasso per le casse dello Stato.


Attualmente tre DDL sono in Parlamento per promuovere una transazione definitiva che non solo porrà fine a questo stillicidio ma avrà anche un positivo effetto collaterale: deflazionare il contenzioso tra Stato e medici nelle aule dei tribunali.

Proprio «una soluzione equilibrata» è l’auspicio del Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri il quale, durante il recente convegno tenutosi a Roma su “L’alleanza medico-paziente”, ha dichiarato ai microfoni di Sanità informazione: «Ci sono tre disegni di legge e so che nell’agenda politica del Governo c’è molta attenzione su questa questione. E’ giusto trovare una soluzione improntata all’equilibrio. Mi auguro che il contenzioso possa essere risolto in modo che si riescano a conciliare gli interessi di entrambe le parti in causa. Bene anche cercare dei nuovi punti normativi sulla questione, ma per il momento è fondamentale giungere ad un accordo su quello che è stato».

Posticipare ulteriormente la transazione si ripercuoterebbe sulla sanità italiana, un settore che, come ha denunciato il presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri, vive già un momento di profonda crisi a causa dei tagli e delle politiche di austerity imposte dal Governo. Lo stesso Squitieri, intervistato ai nostri microfoni durante il recente convegno “Etica in riabilitazione” a Roma, ha sottolineato l’importanza di definire la controversia una volta per tutte, per via normativa piuttosto che giurisprudenziale. «Se si fa un intervento attraverso leggi il problema si risolve da solo perché la legge è sovrana. Un disegno di legge risolve il problema in via definitiva. La soluzione giurisdizionale è un po’ più difficile. Alla transazione si può addivenire quando, secondo la prassi, si ha la quasi certezza che in vertenza si sarebbe soccombenti. Se una delle due parti sa che ha buone possibilità di perdere la causa, si fa la transazione; ma se ci sono probabilità di vincere, la transazione non si fa. La via giurisdizionale è sempre un po’ a rischio. Normalmente davanti a una vertenza che si può perdere, si chiede il parere neutro di avvocati – per lo Stato c’è l’avvocatura dello Stato – che ci dicono quali sono le chance di vincere e quali di perdere. A quel punto, si può decidere di fare una transazione e se ne stabiliscono anche i limiti».

Articoli correlati
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...