Lavoro 28 Maggio 2020

Covid-19, il Codacons lancia un questionario per accertare le responsabilità dei decessi: medici nel mirino?

«Il parente dopo quanto tempo dall’arrivo in ospedale è stato visitato al triage? Poi è stato ricoverato in reparto? È stato sottoposto al tampone o ad accertamenti diagnostici quali rx torace e saturimetro?». Queste alcune domande rivolte ai cittadini

Covid-19, il Codacons lancia un questionario per accertare le responsabilità dei decessi: medici nel mirino?

Un questionario volto ad «acclarare la responsabilità dei decessi per omesso o tardivo ricovero e cura» di pazienti con Covid-19. È quello che da due giorni è possibile scaricare dal sito del Codacons ed inviare alla Procura della Repubblica competente per territorio se si ritiene di «essere stato danneggiato dal coronavirus a causa della negligente gestione della pandemia e della mancata attuazione del Piano Pandemico Nazionale esistente sin dall’anno 2006».

È iniziata la ricerca dei responsabili, insomma. A che livello della gerarchia del mondo sanitario, non è chiaro. Nella presentazione del questionario sul sito internet dell’associazione a difesa dei consumatori si elencano infatti le attività previste dal Piano Pandemico che lo Stato italiano avrebbe dovuto mettere in campo per prepararsi ad affrontare l’emergenza (dall’approvvigionamento dei dispositivi di protezione individuale per il personale sanitario al censimento delle disponibilità di posti letto in isolamento); poi si evidenzia che «dal 30 gennaio 2020 (giorno in cui l’OMS dichiara l’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale, ndr) si è agito in concreto unicamente in data 9 marzo 2020 (giorno in cui il Governo ha adottato il lockdown in tutto il territorio nazionale, ndr)».

L’associazione mette allora in guardia: «Per la mancata corretta gestione dell’emergenza sanitaria, il Codacons ha presentato un esposto alle 104 procure italiane» chiedendo alle Autorità Giudiziarie «di predisporre tutti i controlli necessari ad accertare eventuali responsabilità e fattispecie di condotte penalmente rilevanti e, in caso affermativo, di verificare l’autore e/o gli autori delle negligenti azioni per, conseguentemente, esperire nei loro confronti l’azione penale per tutti quei reati che riterranno ravvisabili».

LEGGI ANCHE: COVID-19 E RESPONSABILITÀ MEDICA, D’ELIA (PROCURA ROMA): «MI CHIEDO SE LEGGE GELLI SIA ADEGUATA ALL’EMERGENZA»

«Le Autorità competenti – prosegue l’associazione – potrebbero, nel caso, essere chiamate a rispondere ai sensi dell’art. 40 comma 2 c.p. a titolo di responsabilità omissiva per i reati di epidemia colposa (ex combinato disposto degli artt. 438 e 452 c.p.), strage, omicidio colposo plurimo e omissione di soccorso».

E poi si apre il questionario, «relativo alla assistenza sanitaria ricevuta per l’emergenza Coronavirus (Covid-19) per il proprio parente deceduto». Le domande poste ai cittadini («standard ed esemplificative», si legge nell’intestazione, che precisa che «ciò che rileva è esporre alla Procura gli accadimenti dei fatti per consentire la valutazione della sussistenza di eventuali reati») sembrano allora non riguardare l’eventuale impreparazione dello Stato, ma valutare l’operato della singola struttura e del singolo professionista sanitario.

Dopo quanto tempo ha ricevuto risposta adeguata dal numero verde regionale, dal numero di pubblica utilità 1500, dal 112 o dal 118? L’autoambulanza si è rifiutata di trasportare il parente perché aveva sintomi di febbre e/o tosse? Il parente dopo quanto tempo dall’arrivo in ospedale è stato visitato al triage? Poi è stato ricoverato in reparto? È stato sottoposto al tampone o ad accertamenti diagnostici quali rx torace e saturimetro? È stato dimesso con persistente tosse e/o febbre? E dopo quanto tempo dalle eventuali dimissioni è avvenuto il decesso?

Queste alcune delle domande presenti nel modulo, che può essere inviato al Codacons «anche al fine di contribuire all’analisi dei fatti per scopi statistici». Domande che, com’è ovvio che sia, non vanno ad indagare i presunti ritardi statali o le negligenze del Governo nella gestione della pandemia, quanto le eventuali responsabilità del singolo operatore. È partita la nuova caccia all’errore medico? D’altro canto, ci vuole ben poco per saltare da “eroe” a “errore”.

 

Articoli correlati
Ferie negate, turni massacranti e rischi professionali. Avv. Croce (C&P): «Con emergenza ci si sta allontanando sempre di più dalla legalità»
«Tra i rischi per il personale anche quello di essere coinvolti in azioni collettive di responsabilità contro le strutture sanitarie. Il consiglio è di formalizzare il dissenso con richiamo alle norme di legge applicabili e poi “andare al fronte”»
Tamponi Covid, cosa rischia il medico che ne prescrive troppi (o troppo pochi)? Intervista all’Avv. Hazan
«La Legge Gelli è poco applicabile a questi casi perché si fonda sul rispetto delle linee guida. Ma nel caso del Covid non c’è una comprensione esatta di cosa si debba fare»
Il mistero dei decreti attuativi della Legge Gelli. Misiti (M5S): «Da mesi sollecito il Ministero ma nessuna risposta»
Il deputato e medico M5S racconta a Sanità Informazione i suoi incontri al Ministero della Salute per sbloccare l’impasse su delle norme attese dal 2018: «Ho parlato con FNOMCeO, Anaao e Collegio Italiano dei Chirurghi e tutti si sono detti molto preoccupati per il disinteresse che avvolge il tema». Ma Speranza annuncia un'accelerazione
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
Responsabilità e Covid, l’avvocato: «Si applichi il Codice Civile e i medici risponderanno solo per dolo o colpa grave»
Per Federico Gelli andrebbe istituito un fondo nazionale per indennizzi e risarcimenti. Poi spinge sull’approvazione dei decreti attuativi della legge 24. Ecco come è andato il webinar “Sanità – Cosa imparare dall’esperienza Covid-19”
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli