Lavoro 8 Settembre 2020 08:58

Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»

Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»

Fino a qualche mese fa gli operatori sanitari si sentivano definire eroi. Ora ricevono denunce per presunti episodi di malpractice. La pandemia da Covid-19 ha trovato impreparati i servizi sanitari di tutto il mondo e, almeno in Italia, capita che la colpa di un contagio venga data al professionista che si è ritrovato a combattere una guerra con le armi spuntate. Ma la Legge 24/2017 (la cosiddetta Legge Gelli-Bianco) tutela questi professionisti? Lo abbiamo chiesto proprio a Federico Gelli, Presidente della Fondazione Italia in Salute.

Presidente Gelli, a causa del Covid tanti medici rischiano di essere denunciati, e in molti casi lo sono già stati. La Legge che porta il suo nome come tutela questi professionisti?

«Purtroppo, dopo il periodo in cui venivano chiamati eroi, siamo passati alla fase in cui gli operatori sanitari vengono chiamati in causa per responsabilità civile e penale. Questa situazione crea nuovamente allarmismo e preoccupazione, soprattutto nel caso di un’eventuale ripresa della pandemia. La Legge Gelli inserisce dei criteri, dei paletti di tutela e di garanzia sia sui profili civili che penali. Avevamo però fatto anche la proposta, come Fondazione Italia in Salute, di inserire un emendamento nel testo della legge che permettesse, nel periodo della pandemia, di poter incrementare i livelli di tutela. Ad oggi, però, non è ancora stato approvato. Confidiamo nella possibilità che la legge diventi pienamente operativa con l’approvazione degli ultimi decreti attuativi (che, ci dicono, dovrebbero essere nella fase finale di approvazione). Invito però di nuovo le forze politiche e il Parlamento a prendere in considerazione la possibilità di cui parlavo, che potrebbe essere un elemento importante di garanzia e di tutela per tutti gli operatori del nostro Ssn».

In attesa che il Parlamento si muova, qui alla Luiss viene presentato un corso importante…

«Si presenta un master di II livello nella gestione del rischio in sanità. La cosa interessante che oggi presentiamo è il modello italiano per la gestione del rischio. All’interno di questo modello, elaborato e prodotto dal mondo della ricerca scientifica della Luiss, presentiamo un manuale per la gestione delle maxi emergenze in sanità che ci permetterà di gestire non solo la pandemia Covid ma anche tutte le gravi situazioni (come esondazioni o terremoti) che purtroppo il nostro Paese è abituato, anche nella storia recente, ad affrontare. Lo si fa in maniera sistematica, preventiva e soprattutto con uno strumento che può essere un punto di riferimento utile per tutti gli operatori e per tutti gli addetti ai lavori della protezione civile e della sanità italiana».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nel 2020 trapianti in calo, il 33,6% dice no alla donazione (in testa over 60)
La Rete italiana sembra aver retto all'urto provocato dal Covid, ma sono 400 i trapianti in meno rispetto al 2019. Mai tante donazioni di midollo, ma rallenta il reclutamento dei nuovi donatori. Speranza: «Assicurata ai pazienti una continuità assistenziale di altissimo livello»
Psicologia a portata di click: realtà virtuale e app contro lo stress da Covid-19
Lo psicologo: «Con l’utilizzo di visori per la realtà virtuale portiamo medici e operatori sanitari, impegnati in prima linea nella lotta al coronavirus, nei luoghi dove sono stati felici. Per tutti gli italiani c’è Sygmund, un’app per consulenze psicologiche online ed immediate»
di Isabella Faggiano
Covid-19, nuovo report cabina di regia. Brusaferro (ISS): «Crescita contagi lieve, frutto degli sforzi di Natale»
Rezza: «Italia al top in Europa per quanto riguarda le vaccinazioni». La novità: «Da oggi conteggiati in bollettino quotidiano anche test sierologici di ultima generazione»
Rischio clinico, oltre 300mila download per il manuale promosso da Fondazione Italia in Salute
Pubblicato da Springer, fornisce le basi metodologiche della gestione del rischio. Il presidente Gelli: «Tema sempre più attuale»
Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»
Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l'attuale nuova ondata di fake news»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»