Lavoro 8 Settembre 2020 08:58

Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»

Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»

Fino a qualche mese fa gli operatori sanitari si sentivano definire eroi. Ora ricevono denunce per presunti episodi di malpractice. La pandemia da Covid-19 ha trovato impreparati i servizi sanitari di tutto il mondo e, almeno in Italia, capita che la colpa di un contagio venga data al professionista che si è ritrovato a combattere una guerra con le armi spuntate. Ma la Legge 24/2017 (la cosiddetta Legge Gelli-Bianco) tutela questi professionisti? Lo abbiamo chiesto proprio a Federico Gelli, Presidente della Fondazione Italia in Salute.

Presidente Gelli, a causa del Covid tanti medici rischiano di essere denunciati, e in molti casi lo sono già stati. La Legge che porta il suo nome come tutela questi professionisti?

«Purtroppo, dopo il periodo in cui venivano chiamati eroi, siamo passati alla fase in cui gli operatori sanitari vengono chiamati in causa per responsabilità civile e penale. Questa situazione crea nuovamente allarmismo e preoccupazione, soprattutto nel caso di un’eventuale ripresa della pandemia. La Legge Gelli inserisce dei criteri, dei paletti di tutela e di garanzia sia sui profili civili che penali. Avevamo però fatto anche la proposta, come Fondazione Italia in Salute, di inserire un emendamento nel testo della legge che permettesse, nel periodo della pandemia, di poter incrementare i livelli di tutela. Ad oggi, però, non è ancora stato approvato. Confidiamo nella possibilità che la legge diventi pienamente operativa con l’approvazione degli ultimi decreti attuativi (che, ci dicono, dovrebbero essere nella fase finale di approvazione). Invito però di nuovo le forze politiche e il Parlamento a prendere in considerazione la possibilità di cui parlavo, che potrebbe essere un elemento importante di garanzia e di tutela per tutti gli operatori del nostro Ssn».

In attesa che il Parlamento si muova, qui alla Luiss viene presentato un corso importante…

«Si presenta un master di II livello nella gestione del rischio in sanità. La cosa interessante che oggi presentiamo è il modello italiano per la gestione del rischio. All’interno di questo modello, elaborato e prodotto dal mondo della ricerca scientifica della Luiss, presentiamo un manuale per la gestione delle maxi emergenze in sanità che ci permetterà di gestire non solo la pandemia Covid ma anche tutte le gravi situazioni (come esondazioni o terremoti) che purtroppo il nostro Paese è abituato, anche nella storia recente, ad affrontare. Lo si fa in maniera sistematica, preventiva e soprattutto con uno strumento che può essere un punto di riferimento utile per tutti gli operatori e per tutti gli addetti ai lavori della protezione civile e della sanità italiana».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino anti-Covid fascia 5-11 anni, Pfizer: «Forte risposta immunitaria»
I dati sulla fascia di età 5-11 anni con dose di vaccino inferiore rispetto agli adulti mostra un'immunità molto alta. Secondo Pfizer si potrebbe iniziare con le somministrazioni dall'inizio della stagione invernale
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
No Green pass in Uk, Andreoni (Tor Vergata): «Scelta rischiosa». Le novità su test salivari e vaccinazioni
Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma, spiega a Sanità Informazione come sta evolvendo la lotta al Covid-19
Ini Grottaferrata, consegnati attestati di merito ai sanitari impegnati nella campagna vaccinale
«La parola simbolo è gratitudine. È la vittoria di un sistema senza differenze tra pubblico e privato». Così Alessio D’Amato assessore alla sanità della Regione Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco