Lavoro 9 Dicembre 2019 10:43

Contratto 2019-2021, Papotto (Cisl): «Non basta finanziamento previsto in Legge di Bilancio, servono più risorse»

Il Segretario generale della Cisl Medici sottolinea: «È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale»

Contratto 2019-2021, Papotto (Cisl): «Non basta finanziamento previsto in Legge di Bilancio, servono più risorse»

Soddisfazione per il contratto che si sta per concludere, quello 2016-2018 («il migliore alle condizioni date») ma preoccupazione per il prossimo, quello 2019-2021 per l’esiguità di risorse previste nella Legge di Bilancio. È questo lo stato d’animo di Biagio Papotto, Segretario generale di Cisl Medici, che ai microfoni di Sanità Informazione ha voluto ricordare le novità positive del contratto che, salvo colpi di scena, entro la fine di dicembre sarà siglato in via definitiva dai sindacati medici. «Con il 3,48% un contratto migliore non si poteva fare. Abbiamo spostato quel finanziamento sul tabellario uguale per tutti ma abbiamo dato per la prima volta i soldi per il disagio lavorativo e sui giovani neoassunti che finora venivano penalizzati» spiega Papotto.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, SINDACATI GUARDANO GIÀ AL 2019-2021. GRASSELLI (COSMED): «PREMIARE MEDICI CHE LAVORANO IN AREE MARGINALI»

Diverso il discorso per il prossimo contratto, quello 2019-2021: ancora non è partita la trattativa ma i sindacati già mettono le mani avanti. Nella Legge di Bilancio, al momento al vaglio del Parlamento, il finanziamento del rinnovo contrattuale per il 2019-2021 del pubblico impiego viene implementato di 225 milioni per il 2020 e di 1,4 miliardi per il 2021. Tale incremento consentirebbe un aumento pari al 1,30% per il 2019, al 1,92% per il 2020 e del 3,49% per il 2021. Più o meno lo stesso dell’ultimo contratto 2016-19. «Il miliardo e 700 milioni di cui si parla, non basterebbero per fare i contratti della dipendenza», chiosa il segretario Cisl.

Segretario, affrontiamo il tema del contratto. Il Cdm ha approvato l’ultimo contratto, sono 190 euro in più al mese. Una buona notizia per voi…

«Il Consiglio dei Ministri ha dato via libera al precontratto che abbiamo firmato a luglio, ora è al vaglio della Corte dei Conti, aspettiamo: entro il mese di dicembre la firma definitiva. Come tutti i contratti ci sono cose buone e cose meno buone. Noi avevamo un finanziamento del 3,48%, lo stesso che è stato concesso a tutti i dipendenti dello Stato e quindi anche a noi. Con il 3,48% un contratto migliore non si poteva fare. Abbiamo spostato quel finanziamento sul tabellario uguale per tutti ma abbiamo dato per la prima volta i soldi per il disagio lavorativo e sui giovani neoassunti che finora venivano penalizzati. Con questo contratto anche i neoassunti avranno il giusto finanziamento per la loro retribuzione di posizione fissa e variabile. Come tutti i contratti si poteva fare meglio, avremmo voluto un aumento di duemila euro al mese ma i soldi non ci sono e con i 145 euro pro capite meglio di questo non si poteva fare».

LEGGI ANCHE: LEGGE DI BILANCIO, CAVALLERO (COSMED): «SU RINNOVO CONTRATTUALE POCHI FONDI, FERMI AL 3,48%. ECCO LE CIFRE»

La notizia meno buona è che per il prossimo contratto le risorse sembrano un po’ esigue…

«Io una battuta al ministro Speranza l’ho fatta quando ha detto: ‘finalmente un nuovo contratto’. Io gli ho detto: ‘Ministro, veramente parliamo del vecchio contratto perché questo contratto è scaduto il 30 dicembre 2018’. Per il 2019-2021 ad oggi non c’è un giusto finanziamento. È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale. Speriamo che in questa Legge di Stabilità che si sta discutendo si metta il giusto finanziamento, non sicuramente il miliardo e 700 milioni di cui si parla, non basterebbero per fare i contratti della dipendenza».

Articoli correlati
La legge di Bilancio 2022 arriva alla Camera per il via libero definitivo
Ultimo passaggio parlamentare per la manovra 2022 che deve avere il via libera entro il 31 dicembre. I lavori parlamentari riprenderanno poi dopo il 6 gennaio
di Francesco Torre
Dal fondo per la fibromialgia agli psicologi nelle scuole, le novità approvate in legge di Bilancio
Chiuso l’esame degli emendamenti in commissione Bilancio in Senato: più soldi per autismo e non autosufficienza, nasce il Fondo per la cura dei disturbi del comportamento alimentare. Sulle liste di attesa, norme estese anche alle regioni in piano di rientro. Cancellati i vincoli per i Comuni che vogliono assumere assistenti sociali
di Francesco Torre
Legge di Bilancio, la carica dei 600 emendamenti segnalati: dalle indennità per gli infermieri all’abolizione del numero chiuso
In tutto 600 milioni di euro a disposizione dei parlamentari per modificare la legge di Bilancio 2022. Numerose le proposte che chiedono di istituire fondi ad hoc per specifiche patologie: dalla fibromialgia alla sclerosi multipla. Un emendamento bipartisan lancia il Fondo per il sostegno psicologico. Pd chiede fondi per piano delle cronicità, M5S chiede di non legare indennità infermieri a contrattazione collettiva
Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per l’aggiornamento dei LEA, tutte le misure per la sanità in legge di Bilancio
Confermata l’indennità di 90 milioni per i professionisti sanitari dell’emergenza urgenza e la proroga delle Usce fino al 30 giugno 2022. Destinati 500 milioni di euro all’abbattimento delle liste di attesa. Stanziati fondi per costituire una scorta nazionale di dispositivi di protezione individuale (DPI)
di Francesco Torre
Manovra, Cittadini (Aiop): «Con risorse stanziate avviare nuova programmazione sanità»
«Le risorse stanziate per la sanità, con la legge di Bilancio, consentono nuove prospettive di sviluppo in un settore che, per troppo tempo, è stato interessato da tagli lineari alla ricerca scientifica, al personale precario, alla formazione, ai posti letto e ai budget». Così Barbara Cittadini, presidente di Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata, che aggiunge: «I […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...