Lavoro 27 Gennaio 2020

Coronavirus, 150 medici reclutati in poche ore. Il ringraziamento dell’OMCeO Roma

Contribuiranno al rafforzamento dei controlli negli aeroporti e integreranno lo staff della sala operativa del numero verde 1500. Attivata casella di posta dedicata per chi volesse offrire la propria disponibilità

Immagine articolo

Sono 150 i camici bianchi che in poche ore si sono resi disponibili a fare la loro parte per affrontare l’emergenza coronavirus. Alcuni contribuiranno al rafforzamento dei controlli negli aeroporti, altri integreranno lo staff della sala operativa del numero verde 1500, attivo 24 ore su 24 presso il ministero della Salute, a cui si sono rivolte già oltre 400 cittadini per avere risposta a dubbi e a preoccupazioni sul coronavirus. Tra i membri dello staff presenti anche i mediatori culturali che dialogheranno con i cittadini cinesi che si rivolgeranno al servizio.

Diverse equipe di medici e operatori sanitari hanno già preso parte alle sessioni formative organizzate a Lungotevere Ripa. «Donne e uomini che hanno dimostrato grande senso di responsabilità», è il commento di Antonio Magi e Pierluigi Bartoletti, rispettivamente presidente e vice presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, che hanno ringraziato i camici bianchi che hanno risposto all’appello. «Un segnale che sottolinea e conferma il grande senso di responsabilità che sorregge e anima il lavoro dell’area metropolitana».

«Qualora ci fosse un ulteriore bisogno di medici da parte del ministero della Salute – concludono Magi e Bartoletti – l’Ordine ha attivato una specifica casella di posta elettronica emergenzacoronavirus@ordinemediciroma.it dedicata a chi volesse offrire la propria disponibilità per far fronte a questa emergenza sanitaria».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus, minacce a Sileri: viceministro della Salute sotto scorta
«Ho sentito una volta una persona che ha detto più si sale in vetta e più tira forte il vento. Penso sia nostro dovere dare il massimo e aumentano i rischi». Lo ha affermato il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di ‘In viva voce’ su Radiouno Rai, commentando la decisione di assegnargli una scorta […]
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 maggio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 26 maggio, il totale delle persone […]
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, 43mila infezioni di origine professionale denunciate all’Inail. Il 72% da Sanità e assistenza sociale
Pubblicato il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, con la collaborazione della Direzione centrale organizzazione digitale. I casi mortali sono 171 (+42) e circa la metà riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale
Covid-19 e HCV, la proposta: «Abbinare ai test sierologici gli screening per l’Epatite C»
«L’opportunità di effettuare questi test per rilevare la presenza di HCV non ha precedenti. Auspichiamo un Paese senza Covid, ma anche senza Epatite C. E per questo, più persone potremo curare, più ci avvicineremo all’obiettivo», evidenzia il Prof. Massimo Galli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...