Lavoro 20 Marzo 2020

Dall’Antartide all’Africa, la storia del ‘medico delle situazioni estreme’ Andrea Molesi

Volontario del Soccorso alpino, Molesi è un anestesista rianimatore esperto di soccorsi in condizioni limite: «Al Polo Sud l’ospedale più vicino si poteva raggiungere in 12 ore. Per fortuna siamo riusciti a gestire bene tutte le situazioni critiche». Oggi ha lasciato il sistema sanitario nazionale e lavora come contractor di una agenzia medica internazionale

Immagine articolo

«Posso definirla ‘medico delle situazioni estreme?». «Beh, detto così sembra chissà cosa, però in effetti mi piace la medicina delle spedizioni, il prendere in considerazione la medicina di emergenza in contesti particolari. In un ambulatorio di una grande città italiana mi annoierei». È proprio sul finire della conversazione che trovo le parole giuste per definire Andrea Molesi, anestesista rianimatore, medico volontario del soccorso alpino e grande esperto di soccorso in condizioni estreme. Una passione che lo ha spinto a lasciare il Servizio sanitario nazionale (lavorava al Carlo Urbani di Ancona) per tentare un’avventura che, come contractor di una agenzia medica internazionale, ora lo ha portato in Guinea equatoriale come medico di una compagnia Oil&gas americana che opera nel paese africano.

«Il soccorso extra-ospedaliero prevede una formazione particolare – spiega Molesi a Sanità Informazione -. Si va fuori con dei mezzi che non garantiscono una quantità di risorse necessaria a fare qualunque cosa. Le linee guida internazionali per il soccorso extra ospedaliero vanno contestualizzate ad ambienti particolari. Non dico che una pista da sci sia un ambiente estremo ma sicuramente non è quello classico di una strada di città o di una casa. Le competenze che dovrebbe avere il medico di emergenza che fa un soccorso in questi ambienti sono prima di tutto una esperienza personale nel soccorso in generale e poi di riuscire ad avere la capacità di adattarsi a condizioni estreme sia come meteo, perché in montagna non vai solo con il bel tempo ma anche con neve e vento, e sia come offerta di soccorso in sè. Dobbiamo tenere conto che le ambulanze, più che per legge diciamo per protocollo, dovrebbero raggiungere l’infortunato in un tempo al di sotto dei 10 minuti e garantire un rientro in ospedale nello stesso modo. Tutto questo non si applica per le squadre di soccorso in montagna che pur partendo nel momento della chiamata dell’incidente possono arrivare con delle ore di ritardo e tornare indietro con ancora più ritardo».

La storia di Molesi parte da lontano. Non aveva avuto sin dall’inizio la folgorazione per la carriera medica ma, studiando per il test di ingresso a Medicina, scopre che la materia lo appassiona. Iniziato il corso, si avvicina alla figura dell’anestesista rianimatore che infatti sceglie come specializzazione. A quel punto non poteva far altro che unire la passione per montagna, scialpinismo e arrampicata con la medicina: «Ho cercato di portare la mia professione all’interno della montagna in modo tale da dire: se non posso andare in montagna per conto mio lo faccio per lavoro. Ed ecco il soccorso alpino».

Ambiente difficile quello delle alte vette, dove pochi minuti possono fare la differenza tra la vita e la morte. Ma a volte la montagna sa essere spietata: «La velocità è importante nel soccorso, tanto è vero che si parla di ‘golden period’. Ma non sempre è sufficiente: ultimamente siamo andati a raccogliere delle persone che in realtà erano morte a pochissimi minuti dell’incidente. Non c’è stato niente da fare».

«Il soccorso più significativo – continua Molesi – è accaduto proprio nella mia regione, le Marche. L’ingranaggio ha girato molto bene con delle lentezze esasperanti in fase preparatoria ma alla fine è andato tutto bene. I problemi che abbiamo avuto sono stati quelli sull’uso dell’elicottero, la mancanza di lungimiranza e la mancanza di regole d’ingaggio ci ha impedito di utilizzare in modo precoce l’elicottero per il trasporto del personale delle squadre di soccorso e dei feriti. Nonostante questo siamo riusciti a portare via tutti e due i feriti».

Molesi però è famoso per aver partecipato anche a una spedizione in Antartide. Naturalmente sempre come medico. «Quando ti trovi questi siti così remoti la medicina che ti viene richiesta non è soltanto quella specialistica – spiega Molesi -. Il datore di lavoro ti chiede di saper gestire al meglio le emergenze. Poi succede che le emergenze sono rare. Bisogna anche saper gestire la routine, una medicina più ambulatoriale. Attraverso corsi e studi personali ho acquisito competenze in ginecologia, medicina generale, pediatria, medicina tropicale, medicina del lavoro».

Ma in Antartide il problema grosso era gestire l’emergenza e l’urgenza. «La base era isolata dal resto del mondo, da lì quando ci potevamo muovere l’aereo doveva arrivare in Nuova Zelanda e sono 8-9 ore di volo. Ma l’aereo non ce l’avevamo sempre. Dovevamo andare in qualche modo verso la base americana oppure farci mandare un aereo. Il che significa che qualsiasi incidente con richiesta di evacuazione medica avrebbe significato avere il paziente in ospedale in un arco di 12 ore. Un tempo lunghissimo. In questo tempo tu devi essere in grado di gestire la situazione e un malato critico».

Fortunatamente, nessuna evacuazione si è resa necessaria. Ma qualche situazione di emergenza sì. «Non abbiamo rischiato la vita del paziente ma ci sono state situazioni da fronteggiare lì sul posto con i mezzi che avevamo e nel più breve tempo possibile. Siamo riusciti a gestire bene la situazione».

Dall’Antartide all’Africa il passo è breve. Ma per Molesi, il medico delle situazioni estreme, non c’è scenario pur remoto che non si possa affrontare.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
Pronto soccorso, Manca: «File più lunghe di prima. Siamo la risposta alle inefficienze del territorio e dei reparti Covid»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Da noi anche pazienti per tamponi o test sierologici e casi sospetti Covid che non trovano posto nei reparti dedicati. Ma in alcune aree d’Italia è stato dismesso il percorso differenziato, quindi in presenza di un solo positivo rischiamo di chiudere tutto il pronto soccorso»
di Isabella Faggiano
Al via sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali. Ecco il nuovo protocollo alla luce del Covid
La partecipazione dei medici è volontaria ma è importante che i professionisti che decidono di aderire garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza
Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»
Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici
Vaccini in farmacia. Magi (Omceo Roma): «Pronti a collaborare purché si cambi la norma. Altrimenti siamo tutti fuorilegge»
La posizione del presidente dell’ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito al tavolo tecnico che si è svolto ieri in regione Lazio. «La legge purtroppo impedisce la presenza del medico in farmacia. La vaccinazione è e resta un atto medico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...