Lavoro 19 settembre 2017

Miraggio contratto, Cavallero (Cosmed): «Non giochiamo a Robin Hood. Grave ipotesi di un rinnovo senza aumento alla dirigenza»

Intervista al segretario generale Cosmed Giorgio Cavallero sul rinnovo contrattuale dei medici: «Speriamo che trattativa inizi presto, ma aspettiamo atto di indirizzo e Legge di bilancio. E senza fondi stanziati anche gli 85 euro saranno virtuali…»

Immagine articolo

E se il nuovo contratto non prevedesse aumenti salariali per la dirigenza medica e per chi ha fasce di reddito medio-alte? «Sarebbe inaccettabile – scandisce con forza ai nostri microfoni il segretario generale Cosmed Giorgio Cavallero -.  Se fosse vero non siamo disposti nemmeno a parlare di aprire i tavoli negoziali; sarebbe contro tutte le regole della contrattazione e politicamente gravissimo».

Si torna a parlare di rinnovo dei contratti in sanità. Il 12 settembre l’Aran ha riunito i rappresentanti del comparto e, non appena si otterrà il via libera all’atto di indirizzo, si avvierà la trattativa anche per la dirigenza. Ma in questi giorni circola un‘ipotesi di azzeramento degli aumenti contrattuali dei dipendenti pubblici con più di 75mila euro di reddito: si tratta di un calcolo effettuato dal Messaggero sulla base di una dichiarazione del sottosegretario alla funzione pubblica Angelo Rughetti, cui il segretario della Confederazione ha chiesto un incontro dopo aver intimato al governo, in una nota stampa, di chiarire e smentire il tutto, e con sollecitudine: «Dica che è tutto un fraintendimento e che nulla di ciò è stato detto», è l’auspicio della Cosmed, a cui si uniscono in coro le principali sigle sindacali del settore. Al silenzio del governo e dei suoi rappresentanti, almeno fino ad oggi, Cavallero risponde sottolineando come, inoltre, l’atto di indirizzo generale emanato, che non può essere solo «grottesca finzione», non preveda alcun tetto per gli aumenti salariali. Se veramente si prevede un “contratto Robin Hood”, come già denominato dai sindacati del comparto sanità, «vuol dire che non c’è nulla da cui partire e bisogna ripartire da zero», continua il segretario.

D’altro canto, per quanto riguarda la dirigenza medica, è proprio da zero che bisogna iniziare: «A differenza del comparto sanità, che ha già iniziato la trattativa, non solo i tavoli per la dirigenza non sono ancora stati aperti, ma non è ancora stato nemmeno presentato l’atto di indirizzo specifico del comitato di settore all’Aran. Questo vuol dire che ancora mancano i presupposti per l’avvio della contrattazione», prosegue il segretario Cavallero. Si prevedono tempi decisamente più lunghi per la dirigenza, quindi, motivo di forte rammarico per la Cosmed: «È vero che tradizionalmente il tavolo del comparto viene convocato prima di quello della dirigenza, ma dopo 9 anni di chiusura contrattuale ci aspettavano tempi più solleciti e, anche se non proprio contemporanei con il comparto, almeno quasi».

Tuttavia il ritardo dell’atto di indirizzo e dell’apertura delle trattiva non sono gli unici problemi: «Anche quando si apriranno i negoziati, e a questo punto, vista la situazione, spero il più presto possibile, la trattativa sarà meramente virtuale», evidenzia Cavallero. «Questa contrattazione infatti è atipica e mai vista prima: di norma vengono prima adottate le Leggi di bilancio che dispongono le risorse e poi si aprono i tavoli contrattuali. Noi invece apriremo le contrattazioni sulla base di una promessa fatta dal governo a Cgil, Cisl e Uil di un aumento medio di 85 euro, stiamo quindi parlando di pochissimi soldi. Ma ancora non esiste nemmeno un Disegno di legge della Legge di bilancio, questo è lo stato dei fatti», l’amaro commento di Cavallero. «Prima di avere un contratto definitivo è ovviamente necessario che gli intenti e le promesse del governo si trasformino in atto e quindi la trattativa in ogni caso non potrà essere conclusa prima della definitiva approvazione della legge di bilancio», conclude il segretario.

Articoli correlati
Contratto medici, Sileri (Commissione Sanità): «Turni massacranti e stipendi offensivi, stiamo lavorando a rinnovo»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato parla a margine del convegno sulle malattie croniche intestinali e dei problemi della cronicità: «È necessario far conoscere i problemi di questi pazienti e trovare soluzioni. A breve ISS redigerà Registro nazionale»
Contratto medici, il 17 ottobre sit-in a Montecitorio. Di Tullio (Fassid): «Basta improvvisazioni in sanità»
La coordinatrice nazionale della federazione spiega i motivi dello stato di agitazione proclamato dall’intersindacale, che vanno al di là del contratto della dirigenza: «Avvertiamo una precisa volontà contraria alla sanità pubblica»
Contratto medici: quei numeri delle Regioni che non tornano
CIMO esprime piena soddisfazione per la rottura delle trattative sul contratto della dirigenza medica in ARAN e l’apertura dello stato di agitazione comunicato insieme alle altre organizzazioni sindacali. Sottolinea, inoltre, che una delle principali ragioni che impedisce il rinnovo del contratto è strettamente legata agli accantonamenti che le regioni avrebbero dovuto sostenere, e che pare […]
di Guido Quici - Presidente Nazionale CIMO
Contratto, Grasselli (FVM): «Stiamo andando verso il precipizio: sanità a rischio per 60 milioni di italiani. Il Governo dia risposte»
Anche la Federazione Veterinari e Medici aderisce allo stato di agitazione annunciato dall’Intersindacale: «O c’è un disegno dietro a tutto questo, o l’ottusità delle forze politiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila