Lavoro 27 Luglio 2021 11:21

Covid, con primi stop ai sanitari non vaccinati rischio buchi in reparti

Sternativo (Fials Milano): «Solo quando il datore di lavoro è impossibilitato all’assegnazione dell’operatore non vaccinato a mansioni diverse è tenuto a dare avvio al periodo di sospensione»

Covid, con primi stop ai sanitari non vaccinati rischio buchi in reparti

«Nelle ultime ore sono arrivate le prime sospensioni del personale sanitario che in Lombardia ha rifiutato la vaccinazione anti-Covid. A Milano tutte le aziende sono coinvolte e in alcuni reparti l’impatto dell’assenza di questo personale ad oggi sembra difficile da compensare». A annunciare l’arrivo a destinazione – atteso proprio in questi giorni – dei primi stop ai sanitari non vaccinati, è il segretario di Fials Milano Area Metropolitana Mimma Sternativo, che lancia anche l’allarme su due rischi che si profilano ora: il primo è che alcune strutture (perdendo sanitari, per effetto delle sospensioni) si trovino con reparti in parte scoperti, l’altro riguarda i diritti dei lavoratori.

Un problema che può presentarsi in tutta Italia

Su quest’ultimo punto Sternativo spiega che il datore di lavoro, «solo quando è impossibilitato all’assegnazione» dell’operatore non vaccinato «a mansioni diverse, è tenuto a dare avvio al periodo di sospensione». Sternativo richiama il contenuto del Dl 44/2021, che al comma 8 recita: «Ricevuta la comunicazione di cui al comma 6, il datore di lavoro adibisce il lavoratore, ove possibile, a mansioni, anche inferiori, diverse da quelle indicate al comma 6, con il trattamento corrispondente alle mansioni esercitate, e che, comunque, non implicano rischi di diffusione del contagio». E aggiunge: «Questa procedura non ci risulta che sia stata rispettata». Per la rappresentante sindacale, «l’importanza della campagna vaccinale non può confliggere con il riconoscimento dei diritti dei lavoratori».

Rischio buchi nei reparti

Un ultimo aspetto riguarda i ‘vuoti’ che si rischia di creare in alcuni reparti: «Non ultimo – dice Sternativo – non esiste traccia di progettualità né di organizzazione rispetto alla sostituzione del personale sospeso. Noi di Fials siamo come sempre disponibili ad aiutare, specie durante una pandemia e in quella che è ancora un’emergenza in corso. Non siamo disponibili però a lasciare soli i lavoratori, e non lo saremo mai».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Puglia primo reparto Covid a gestione infermieristica. DG Asl Bari: «Gestione multidisciplinare per affrontare nuovi ondate»
Al Policlinico San Paolo di Bari la sperimentazione avviata dal direttore generale dell’Asl Antonio Sanguedolce ha avuto successo: i pazienti non vengono mandati al Covid hospital ma destinati a questo reparto e seguiti da diversi medici. Resta fisso invece il pool infermieristico. Andreula (OPI Bari): «Abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale»
di Francesco Torre
Covid, Regimenti (FI): «La pandemia è un’opportunità per l’ammodernamento della sanità»
Secondo l'eurodeputata azzurra, che ha parlato alla convention di Forza Italia a Napoli,, «con i fondi erogati dall’Ue è stato anche dato un grande impulso alla ricerca scientifica, raggiungendo nuove frontiere nella cura ai tumori»
Congresso Sip, i progressi della Pediatria di precisione
Il Congresso Italiano di Pediatria torna nuovamente in presenza da mercoledì 18 a sabato 21 maggio presso l’Hilton Sorrento Palace di Sorrento. A presiederlo, per la prima volta dopo oltre 120 anni, una donna: la Presidente della SIP, Annamaria Staiano, eletta alla guida della Sip lo scorso maggio
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Seggi in reparti Covid e Green pass per il personale, nuove norme per le elezioni
In una nuova circolare unificata, firmata da Giovanni Rezza del ministero della Salute, sono state indicate le nuove regole per far vitare i cittadini positivi al Covid in sicurezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto