Lavoro 9 Marzo 2020

Coronavirus e carceri in rivolta, la vita dei medici penitenziari: «Paghe basse e personale allo stremo»

Il caso di Pavia: medici in libera professione sottopagati danno le dimissioni, il bando successivo viene disertato, si opta per camici bianchi già in forza all’ASST

di Federica Bosco
Immagine articolo

Le carceri in rivolta sono l’ultimo effetto del Coronavirus. San Vittore, Opera, Foggia, Modena, Poggioreale, Salerno, Frosinone e Pavia sono alcuni degli istituti penitenziari dove i detenuti impossibilitati ad incontrare i famigliari per le restrizioni dettate dal governo, hanno reagito in maniera violenta. «Quella che doveva essere una misura per salvaguardare la salute dei detenuti, perché il pericolo di contagio arriva da fuori, è diventata invece una bomba ad orologeria – ammette Danilo Mazzacane, segretario regionale Cisl Medici Lombardia – spalleggiati all’esterno dai famigliari, alcuni hanno tentato la fuga, altri hanno distrutto e rese inutilizzabili alcune celle, mettendo a rischio la propria incolumità e quella degli operatori sanitari e degli agenti penitenziari».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, CUPPONE (DIRETTORE SANITARIO SAN DONATO): «IL PICCO NON È ANCORA ARRIVATO, MA TANTI STANNO GUARENDO»

In tema di sicurezza è stata adottata una normativa nelle carceri che prevede per chiunque arrivi da fuori che siano medici, operatori sanitari, infermieri, ma anche agenti di polizia penitenziaria, la sottoscrizione di un documento anamnestico nel quale si dichiara di non avere frequentato luoghi di possibile contagio, di essere asintomatici, mentre prima di accedere all’interno viene misurata la temperatura corporea. «Questo triage messo a punto dall’ASST pavese è sicuramente una risposta valida per limitare il rischio di contagio, anche più efficace di quanto adottato negli ambulatori esterni, quindi tutto è stato fatto nel miglior modo possibile compresa la dotazione delle mascherine quando necessario».

«Il vero problema che emerge, ora più che mai, nelle carceri – sottolinea Mazzacane – è che non esiste una retribuzione uniforme per i medici che esercitano in libera professione nelle carceri della Lombardia, ma esiste una discrepanza da un carcere ad un altro e questo genera malumore. Non solo, in questo modo sempre meno personale medico è disponibile ad affrontare turni massacranti e pieni di responsabilità. Il caso di Pavia è emblematico – conferma – recentemente diversi medici in libera professione con una retribuzione oraria di 27 euro hanno dato le dimissioni dal carcere che oggi si trova con un organico insufficiente per coprire i turni. Per fronteggiare l’emergenza è stato indetto un bando sempre a 27 euro l’ora che è andato deserto, alla fine l’azienda per cercare di sopperire al problema non avendo altre soluzioni, ha fatto un bando interno rivolto ai medici dipendenti, attenendosi strettamente alle modalità contrattuali della dirigenza medica, che prevede una retribuzione di 60 euro lordi orari. Questo ovviamente non va che ad alimentare i malumori tra i medici. Sarebbe pertanto auspicabile un coordinamento regionale che decida una retribuzione che sia uguale per tutti gli istituti penitenziari della Lombardia in modo da farli lavorare nel miglior modo possibile, in serenità e in sicurezza per quanto riguarda l’emergenza attuale».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

 

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 30 settembre, sono 33.646.813 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.007.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 314.861 (1.851 in più rispetto a ieri). 105.564 i […]
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi
Due studi dell’Istituto Villa Santa Maria di Como, pubblicati sul Journal of Infection, approfondiscono casi asintomatici fra bambini e adolescenti dimostrando che possono risultare positivi al tampone per lunghi periodi a causa della cariche virali alte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 settembre, sono 33.646.813 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.007.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze