Lavoro 19 settembre 2017

Miraggio contratto, Cavallero (Cosmed): «Non giochiamo a Robin Hood. Grave ipotesi di un rinnovo senza aumento alla dirigenza»

Intervista al segretario generale Cosmed Giorgio Cavallero sul rinnovo contrattuale dei medici: «Speriamo che trattativa inizi presto, ma aspettiamo atto di indirizzo e Legge di bilancio. E senza fondi stanziati anche gli 85 euro saranno virtuali…»

Immagine articolo

E se il nuovo contratto non prevedesse aumenti salariali per la dirigenza medica e per chi ha fasce di reddito medio-alte? «Sarebbe inaccettabile – scandisce con forza ai nostri microfoni il segretario generale Cosmed Giorgio Cavallero -.  Se fosse vero non siamo disposti nemmeno a parlare di aprire i tavoli negoziali; sarebbe contro tutte le regole della contrattazione e politicamente gravissimo».

Si torna a parlare di rinnovo dei contratti in sanità. Il 12 settembre l’Aran ha riunito i rappresentanti del comparto e, non appena si otterrà il via libera all’atto di indirizzo, si avvierà la trattativa anche per la dirigenza. Ma in questi giorni circola un‘ipotesi di azzeramento degli aumenti contrattuali dei dipendenti pubblici con più di 75mila euro di reddito: si tratta di un calcolo effettuato dal Messaggero sulla base di una dichiarazione del sottosegretario alla funzione pubblica Angelo Rughetti, cui il segretario della Confederazione ha chiesto un incontro dopo aver intimato al governo, in una nota stampa, di chiarire e smentire il tutto, e con sollecitudine: «Dica che è tutto un fraintendimento e che nulla di ciò è stato detto», è l’auspicio della Cosmed, a cui si uniscono in coro le principali sigle sindacali del settore. Al silenzio del governo e dei suoi rappresentanti, almeno fino ad oggi, Cavallero risponde sottolineando come, inoltre, l’atto di indirizzo generale emanato, che non può essere solo «grottesca finzione», non preveda alcun tetto per gli aumenti salariali. Se veramente si prevede un “contratto Robin Hood”, come già denominato dai sindacati del comparto sanità, «vuol dire che non c’è nulla da cui partire e bisogna ripartire da zero», continua il segretario.

D’altro canto, per quanto riguarda la dirigenza medica, è proprio da zero che bisogna iniziare: «A differenza del comparto sanità, che ha già iniziato la trattativa, non solo i tavoli per la dirigenza non sono ancora stati aperti, ma non è ancora stato nemmeno presentato l’atto di indirizzo specifico del comitato di settore all’Aran. Questo vuol dire che ancora mancano i presupposti per l’avvio della contrattazione», prosegue il segretario Cavallero. Si prevedono tempi decisamente più lunghi per la dirigenza, quindi, motivo di forte rammarico per la Cosmed: «È vero che tradizionalmente il tavolo del comparto viene convocato prima di quello della dirigenza, ma dopo 9 anni di chiusura contrattuale ci aspettavano tempi più solleciti e, anche se non proprio contemporanei con il comparto, almeno quasi».

Tuttavia il ritardo dell’atto di indirizzo e dell’apertura delle trattiva non sono gli unici problemi: «Anche quando si apriranno i negoziati, e a questo punto, vista la situazione, spero il più presto possibile, la trattativa sarà meramente virtuale», evidenzia Cavallero. «Questa contrattazione infatti è atipica e mai vista prima: di norma vengono prima adottate le Leggi di bilancio che dispongono le risorse e poi si aprono i tavoli contrattuali. Noi invece apriremo le contrattazioni sulla base di una promessa fatta dal governo a Cgil, Cisl e Uil di un aumento medio di 85 euro, stiamo quindi parlando di pochissimi soldi. Ma ancora non esiste nemmeno un Disegno di legge della Legge di bilancio, questo è lo stato dei fatti», l’amaro commento di Cavallero. «Prima di avere un contratto definitivo è ovviamente necessario che gli intenti e le promesse del governo si trasformino in atto e quindi la trattativa in ogni caso non potrà essere conclusa prima della definitiva approvazione della legge di bilancio», conclude il segretario.

Articoli correlati
Ministro Grillo: a che punto è la notte?
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari, medici farmacisti e Dirigenti sanitari
I sindacati della dirigenza medica e sanitaria sospendono lo sciopero ma mantengono lo stato di agitazione
Nel corso dell’incontro con l’intersindacale, il ministro della Salute Giulia Grillo ha mostrato l’emendamento che annulla la retroattività del comma 687 della Legge di Bilancio e si è impegnata a far convocare i sindacati dall’Aran. Sul tavolo, anche confronto per lo sblocco della RIA
Contratto medici, Quici (CIMO): «Partita denuncia a Corte europea. Chiudiamo subito quello scaduto e pensiamo al nuovo»
«La denuncia alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e la class action, a cui i medici potranno aderire da aprile, sono atti dovuti nei confronti dei colleghi, che attendono il rinnovo contrattuale da 10 anni». Intervista al presidente della CIMO Guido Quici, che sullo spot sui ricorsi per errore medico aggiunge: «Se le strutture affogano nei contenziosi legali, ridurranno i servizi ai cittadini» 
Contratto medici, sindacati soddisfatti da incontro Funzione Pubblica, ma per ora scioperi confermati
Un emendamento al decreto Semplificazione, in discussione al Senato martedì 22, posticiperà gli effetti del comma 687 della legge di Bilancio al contratto 2019-2021. Ma rimane il nodo della RIA, su cui c'è il blocco del ministero dell'Economia
Comma 687, Onotri (SMI): «Bisogna abrogarlo e riattivare delega a governo per trattative con personale SSN»
Il segretario generale del sindacato ha incontrato la presidente della Commissione Lavoro del Senato Catalfo: «Abbiamo chiesto di superare con urgenza lo stallo attuale e la convocazione in tempi brevi del tavolo Aran-sindacati. Medici e dirigenti amministrativi non possono stare nello stesso calderone di contrattazione». A margine dell’incontro anche il tema dei medici Inps: «C’è forte volontà politica di arrivare ad un accordo collettivo nazionale in convenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...