Lavoro 24 Luglio 2019

Contratto medici, Grasselli (FVM): «Sicuramente è la migliore ipotesi contrattuale possibile»

La Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari (FVM) plaude all’accordo raggiunto: «Abbiamo cercato di fare un contratto per i giovani e per mettere più risorse sulle posizioni fisse di chi sta per uscire dal lavoro»

Immagine articolo

«Si è chiusa nella notte la trattativa all’ARAN per il rinnovo di un contratto già scaduto. Un contratto sofferto è atteso per quasi 10 anni, che arriva in un momento di grave crisi del SSN senza avere risorse e forza sufficiente per ridare energie al più importante servizio pubblico, quello della tutela della salute. Abbiamo cercato di fare un contratto per i giovani e per mettere più risorse sulle posizioni fisse di chi sta per uscire dal lavoro». Questo il primo commento al testo della Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari (FVM) guidata da Aldo Grasselli.

LEGGI TUTTE LE REAZIONI

 

«Nonostante la scarsità di risorse economiche pensiamo di poter affermare di aver sottoscritto una preintesa che rappresenta, se non la migliore ipotesi contrattuale, sicuramente la migliore possibile, date le condizioni di partenza e soprattutto sulla base della prima bozza di testo che ci era stata presentata. Un accordo giunto 7 mesi dopo la sua scadenza fisiologica al 31 dicembre 2018, un contratto atteso 10 anni, ma che ci consente di dire che abbiamo massimizzato il risultato. Abbiamo puntato, in un perimetro legislativo strettissimo, sul consolidamento e sulla valorizzazione delle risorse economiche di parte fissa (tabellare e posizione)», continua FVM.

«Abbiamo concluso il percorso di inserimento dell’indennità di rapporto esclusivo nelle voci fisse di massa salariale, sganciandola definitivamente da un limbo interpretativo ed inserendola tra le voci retributive fisse e rivalutabili nei prossimi contratti. Abbiamo difeso l’orario di lavoro sulle dodici ore diurne e le correlate condizioni di esercizio per erogare prestazioni su domanda dei privati in orario notturno, garantendo flessibilità e contemporaneamente mantenendolo nei limiti previsti dal D.Lgs. 66/2003. Abbiamo potenziato le indennità sul disagio delle guardie notturne e feriali limitandone l’utilizzo a 5 al mese, inserito il meccanismo delle ferie solidali e dirottato le risorse economiche derivanti dalla legge di bilancio 2018 (comma Gelli) sulle indennità legate al disagio lavorativo, inclusa l’indennità di polizia giudiziaria», prosegue la Federazione.

«Abbiamo costituito un nuovo piede stipendiale di partenza per i neoassunti, superiore a quanto in precedenza previsto, generando un aumento contrattuale ben più consistente della percentuale prevista dall’atto di indirizzo. Sono state eliminate alcune storture presenti nel precedente contratto e che impedivano l’effettiva valorizzazione dell’esperienza professionale maturata nel corso dei purtroppo sempre più lunghi periodi di precariato, rendendo fruibili tutti i periodi lavorati anche se discontinui. Abbiamo rinforzato, con la nuova valorizzazione economica collegata ai percorsi di valutazione, le tutele collegate alla crescita professionale. Finalmente, abbiamo ottenuto di premiare anche le carriere strettamente professionali, che sono ora inserite in un percorso di valorizzazione parallelo anche sul piano economico alle carriere di tipo gestionale. È stato garantito che tale percorso fosse definito permeabile, nella fisiologica osmosi che deve garantire l’accesso a dinamiche di carriera equivalenti ed ugualmente valutabili sul piano curriculare. Mantenuta anche la precedente struttura dei tre fondi (posizione, risultato, disagio) garantendo un accesso al fondo di risultato rispettoso del patrimonio delle categorie che lo hanno generato».

«Forse non abbiamo dato risposta a tutte le domande della base, ma pensiamo che questa preintesa sia un punto di equilibrio irrinunciabile dopo 10 anni di attesa. Passano ora alla contrattazione di secondo livello tante possibilità di ottenere riscontri positivi su un notevole patrimonio normativo ed economico nuovo e disponibile. Abbiamo sottoscritto il contratto triennale con soddisfazione e orgoglio. Un particolare ringraziamento ai nostri organismi direttivi e alla delegazione trattante», conclude.

Articoli correlati
Contratto, sindacati guardano già al 2019-2021. Grasselli (Cosmed): «Premiare medici che lavorano in aree marginali»
Al Convegno “Quale futuro per contratti e pensioni” organizzato dalla Confederazione Sindacale Medici e Dirigenti si è parlato molto di come incrementare le parti variabili del salario: «È necessario abrogare il comma 2 articolo 23 della Legge Madia: non ha più alcuna utilità, non ha generato alcun risparmio perché di fatto provoca distorsioni applicative in tutti i territori» sottolinea il segretario aggiunto Cosmed Aldo Grasselli
Patto per la salute, CIMO – FESMED: «Senza una vera visione strategica. Servono risorse certe e revisione della gestione finanziaria»
Secondo la federazione sindacale guidata da Guido Quici l'incremento di 2 miliardi di euro appare del tutto insufficiente ad affrontare alcune operazioni: dall’abolizione del superticket agli incrementi contrattuali del personale dirigente sanitario
Sanità, Rostan (LeU): «Bene approvazione nuovo contratto, ora colmare vuoti in organico»
La Vicepresidente della Commissione Affari Sociali plaude alla delibera del Consiglio dei Ministri: «Passo in avanti importante per raggiungere livelli di equità e di omogeneità delle prestazioni sanitarie in tutte le regioni del nostro Paese»
Approvato il Contratto nazionale per la dirigenza medica: 190 euro al mese in più e aumento tutele
Il Consiglio dei Ministri ha licenziato il Contratto collettivo nazionale per il triennio 2016/2018 per dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, e dirigenti delle professioni sanitarie. L'accordo interesserà 130 mila dirigenti. Soddisfatti sindacati e associazioni di categoria. Leggi tutti i commenti
Legge di Bilancio, Cavallero (Cosmed): «Su rinnovo contrattuale pochi fondi, fermi al 3,48%. Ecco le cifre»
«Servono incentivi alla produttività per impedire la fuga verso il privato o l’estero dei medici» sottolinea il Segretario della Confederazione sindacale della dirigenza del pubblico impiego
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...