Lavoro 20 Maggio 2020 07:46

Da 500 a 5 mila euro di multa per chi offende o molesta il personale sanitario: la Camera approva

Avanzata in Commissione Affari Sociali da un deputato di Forza Italia, in Aula non è stata però sostenuta dal centrodestra

Una multa da 500 a 5 mila euro per chi adotta “condotte offensive o moleste” verso medici e personale sanitario. È quanto prevede la norma votata alla Camera questa mattina, nella proposta di legge che alza le pene per le aggressioni ai camici bianchi.

«Salvo che il fatto costituisca reato – recita la nuova formulazione approvata dall’Aula – chiunque tenga condotte violente, ingiuriose, offensive o moleste nei confronti di personale esercente una professione sanitaria o socio-sanitaria o di chiunque svolga attività ausiliarie di cura, assistenza sanitaria o soccorso, funzionali allo svolgimento di dette professioni, presso strutture sanitarie e socio-sanitarie pubbliche o private è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 500 a euro 5.000».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA MEDICI, TREND IN AUMENTO: IL 55% DEGLI OPERATORI VITTIMA DI AGGRESSIONI. L’INDAGINE ANAAO ASSOMED

L’introduzione della sanzione amministrativa nella proposta di legge era stata avanzata in Commissione Affari Sociali da Paolo Russo di Forza Italia, ma in aula oggi il centrodestra ha cambiato idea non sostenendo più la norma. L’articolo è stato quindi approvato dalla sola maggioranza, con astensione del centrodestra e sette voti contrari.

Il deputato di Forza Italia Francesco Paolo Sisto è intervenuto prima della votazione dichiarandosi contrario all’introduzione di sanzioni amministrative in aggiunta all’innalzamento di quelle penali in caso di aggressione vera e propria.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Stanchi nel corpo, avviliti nello spirito. Lo stato d’animo dei professionisti sanitari coinvolti nell’emergenza
La situazione in Italia resta grave e la pressione sugli ospedali non si alleggerisce. Medici e infermieri lavorano senza sosta, al limite delle forze. Ma devono difendersi anche dal fuoco amico
Fondazione Onda: «Ben otto operatori sanitari su dieci testimoni di episodi di violenza fisica o verbale»
Questi sono alcuni dati dell’indagine di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, presentata al IV Congresso nazionale, nell’ambito del progetto “Gli stereotipi di genere in sanità: un percorso culturale” dell’iniziativa di Regione Lombardia ‘Progettare le Parità in Lombardia 2019’
Contenziosi, aggressioni e assicurazioni: l’importanza della tutela legale in sanità
Mellacina (Cisl Medici Lazio): «I contenziosi sono in aumento, fondamentale tutela legale»
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Aggressioni in sanità, Falconi: «Legge non basta, bisogna tornare ad investire sul personale»
Il Presidente del Tribunale dei diritti e doveri del medico: «Credo che ci saranno molte cause dopo l’emergenza Covid. Mi auguro che la magistratura faccia il suo dovere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 gennaio, sono 96.868.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.074.886 i decessi. Ad oggi, oltre 46,89 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...