Lavoro 24 Luglio 2019

Contratto medici, Grasselli (FVM): «Sicuramente è la migliore ipotesi contrattuale possibile»

La Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari (FVM) plaude all’accordo raggiunto: «Abbiamo cercato di fare un contratto per i giovani e per mettere più risorse sulle posizioni fisse di chi sta per uscire dal lavoro»

Immagine articolo

«Si è chiusa nella notte la trattativa all’ARAN per il rinnovo di un contratto già scaduto. Un contratto sofferto è atteso per quasi 10 anni, che arriva in un momento di grave crisi del SSN senza avere risorse e forza sufficiente per ridare energie al più importante servizio pubblico, quello della tutela della salute. Abbiamo cercato di fare un contratto per i giovani e per mettere più risorse sulle posizioni fisse di chi sta per uscire dal lavoro». Questo il primo commento al testo della Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari (FVM) guidata da Aldo Grasselli.

LEGGI TUTTE LE REAZIONI

 

«Nonostante la scarsità di risorse economiche pensiamo di poter affermare di aver sottoscritto una preintesa che rappresenta, se non la migliore ipotesi contrattuale, sicuramente la migliore possibile, date le condizioni di partenza e soprattutto sulla base della prima bozza di testo che ci era stata presentata. Un accordo giunto 7 mesi dopo la sua scadenza fisiologica al 31 dicembre 2018, un contratto atteso 10 anni, ma che ci consente di dire che abbiamo massimizzato il risultato. Abbiamo puntato, in un perimetro legislativo strettissimo, sul consolidamento e sulla valorizzazione delle risorse economiche di parte fissa (tabellare e posizione)», continua FVM.

«Abbiamo concluso il percorso di inserimento dell’indennità di rapporto esclusivo nelle voci fisse di massa salariale, sganciandola definitivamente da un limbo interpretativo ed inserendola tra le voci retributive fisse e rivalutabili nei prossimi contratti. Abbiamo difeso l’orario di lavoro sulle dodici ore diurne e le correlate condizioni di esercizio per erogare prestazioni su domanda dei privati in orario notturno, garantendo flessibilità e contemporaneamente mantenendolo nei limiti previsti dal D.Lgs. 66/2003. Abbiamo potenziato le indennità sul disagio delle guardie notturne e feriali limitandone l’utilizzo a 5 al mese, inserito il meccanismo delle ferie solidali e dirottato le risorse economiche derivanti dalla legge di bilancio 2018 (comma Gelli) sulle indennità legate al disagio lavorativo, inclusa l’indennità di polizia giudiziaria», prosegue la Federazione.

«Abbiamo costituito un nuovo piede stipendiale di partenza per i neoassunti, superiore a quanto in precedenza previsto, generando un aumento contrattuale ben più consistente della percentuale prevista dall’atto di indirizzo. Sono state eliminate alcune storture presenti nel precedente contratto e che impedivano l’effettiva valorizzazione dell’esperienza professionale maturata nel corso dei purtroppo sempre più lunghi periodi di precariato, rendendo fruibili tutti i periodi lavorati anche se discontinui. Abbiamo rinforzato, con la nuova valorizzazione economica collegata ai percorsi di valutazione, le tutele collegate alla crescita professionale. Finalmente, abbiamo ottenuto di premiare anche le carriere strettamente professionali, che sono ora inserite in un percorso di valorizzazione parallelo anche sul piano economico alle carriere di tipo gestionale. È stato garantito che tale percorso fosse definito permeabile, nella fisiologica osmosi che deve garantire l’accesso a dinamiche di carriera equivalenti ed ugualmente valutabili sul piano curriculare. Mantenuta anche la precedente struttura dei tre fondi (posizione, risultato, disagio) garantendo un accesso al fondo di risultato rispettoso del patrimonio delle categorie che lo hanno generato».

«Forse non abbiamo dato risposta a tutte le domande della base, ma pensiamo che questa preintesa sia un punto di equilibrio irrinunciabile dopo 10 anni di attesa. Passano ora alla contrattazione di secondo livello tante possibilità di ottenere riscontri positivi su un notevole patrimonio normativo ed economico nuovo e disponibile. Abbiamo sottoscritto il contratto triennale con soddisfazione e orgoglio. Un particolare ringraziamento ai nostri organismi direttivi e alla delegazione trattante», conclude.

Articoli correlati
Coronavirus, Corsico (pneumologo Pavia): «In terapia intensiva non solo anziani e soggetti fragili»
«Ci sono pazienti che vanno bene e poi a un certo punto peggiorano. E questo succede in tutte le fasce d’età. Anche in pazienti sani si possono riscontrare peggioramenti piuttosto improvvisi». Il Direttore dell’Unità operativa complessa di pneumologia del Policlinico San Matteo di Pavia racconta la situazione dell’ospedale a più di un mese di distanza dallo scoppio dell’emergenza sanitaria in Italia
Alcol e adolescenti, Bambino Gesù: «Binge drinking riguarda il 30% degli studenti delle superiori»
Per il Ministero della Salute l’abuso di alcol è la principale causa di morte tra i giovani negli incidenti stradali. «Gli effetti dell'alcol – precisano gli specialisti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - sono ancora più dannosi sull’organismo degli adolescenti, non ancora maturo e pronto a metabolizzarlo in maniera efficiente». Si inizia «tra gli 11 e i 15 anni»
Coronavirus, Fnopi: «Infermieri in prima linea. Operano al di là delle loro forze, ma nessuno si è tirato indietro»
«La carenza di professionisti di cui soffre il paese si è fatta sentire nel peggiore dei modi con l’emergenza COVID-19 per la quale solo nell’immediato e nelle zone a maggior rischio servirebbero almeno 5-6000 infermieri in più da subito»
Coronavirus e animali domestici, c’è da preoccuparsi? Penocchio (FNOVI): «Il caso di Hong Kong non prova nulla»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Veterinari chiarisce: «Non vi è nessuna evidenza scientifica di un trasferimento dell’infezione da uomo a cane, men che meno da cane a uomo. Ma le persone contagiate limitino contatti con gli animali». Anche sugli alimenti al momento non ci sono evidenze
Dl Milleproroghe, Claus (Federspecializzandi): «No a specializzandi assunti già dal 3° anno e a medici in pensione a 70 anni»
Il testo del decreto, in attesa dell’approvazione della Camera, prevede medici operativi oltre i 40 anni di attività e concorsi accessibili agli specializzandi dal terzo anno. Ferma contrarietà da FederSpecializzandi: vediamo perché con il presidente Mirko Claus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...