Lavoro 15 Luglio 2019

Contratto medici e accordo MMG, il dissenso dello SMI: «Trattative con SISAC interrotte, forti dubbi anche su rinnovo dirigenza medica»

Il Sindacato dei Medici Italiano guidato da Pina Onotri conferma la sospensione delle trattative con SISAC. E contesta anche l’accordo sulla specialistica ambulatoriale: «Penalizza i medici over 43 anni impedendone, di fatto, la stabilizzazione del posto di lavoro»

«Il Sindacato Medici Italiani valuta irricevibile la bozza di contratto collettivo nazionale inviata da SISAC alle organizzazioni sindacali della categoria; non si è mai visto nella storia della contrattazione un accordo con risorse zero. Viene confermata, così, la scelta dell’interruzione delle trattative fino a quando non vi saranno certezze sulle risorse economiche.  Bisogna dire basta al fatto che i medici italiani siano costretti ad emigrare in Europa per vedersi riconosciuti la giusta retribuzione, oppure che debbano abbandonare la sanità pubblica per cercare nel privato il riconoscimento della propria professionalità. Forti dubbi sono stati espressi, anche, in merito alla bozza pervenuta da ARAN per quanto riguarda il rinnovo del contratto della dirigenza medica e sanitaria». Così in una nota stampa nazionale della Segreteria Nazionale dello SMI.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI E UNIFICAZIONE FONDI: ECCO COSA STA SUCCEDENDO ALL’ARAN

Il sindacato guidato da Pina Onotri contesta anche l’accordo sulla specialistica ambulatoriale: «Siamo per intraprendere, inoltre, tutte le azioni, di lotta e legali, affinché non venga ratificato dal Ministero e dalla Conferenza Stato Regioni l’accordo che riguarda la medicina specialistica ambulatoriale che penalizza i medici over 43 anni impedendone, di fatto, la stabilizzazione del posto di lavoro», continua la nota.

LEGGI ANCHE: FIRMATO NUOVO ACN SPECIALISTICA AMBULTORIALE: AUMENTO DEL 3,48% E NUOVE PROCEDURE PER ACCEDERE AL SETTORE

Un passaggio poi anche sul ‘vademecum’ pubblicato su un periodico on line a firma di una dottoressa in Giurisprudenza, dal titolo: “Come si denuncia un medico? Guida pratica per denunciare ed ottenere il risarcimento danni”. Ecco cosa ne pensa lo SMI: «Assumeremo tutte le iniziative per tutelare la dignità della professione medica contro chi ha diffuso in rete un vero e proprio vademecum su come si denuncia un medico, perché iniziative del genere rischiano di imbarbarire e peggiorare il clima di diffidenza verso la sanità e i medici pubblici. È giunto ormai il momento che si adotti in maniera stringente, nel nostro paese, un codice etico che regolamenti l’informazione sanitaria».

«La segreteria nazionale del Sindacato Medici Italiani ha scelto di riunirsi a Torre Annunziata, in provincia di Napoli, per rimarcare, con la decisione di tenere la sua assise nel Mezzogiorno, la sua contrarietà all’autonomia differenziata e il suo impegno a sostegno di una sanità per tutti i cittadini italiani», conclude la nota dello SMI.

Articoli correlati
Carenza medici, Veneto assume 500 neolaureati. FNOMCeO e sindacati all’attacco: «Così si svilisce professione e si abbassa la qualità delle cure»
La Giunta guidata da Luica Zaia ha deliberato l’assunzione di 500 giovani medici, laureati e abilitati, ma non ancora in possesso della specializzazione: sarà sufficiente la frequentazione di un corso. Anaao Assomed annuncia l’impugnazione del provvedimento. Anelli: «Con il pretesto dell’emergenza si mandano allo sbaraglio professionisti con minori competenze»
Medicina generale, firmata pre-intesa. Il 5 settembre si chiude l’ipotesi di ACN, convenzione entro fine anno
Scotti (Fimmg): «Verso il ritiro dello stato di agitazione. In tre anni 6mila giovani MMG nel territorio». Onotri (Smi): «La strada è lunga». Bonaccini (Regioni): «Ora spediti verso firma convenzione». Venturi (Comitato Settore): «Data applicazione a Decreto Semplificazione e Decreto Calabria»
Anaao contro il ‘riposo spezzatino’. Costantino: «Corte UE dica se deroga a direttiva è lecita. Per noi non lo è»
Il sindacato promette di dar battaglia per assicurare il riposo sufficientemente lungo e continuo previsto dalle direttive europee anche ai medici in pronta disponibilità. Il sindacalista: «Non prospettiamo il muro contro muro, ma credo che le Leggi vadano rispettate da tutti»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»
Colloquio con il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Lombardia Emanuele Monti: «Riorganizzeremo rete di emergenza-urgenza per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B»
di Federica Bosco
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone