Lavoro 9 Ottobre 2019

Congresso Fimmg, Anelli (FNOMCeO): «Carenza medici non giustifica task shifting, misura da Paese in guerra»

«I medici facciano bene i medici, gli infermieri bene gli infermieri. L’Italia non può permettersi trasferimento delle competenze». Così il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici. E il segretario Fimmg Scotti chiede la trasformazione del corso di formazione MMG in specializzazione

di Giulia Cavalcanti e Diana Romersi
Immagine articolo

«Un Paese come l’Italia non può permettersi il task shifting. Il trasferimento delle competenze da un professionista all’altro serve nei Paesi in cui c’è la guerra e mancano i medici; ma la carenza di camici bianchi in Italia non può essere una giustificazione. Le professioni sanitarie sono una grande risorsa per il Paese, con cui noi medici dobbiamo operare in sinergia e non in competizione. Ma i medici facciano bene i medici e gli infermieri facciano bene gli infermieri. Poi ogni professione è legittimata a chiedere maggiore qualità dell’assistenza, ma nel rispetto del proprio ruolo e delle proprie competenze». In uno dei passaggi più applauditi della mattinata dal popolo dei medici di medicina generale riuniti a Villasimius per il Congresso della Fimmg, il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli ha commentato così la polemica scoppiata nei giorni scorsi dopo le dichiarazioni dell’assessore Venturi circa il rapporto tra le professioni.

LEGGI LA RELAZIONE DI SILVESTRO SCOTTI

«Non possiamo permettercelo – ha proseguito Anelli – perché significherebbe ammettere di voler abbassare la qualità della nostra assistenza. I medici seguono un percorso formativo lungo tra i 9 e gli 11 anni. Ed è allora arrivato il momento di garantire per legge ad ogni laureato un percorso formativo completo, che comprenda la laurea e la specializzazione o la medicina generale. Diamo ai ragazzi una borsa di studio, non un posto di lavoro precario».

Anche il segretario generale della Fimmg Silvestro Scotti, nella sua relazione, ha parlato di formazione, proponendo la trasformazione del corso di formazione di medicina generale in specializzazione: «Si cambi il titolo conseguito dai colleghi. Diventi diploma di specializzazione in medicina generale. La disciplina della medicina generale ha tutto il diritto di diventare specialistica». Dichiarazioni accolte da una standing ovation.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO FIMMG, INTERVISTA A SCOTTI: «MEDICINA GENERALE IN RITARDO, SERVONO INVESTIMENTI»

Particolarmente apprezzato dalla platea, anche l’intervento dell’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera, che si è rivolto ai medici di medicina generale presenti in sala: «Vi abbiamo sempre sentiti al nostro fianco, perché siete tra i comparti del Servizio sanitario nazionale più lungimiranti. Avete la piena consapevolezza delle difficoltà vissute dal SSN e del rischio concreto che l’universalità del sistema crolli. E avete la voglia di cambiare il paradigma, per pensare al cittadino e non al malato, per valorizzare il territorio ed uscire dalla logica ospedalo-centrica. È un cambiamento culturale, per questo è complicato, ma è necessario affrontare e vincere questa sfida. E insieme a voi, uomini di grande coraggio, cambieremo la storia di questo Paese».

LEGGI ANCHE: SPERANZA: “RISORSE IN SANITA’ SONO INVESTIMENTI SULLA DIGNITA’ DELLA PERSONA”

Articoli correlati
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»
Il presidente dell'Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l'autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)
Scotti (FIMMG): «Migliorare la medicina territoriale con piccole limature senza snaturarne il DNA»
Il contributo di Silvestro Scotti, segretario della Federazione italiana medici di medicina generale
di Silvestro Scotti, Segretario generale FIMMG
Anelli (FNOMCeO): «È il momento di una visione illuminata della sanità»
Come sarà il ‘dopo’? Innanzitutto, dovremo abituarci a convivere con il virus, almeno sino a che non sarà disponibile per tutta la popolazione un vaccino efficace. Questo significa che dovremo abituarci a mantenere le distanze di sicurezza e a mettere in atto le pratiche igieniche e organizzative idonee a limitare il contagio. Sarebbe consigliato poi […]
di Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO
Consulcesi dona 6.000 mascherine FFP2 ai MMG. Scotti (FIMMG): «Ringrazio quanti sono al fianco dei medici»
Silvestro Scotti (FIMMG): «Attenzione a non abbassare la guardia, per la fase due servono cautele massime. Ringrazio quanti sono al fianco dei medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco