Lavoro 11 Gennaio 2019

Concorsi Ps, Vergallo (Aaroi-Emac): «Almeno 50% di chi ha requisiti non sta lavorando in emergenza e sanerà carenza»

Il presidente del sindacato commenta l’apertura dei concorsi anche a chi non ha la specializzazione: «Non ci stracciamo le vesti, perché a mancata programmazione del fabbisogno devono corrispondere soluzioni drastiche come questa. Finalmente si dà la possibilità di un posto da dirigente medico strutturato a chi è passato per le forche caudine di contratti atipici»

Immagine articolo

«Non possiamo applaudire all’iniziativa, ma comprendiamo che a mali estremi si debba ricorrere a estremi rimedi». Con queste parole Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani –Emergenza area critica Aaroi-Emac, commenta ai nostri microfoni l’emendamento al decreto Semplificazione che apre i concorsi del 2019 per la medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza anche ai non specialisti che negli ultimi dieci anni hanno maturato almeno quattro anni di servizio, anche non continuativi, presso i servizi di emergenza-urgenza ospedalieri del Servizio sanitario nazionale.

LEGGI ANCHE: CONCORSI EMERGENZA-URGENZA SENZA SPECIALIZZAZIONE, PUGLIESE (SIMEU): «OK SE SOLUZIONE TAMPONE, MA CON PERCORSO FORMATIVO»

«Questa è l’ennesima dimostrazione – prosegue Vergallo – che a una mancata programmazione dei fabbisogni poi debbano corrispondere soluzioni drastiche e non previste dalle regole come questa. Una soluzione alla problematica della carenza di specialisti, ormai annosa, è necessaria. Ecco perché alla fine non ci stracciamo le vesti, però è necessario riportare il problema nelle fila della normalità, e quindi programmare un aumento opportuno e calibrato delle borse di specializzazione».

Vergallo replica poi a chi sostiene che l’emendamento non servirà poi molto a sanare il problema della carenza di specialisti nei Pronto soccorso, considerato che l’emendamento si riferisce a quei medici che hanno già lavorato, e che per lo più continuano a lavorare, nei reparti d’emergenza-urgenza, non introducendo quindi forze nuove: «In realtà – spiega Vergallo – chi viene assunto con contratti atipici che nulla hanno a che fare con il contratto della dirigenza medico ospedaliera, instaura un rapporto di lavoro che non si mantiene nel tempo. Sono medici che spesso vengono chiamati a rotazione. Quindi non verrà introdotta nuova forza lavoro al 100%, ma va a recuperare tutti coloro che nel frattempo sono rimasti a casa. Non ho dati precisi, ma immagino che per almeno il 50% si vada ad introdurre una forza lavoro che c’è stata ma che, in questo momento, non sta lavorando in Pronto soccorso».

Inoltre, «si dà finalmente la possibilità di poter accedere ad un posto da dirigente medico strutturato anche a chi è passato sotto le forche caudine di questi contratti capestro. Parlo delle cooperative, dei libero professionisti, delle partite Iva di comodo, eccetera. Quindi – conclude Vergallo – per quanto fuori dalle regole di accesso al SSN, questo è l’unico modo per limitare questo illecito ricorso a personale con contratti di questo tipo, sperando che venga eliminato del tutto».

Articoli correlati
Borse di studio in Anestesia e Emergenza-Urgenza, Aaroi-Emac: «Bene aumento, ora tocca a politica rendere attrattive queste specializzazioni»
«Soddisfazione per l’aumento delle Borse di Studio per le Specializzazioni in Anestesia, rianimazione, terapia intensiva e del dolore e in Medicina di emergenza e urgenza, ma la politica deve fare la sua parte per rendere maggiormente attrattive tali discipline». È questo in sintesi il commento dell’AAROI-EMAC sugli ultimi dati relativi all’incremento e alla distribuzione dei […]
Contratto medici, nuova bozza ARAN sul tavolo. Ma il fronte sindacale resta diviso
In attesa del via libera da parte del Mef sul nuovo Atto d’indirizzo, ripartono le trattative con l’obiettivo di chiudere entro fine luglio. Filippi (Cgil): «Possiamo ottenere grandi risultati». Quici (Cimo – Fesmed): «Testo di rinnovo del contratto volutamente provocatorio e umiliante, è dichiarazione di guerra»
Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran
Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici (Cimo-Fesmed): «Le risorse saranno date dai medici in un rapporto 5 a 1». Vergallo: (Aaroi-Emac): «Paventiamo rischio concreto di appiattimento tra le professioni»
Amsi: «400 medici, 300 infermieri e 150 fisioterapisti richiesti all’Amsi dal 2018 nella Regione Lazio»
«Nel 2025 mancheranno 15 mila medici nella Regione Lazio che è tra le prime in Italia come numero di strutture sanitarie pubbliche e private» così Foad Aodi, presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) con la collaborazione del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, anticipando alcune statistiche importanti e costruttive che saranno presentate durante […]
Anestesisti rianimatori, Marinangeli (Aaroi-Emac): «Siamo gli angeli custodi della sicurezza dei pazienti»
Il presidente del meeting SAQURE: «I contenziosi sono diminuiti. Disposizioni anticipate di trattamento fondamentali per l’autodeterminazione dei pazienti che devono sottoporsi a qualunque procedura, applicabili anche ai testimoni di Geova che rifiutano le trasfusioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...