Lavoro 19 Ottobre 2021 15:57

Crisi sistema emergenza territoriale, le soluzioni del 78° congresso nazionale Fimmg

Fimmg Es lancia la propria proposta per rivedere le modalità di accesso al Sistema di Emergenza Sanitaria Territoriale

Crisi sistema emergenza territoriale, le soluzioni del 78° congresso nazionale Fimmg

Cosa fare per risolvere la carenza di personale medico? Secondo Fimmg – Emergenza sanitaria bisogna strutturare un percorso formativo, professionale e contrattuale che richiami forze nuove nel complesso ma stimolante mondo dell’Emergenza Territoriale/118.

«L’Emergenza Territoriale – si può leggere in una nota – è considerata un LEA organizzato in Ambito Distrettuale (DPCM 12 gennaio 2017 GU n65 del 18 marzio 2017). Occorre quindi distinguere l’emergenza Territoriale, considerata attività prettamente distrettuale, differente cioè dall’attività ospedaliera. Un approccio ideologico, teorico, senza alcuna chiarezza circa la commistione di ruoli tra i vari professionisti che operano nel SET che ha larghi margini di incertezza circa l’effettiva efficacia e sostenibilità, destabilizzerebbe ancora di più un sistema già in enorme sofferenza».

Il settore sta vivendo una stagione di grave sofferenza per carenza di personale medico. A fronte di circa 1000 medici Dipendenti e di circa 3000 medici Convenzionati che operano sul Territorio (oltre il 50% con un’età media di circa 60 anni), per la copertura ottimale del servizio, ed assicurare i LEA a tutta la popolazione italiana, mancherebbero all’appello ad horas circa 2000 medici.

A tal proposito il Segretario Generale Fimmg Silvestro Scotti dichiara: «Il Sistema di Emergenza Sanitaria Territoriale rappresenta un tassello importantissimo dei servizi territoriali offerti ai cittadini, un servizio di prossimità imprescindibile dalla riorganizzazione in atto nel territorio. Non immaginare percorsi di soluzione come quello prospettato dal Settore dell’Emergenza Territoriale FIMMG sarebbe una colpevole leggerezza istituzionale».

«Per rispettare i LEA, e per assicurare il miglior servizio possibile ai Cittadini – dichiara Francesco Marino Segretario Nazionale Fimmg Es – occorre un Mezzo di Soccorso Avanzato (MSA) con Medico di Emergenza Sanitaria Territoriale, Infermiere adeguatamente formato all’Emergenza Territoriale e Autista Soccorritore».

«L’evoluzione professionale – dichiara ancora Marino – per i Medici Convenzionati deve prevedere la possibilità di accedere, in sovrannumero previa selezione, e senza borsa di studio al Corso di Formazione Specifico in Medicina Generale, o alla formazione Specialistica in Medicina di Emergenza-Urgenza». I medici che operano sul territorio sono circa 4000, di cui i tre quarti sono Medici Convenzionati.

«Come rappresentati di Categoria, quali Stake holder più rappresentativi dei Medici in servizio, pretendiamo di essere coinvolti nei percorsi decisionali che porteranno alla ristrutturazione ed al governo del Sistema di Emergenza Sanitaria Territoriale», conclude Marino.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia
La Cassazione: colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia. Una diagnosi errata può infatti provocare danni seri al paziente
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
«Il decreto specializzandi è una soluzione tampone. No al task shifting». Intervista a Filippo Anelli
Il presidente della FNOMCeO: «Chiediamo una ristrutturazione della formazione specialistica: va esercitata all’interno degli ospedali. Il task shifting può essere adottato solo nei Paesi del terzo mondo o nei teatri di guerra. Il tempo della comunicazione fra il medico e paziente, così come per legge, è tempo di cura»
Medici in fuga e maxipensionamenti, Zuccarelli (OMCeO): «Oggi fare il medico non ha più appeal»
Il punto su turni massacranti, formazione continua e aumento borse di specializzazione
Mascherine, i medici: «Si pensi anche a preparare gli ospedali per l’autunno, siamo sfiniti»
Il sindacato CIMO-FESMED: «In percentuale, i casi di Covid-19 tra gli operatori sanitari continuano ad essere di più rispetto alla popolazione. Rivedere i percorsi e riorganizzare le strutture sanitarie per consentire il ricovero di pazienti Covid e non Covid»
La denuncia di Quici (Cimo-Fesmed): «L’84% dei medici che entrano nel SSN non ha nessuna aspettativa di carriera»
Turni che superano le 48 ore, 11mila strutture complesse e semplici tagliate, un taglio del salario accessorio del 20% rispetto al 5% della riduzione del numero dei medici e poi ancora le aggressioni e il contenzioso. Il presidente CIMO spiega cosa affrontano i medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...