Lavoro 24 Luglio 2019

Contratto medici, la soddisfazione di Anaao-Assomed: «Premiati i giovani e riconoscimenti economici al disagio»

INTERVISTA VIDEO | «Oltre 200 euro di aumento mensile, niente guardie per gli over 62, un nuovo percorso che premia il merito». Sono tanti i motivi di soddisfazione per il Segretario del sindacato Carlo Palermo

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Si è concluso con un brindisi e con Carlo Palermo lanciato in aria dai colleghi, il pranzo che ha interrotto l’esecutivo nazionale dell’Anaao Assomed all’indomani della firma del contratto di medici e dirigenti sanitari. Palpabile la soddisfazione nell’aria, dopo un blocco di dieci anni e un confronto tortuoso per 15 mesi con l’Aran. «È il massimo che potevamo ottenere nelle condizioni attuali – spiega Palermo, segretario nazionale del sindacato -. È un contratto che non registra alcun arretramento normativo ma significativi passi in avanti, che pur non essendo un risarcimento di quanto perso negli anni di blocco, rimette in moto la dinamica retributiva. Che, pur essendo figlio dei tempi in cui lo spazio dei diritti è occupato da quello dei numeri ed il tempo lavoro dei medici è assunto a risorsa elastica all’infinito, da pagare al massimo ribasso, ha il grande pregio di restituire cittadinanza ad una parola espulsa dal lessico della politica, colmando un vuoto in cui aziende e regioni hanno usato mano libera nella gestione delle risorse umane, pretendendosi svincolate da norme e financo da leggi».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, QUICI (CIMO): «ECCO LE INSIDIE NASCOSTE». E DICHIARA LO STATO DI AGITAZIONE

PARLEMO: “ECCO PERCHE’ QUESTO CONTRATTO ANDAVA FIRMATO”

Per l’Anaao-Assomed, i vantaggi sono molteplici: «Per i giovani, che riempiono la casella zero del salario di posizione e ricostruiscono carriere frammentate; per chi è prossimo alla pensione, per innegabili vantaggi previdenziali e di TFS; per chi attendeva un sistema dinamico di carriera per legare i meriti professionali a riconoscimenti economici, finora propri solo degli incarichi gestionali; per il lavoro disagiato, con prime e significative differenziazioni nei lavori dei medici ed esenzioni al raggiungimento di un limite di età; per le donne, che vedono crescere la percentuale ammessa al part time e possono sperare di non perdere il salario di risultato per le assenze legate alla gravidanza. Certo, non basta a rispondere a tutte le attuali criticità del lavoro dipendente, messe in evidenza dalla carenza di specialisti, ma non è poco, considerati i limiti economici dati dal Governo e l’atteggiamento da piccoli padroni delle ferriere delle Regioni. Ed è significativo che abbia tenuto una sostanziale unità delle sigle sindacali, ognuna delle quali ha potuto riconoscere nell’intesa parti delle proprie proposte».

«Avremmo preferito eliminare deroghe dalle norme sul riposo dopo la reperibilità – aggiunge Palermo – ma abbiamo ottenuto una norma di sicurezza per i pazienti: i medici che hanno la reperibilità notturna, non possono lavorare nel turno del mattino successivo».

​PALERMO: “SUI TURNI MASSACRANTI ANCORA LONTANI, FAREMO RICORSO ALLA CORTE UE”

«Ora occorre completare il lavoro a livello della contrattazione aziendale – prosegue il sindacato -, cui tocca esercitare un ruolo da protagonista, e non da spettatore passivo, nelle scelte attuative. Ma anche pensare al prossimo rinnovo che è già alle porte, preparando per tempo piattaforme unitarie ed innovative e ripensando a modalità di contrattazione appropriate per professionisti del Ssn, al di fuori di vetuste logiche aziendalistiche e schizofrenici divari di competenze tra ministeri e regioni, che qui esprimono il peggio delle autonomie di ognuno».

«I contratti peggiori sono quelli non applicati – conclude -, perciò l’Anaao è impegnata ad evitare un tale destino a quello appena nato, al riparo da interpretazioni fantasiose ed interessate, per rendere attuali le molte novità di un contratto di ri-partenza».

Articoli correlati
Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»
Alla Camera conferenza stampa per sensibilizzare sul tema. Europa Donna Italia presenta un manifesto in sette punti che prevede, tra le altre cose, la presa in carico da parte di un team di specialisti, lo psiconcologo e l’accesso ai farmaci innovativi
Covid-19, Palermo (Anaao): «Carico di lavoro medici aumenterà. Servono nuove risorse e assunzioni»
Il segretario del sindacato: «L’epidemia è ora, i soldi del Recovery Fund arriverebbero troppo tardi. Intanto prendiamo i 36 miliardi del Mes»
Daiichi Sankyo presenta “Pink Positive”, l’ebook gratuito per le donne che affrontano il cancro
L’alimentazione, la famiglia, la femminilità, la gestione del dolore, la maternità possibile, la ricerca di informazioni affidabili anche sul web: sono solo alcuni dei dubbi e degli ostacoli che si trovano ad affrontare le donne che ogni giorno ricevono una diagnosi di cancro. Per sostenerle, Daiichi Sankyo ha chiesto il supporto dei maggiori esperti italiani, […]
Menopausa: sì a terapia ormonale sostitutiva, ma non per tutte
Da AME una guida in 7 punti per una gestione "personalizzata" della menopausa con particolare riferimento alla terapia ormonale sostitutiva
Seconda giornata sicurezza delle cure, Fnopo: «Sicurezza ostetriche, donne e bambini vera priorità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica aderisce e partecipa attivamente alla seconda Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute con un proprio hashtag: #sicurezzaostetricheesicurezzadonneebambini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...