Lavoro 9 Dicembre 2019

Contratto 2019-2021, Papotto (Cisl): «Non basta finanziamento previsto in Legge di Bilancio, servono più risorse»

Il Segretario generale della Cisl Medici sottolinea: «È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale»

Immagine articolo

Soddisfazione per il contratto che si sta per concludere, quello 2016-2018 («il migliore alle condizioni date») ma preoccupazione per il prossimo, quello 2019-2021 per l’esiguità di risorse previste nella Legge di Bilancio. È questo lo stato d’animo di Biagio Papotto, Segretario generale di Cisl Medici, che ai microfoni di Sanità Informazione ha voluto ricordare le novità positive del contratto che, salvo colpi di scena, entro la fine di dicembre sarà siglato in via definitiva dai sindacati medici. «Con il 3,48% un contratto migliore non si poteva fare. Abbiamo spostato quel finanziamento sul tabellario uguale per tutti ma abbiamo dato per la prima volta i soldi per il disagio lavorativo e sui giovani neoassunti che finora venivano penalizzati» spiega Papotto.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, SINDACATI GUARDANO GIÀ AL 2019-2021. GRASSELLI (COSMED): «PREMIARE MEDICI CHE LAVORANO IN AREE MARGINALI»

Diverso il discorso per il prossimo contratto, quello 2019-2021: ancora non è partita la trattativa ma i sindacati già mettono le mani avanti. Nella Legge di Bilancio, al momento al vaglio del Parlamento, il finanziamento del rinnovo contrattuale per il 2019-2021 del pubblico impiego viene implementato di 225 milioni per il 2020 e di 1,4 miliardi per il 2021. Tale incremento consentirebbe un aumento pari al 1,30% per il 2019, al 1,92% per il 2020 e del 3,49% per il 2021. Più o meno lo stesso dell’ultimo contratto 2016-19. «Il miliardo e 700 milioni di cui si parla, non basterebbero per fare i contratti della dipendenza», chiosa il segretario Cisl.

Segretario, affrontiamo il tema del contratto. Il Cdm ha approvato l’ultimo contratto, sono 190 euro in più al mese. Una buona notizia per voi…

«Il Consiglio dei Ministri ha dato via libera al precontratto che abbiamo firmato a luglio, ora è al vaglio della Corte dei Conti, aspettiamo: entro il mese di dicembre la firma definitiva. Come tutti i contratti ci sono cose buone e cose meno buone. Noi avevamo un finanziamento del 3,48%, lo stesso che è stato concesso a tutti i dipendenti dello Stato e quindi anche a noi. Con il 3,48% un contratto migliore non si poteva fare. Abbiamo spostato quel finanziamento sul tabellario uguale per tutti ma abbiamo dato per la prima volta i soldi per il disagio lavorativo e sui giovani neoassunti che finora venivano penalizzati. Con questo contratto anche i neoassunti avranno il giusto finanziamento per la loro retribuzione di posizione fissa e variabile. Come tutti i contratti si poteva fare meglio, avremmo voluto un aumento di duemila euro al mese ma i soldi non ci sono e con i 145 euro pro capite meglio di questo non si poteva fare».

LEGGI ANCHE: LEGGE DI BILANCIO, CAVALLERO (COSMED): «SU RINNOVO CONTRATTUALE POCHI FONDI, FERMI AL 3,48%. ECCO LE CIFRE»

La notizia meno buona è che per il prossimo contratto le risorse sembrano un po’ esigue…

«Io una battuta al ministro Speranza l’ho fatta quando ha detto: ‘finalmente un nuovo contratto’. Io gli ho detto: ‘Ministro, veramente parliamo del vecchio contratto perché questo contratto è scaduto il 30 dicembre 2018’. Per il 2019-2021 ad oggi non c’è un giusto finanziamento. È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale. Speriamo che in questa Legge di Stabilità che si sta discutendo si metta il giusto finanziamento, non sicuramente il miliardo e 700 milioni di cui si parla, non basterebbero per fare i contratti della dipendenza».

Articoli correlati
Aggressioni, Cisl Medici Lazio: «Siamo tornati alla normalità. Approvare Ddl al più presto»
«Organi di stampa riportano la notizia di una vigliacca aggressione la notte scorsa all’ospedale di Anzio ai danni di una dottoressa. La Cisl Medici evidenzia – dichiarano Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti – come nei nostri ospedali si stia tornando alla normalità». «Una normalità – […]
Cisl medici Lazio: «Grazie a D’Amato per i test ai sanitari. Ora tavolo di confronto sulla vaccinazione antinfluenzale»
«La Cisl Medici evidenzia con piacere che in queste ore si è allargata la platea di quanti stanno chiedendo alla Regione Lazio di ricomprendere tutti i profili che operano nelle strutture di intervento diretto che in quelle di supporto nell’emolumento che intende valorizzare l’attività eccezionale resa per garantire a tutta la comunità la necessaria assistenza […]
Aggressioni, Cifaldi (Cisl medici Lazio): «Sono tornate ben prima di quanto ci aspettassimo»
Lavorano in condizioni difficili, molti  di loro sono stati contagiati dal Covid-19, alcuni sono deceduti. Ma il rischio per i camici bianchi è passare da eroi a carnefici. Si parla, infatti, delle prime denunce e azioni giudiziarie. LEGGI ANCHE: «BUONA FORTUNA A TUTTI NOI, MEDICI E OPERATORI SANITARI» «Il declino della professione medica – spiega in […]
Coronavirus, Cisl Medici Lazio a D’Amato: «Metta in sicurezza il personale sanitario»
Crescono ancora i casi di contagi da coronavirus nel Lazio. Luciano Cifaldi, segretario Cisl Medici Lazio e Benedetto Magliozzi, segretario Cisl Medici Roma Capitale/Rieti hanno deciso di scrivere una lettera all’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato. «Assessore D’Amato, i medici e i dirigenti della Cisl Medici Lazio continueranno a dare la massima collaborazione in questa battaglia […]
Cisl Medici Lazio, lettera all’assessore D’Amato: «Riaprire Forlanini, nominare Commissario e garantire DPI a tutti gli operatori sanitari»
In relazione all’emergenza sanitaria da coronavirus, di seguito la lettera aperta all’Assessore alla Sanità del Lazio da parte del Segretario generale della Cisl Medici Lazio Dottor Cifaldi e del Segretario generale della Cisl Roma Capitale/Rieti Dott Magliozzi. «Lungi da noi la pretesa, in momenti così densi di impegni, di ricevere dai soggetti istituzionali del Lazio […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco