Lavoro 8 Settembre 2020 08:58

Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»

Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»

Fino a qualche mese fa gli operatori sanitari si sentivano definire eroi. Ora ricevono denunce per presunti episodi di malpractice. La pandemia da Covid-19 ha trovato impreparati i servizi sanitari di tutto il mondo e, almeno in Italia, capita che la colpa di un contagio venga data al professionista che si è ritrovato a combattere una guerra con le armi spuntate. Ma la Legge 24/2017 (la cosiddetta Legge Gelli-Bianco) tutela questi professionisti? Lo abbiamo chiesto proprio a Federico Gelli, Presidente della Fondazione Italia in Salute.

Presidente Gelli, a causa del Covid tanti medici rischiano di essere denunciati, e in molti casi lo sono già stati. La Legge che porta il suo nome come tutela questi professionisti?

«Purtroppo, dopo il periodo in cui venivano chiamati eroi, siamo passati alla fase in cui gli operatori sanitari vengono chiamati in causa per responsabilità civile e penale. Questa situazione crea nuovamente allarmismo e preoccupazione, soprattutto nel caso di un’eventuale ripresa della pandemia. La Legge Gelli inserisce dei criteri, dei paletti di tutela e di garanzia sia sui profili civili che penali. Avevamo però fatto anche la proposta, come Fondazione Italia in Salute, di inserire un emendamento nel testo della legge che permettesse, nel periodo della pandemia, di poter incrementare i livelli di tutela. Ad oggi, però, non è ancora stato approvato. Confidiamo nella possibilità che la legge diventi pienamente operativa con l’approvazione degli ultimi decreti attuativi (che, ci dicono, dovrebbero essere nella fase finale di approvazione). Invito però di nuovo le forze politiche e il Parlamento a prendere in considerazione la possibilità di cui parlavo, che potrebbe essere un elemento importante di garanzia e di tutela per tutti gli operatori del nostro Ssn».

In attesa che il Parlamento si muova, qui alla Luiss viene presentato un corso importante…

«Si presenta un master di II livello nella gestione del rischio in sanità. La cosa interessante che oggi presentiamo è il modello italiano per la gestione del rischio. All’interno di questo modello, elaborato e prodotto dal mondo della ricerca scientifica della Luiss, presentiamo un manuale per la gestione delle maxi emergenze in sanità che ci permetterà di gestire non solo la pandemia Covid ma anche tutte le gravi situazioni (come esondazioni o terremoti) che purtroppo il nostro Paese è abituato, anche nella storia recente, ad affrontare. Lo si fa in maniera sistematica, preventiva e soprattutto con uno strumento che può essere un punto di riferimento utile per tutti gli operatori e per tutti gli addetti ai lavori della protezione civile e della sanità italiana».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni