Lavoro 29 settembre 2015

«Cosa rischio davvero se prescrivo le prestazioni tagliate…»

Guida alle sanzioni ma anche occhi aperti sui rischi di non poter più tutelare la salute dei pazienti. Ecco perché l’ “appropriatezza” non convince: sciopero ad ottobre

Immagine articolo

Ora se mi si presenta un paziente con un mal di testa o dolori alla schiena, cosa devo fare?». Mentre sindacati e governo si affrontano sulla bozza del Decreto legge che taglia 208 prestazioni nel nome dell’appropriatezza prescrittiva, i medici si interrogano su come cambierà il rapporto con i pazienti e la loro professione.


Per i camici bianchi anche la stessa appropriatezza ha un valore etico e davanti appunto ad un mal di testa o un fastidio alla schiena (per fare solo qualche esempio di una casistica ampissima) ci si ritrova davanti al bivio: andare fino in fondo per tutelare se stesso ed il paziente oppure lasciarsi condizionare dal rischio di essere sanzionati?

Ma un altro grande interrogativo riguarda proprio i criteri che porteranno a stabilire chi e come dovrà essere sanzionato. Punto che aveva già provocato schermaglie tra il ministro alla salute Beatrice Lorenzin ed il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino. Dopo un rimpallo di responsabilità sulla paternità del provvedimento, era stato chiarito che un’apposita commissione avrebbe poi deciso come intervenire sui medici che «reiteratamente e consapevolmente avrebbero prescritto prestazioni inappropriate». Questo aveva anche portato a ragionare sulla necessità di approvare al più presto il provvedimento sulla colpa medica, in discussione alla Camera. Il responsabile sanità del PD Federico Gelli si è impegnato a portare a termine nel più breve tempo possibile il Ddl sulla responsabilità medica, ma ha aggiunto: «Contrastando la medicina difensiva possiamo liberare risorse da poter reinvestire nella professione, sbloccando il turn over, stabilizzando i precari e procedendo al rinnovo dei contratti. Quanto alle sanzioni – ha concluso – lo stesso premier Renzi ha aperto a possibili modifiche».

Ospite della trasmissione “Porta a porta”, il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha teso la mano ai camici bianchi, chiarendo che: «sull’appropriatezza non si torna indietro, ma in Conferenza Stato-Regioni proporrò di eliminare alcuni ambiti di incertezza, cioè che la norma sia applicata in modo uniforme in tutta Italia e che ci sia la garanzia che le cose vadano fatte bene e in modo omogeneo».

Il ministro ha aggiunto che «le sanzioni sono previste solo nel caso di abusi e quando ci sono sprechi enormi. Una prestazione inappropriata non è inutile né superflua, semplicemente non deve essere prescritta a quel paziente». Il ministro ha poi collegato il tema alle liste d’attesa, definendole «un’ingiustizia» ed ha aggiunto che il problema va «affrontato insieme ai medici e alla radice, altrimenti tra poco le liste d’attesa saranno qualcosa di insostenibile».

Ricapitolando: ci sono 208 esami considerati inutili, c’è un decreto legge che annuncia sanzioni per chi li fa eseguire ai pazienti senza motivazioni convincenti ed uno scontro tra governo e sindacati che dovrebbe portare – ad ottobre – dall’attuale mobilitazione allo sciopero. Su quelle stesse sanzioni però la partita è ancora aperta: da una parte la Stato-Regioni deve metterci le mani su input del ministro Lorenzin, dall’altra i medici tra l’incudine ed il martello delle punizioni per chi produce sprechi e l’etica professionale da seguire. In un quadro di forte indecisione Luigi Conte, il segretario della FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, considera «intollerabile il sistema delle sanzioni e il fatto che il medico debba giustificarsi, ma non dimentichiamoci che le sanzioni per chi non rispetta le regole ci sono già».

Va, insomma, trovato un punto di incontro anche perché i tagli nascono dall’esigenza di recuperare fondi per il Ssn, attualmente penalizzato fortemente proprio dal ricorso alla Medicina difensiva che, secondo le stime della commissione Sprechi del Senato, incide per una cifra che oscilla tra i 10 ed i 13 miliardi all’anno. Per medici e sindacati, però, non è la politica che deve stabilire quali sono gli esami inutili, contestando specialmente l’aspetto intimidatorio delle sanzioni. Per i camici bianchi non si può ridurre il problema ad un utilizzo eccessivo di tac, radiografie e risonanze magnetiche, sottolineando peraltro l’importanza degli esami diagnostici. Il vero nodo resta però chiaramente l’invasione di campo della politica e l’assenza di un percorso condiviso.

Il presidente del Consiglio superiore di sanità, Roberta Siliquini, sempre a “Porta a Porta” ci ha tenuto a sottolineare: «L’elenco delle 208 prestazioni mette davanti a tutto il cittadino e la sua salute. La lista è stata stilata sulla base di studi scientifici e ricordiamo che gli esami inutili comportano anche rischi per la salute».

Articoli correlati
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»
Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Regionali Abruzzo, Marsilio (centrodestra) vince con il 49%. Liste d’attesa e abolizione superticket nel programma Sanità
Staccati Legnini (Pd) e Marcozzi (M5S). Il candidato di Fratelli d'Italia succede all’uscente Luciano D’Alfonso. Boom della Lega che raccoglie oltre il 27% delle preferenze. Tra le proposte del neogovernatore quella di decongestionare i Pronto Soccorso Ospedalieri attraverso lo studio di prestazioni alternative per codici verdi e bianchi presso strutture da agganciare in convenzione
Tecnici di laboratorio, Sergio Bernardini (Sibioc): «Investimenti in medicina di precisione o presto dovremo mandare all’estero i campioni biologici»
Il presidente della Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare: «Vanno anche rivisti i programmi di formazione delle lauree triennale e delle specializzazioni in medicina di laboratorio ma fondamentale è l’investimento in nuove strumentazioni». Sul nuovo Ordine delle professioni sanitarie: «È un’opportunità perché l’Ordine assicura l’accreditamento dei professionisti, tutela la professione dalla possibilità di situazioni poco trasparenti e soprattutto dà grande dignità alla professione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...