Lavoro 11 Gennaio 2019

Concorsi Ps, Vergallo (Aaroi-Emac): «Almeno 50% di chi ha requisiti non sta lavorando in emergenza e sanerà carenza»

Il presidente del sindacato commenta l’apertura dei concorsi anche a chi non ha la specializzazione: «Non ci stracciamo le vesti, perché a mancata programmazione del fabbisogno devono corrispondere soluzioni drastiche come questa. Finalmente si dà la possibilità di un posto da dirigente medico strutturato a chi è passato per le forche caudine di contratti atipici»

Immagine articolo

«Non possiamo applaudire all’iniziativa, ma comprendiamo che a mali estremi si debba ricorrere a estremi rimedi». Con queste parole Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani –Emergenza area critica Aaroi-Emac, commenta ai nostri microfoni l’emendamento al decreto Semplificazione che apre i concorsi del 2019 per la medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza anche ai non specialisti che negli ultimi dieci anni hanno maturato almeno quattro anni di servizio, anche non continuativi, presso i servizi di emergenza-urgenza ospedalieri del Servizio sanitario nazionale.

LEGGI ANCHE: CONCORSI EMERGENZA-URGENZA SENZA SPECIALIZZAZIONE, PUGLIESE (SIMEU): «OK SE SOLUZIONE TAMPONE, MA CON PERCORSO FORMATIVO»

«Questa è l’ennesima dimostrazione – prosegue Vergallo – che a una mancata programmazione dei fabbisogni poi debbano corrispondere soluzioni drastiche e non previste dalle regole come questa. Una soluzione alla problematica della carenza di specialisti, ormai annosa, è necessaria. Ecco perché alla fine non ci stracciamo le vesti, però è necessario riportare il problema nelle fila della normalità, e quindi programmare un aumento opportuno e calibrato delle borse di specializzazione».

Vergallo replica poi a chi sostiene che l’emendamento non servirà poi molto a sanare il problema della carenza di specialisti nei Pronto soccorso, considerato che l’emendamento si riferisce a quei medici che hanno già lavorato, e che per lo più continuano a lavorare, nei reparti d’emergenza-urgenza, non introducendo quindi forze nuove: «In realtà – spiega Vergallo – chi viene assunto con contratti atipici che nulla hanno a che fare con il contratto della dirigenza medico ospedaliera, instaura un rapporto di lavoro che non si mantiene nel tempo. Sono medici che spesso vengono chiamati a rotazione. Quindi non verrà introdotta nuova forza lavoro al 100%, ma va a recuperare tutti coloro che nel frattempo sono rimasti a casa. Non ho dati precisi, ma immagino che per almeno il 50% si vada ad introdurre una forza lavoro che c’è stata ma che, in questo momento, non sta lavorando in Pronto soccorso».

Inoltre, «si dà finalmente la possibilità di poter accedere ad un posto da dirigente medico strutturato anche a chi è passato sotto le forche caudine di questi contratti capestro. Parlo delle cooperative, dei libero professionisti, delle partite Iva di comodo, eccetera. Quindi – conclude Vergallo – per quanto fuori dalle regole di accesso al SSN, questo è l’unico modo per limitare questo illecito ricorso a personale con contratti di questo tipo, sperando che venga eliminato del tutto».

Articoli correlati
Contratto medici, riprendono trattative in Aran ma ancora nulla di fatto. Sindacati sul piede di guerra: «Risposte o abbandoneremo tavolo»
Tutto rimandato alla riunione del 21 marzo. Quici (Cimo): «Vogliamo certezze sui problemi economici: RIA, emendamento Gelli, aumento del 3,48%. Solo dopo potremo discutere della parte normativa». Palermo (Anaao-Assomed: «Risorse per remunerazione del disagio e carriera professionale, condizioni di lavoro sono peggiorate»
Contratto medici, Alessandro Vergallo: «Si giunga a rapido accordo. Ma non accetteremo clausole capestro»
Disponibili al confronto per il rinnovo del CCNL, a patto che dall’altra parte ci sia la stessa disponibilità a concluderlo dignitosamente per la parte economica e senza peggioramenti normativi. L’AAROI-EMAC, il sindacato degli anestesisti, a ridosso dall’incontro previsto per mercoledì 13 marzo tra Sindacati della Dirigenza Medica, Veterinaria e Sanitaria e ARAN, chiarisce così la […]
“Medici a cottimo”, AAROI-EMAC: «Una prassi vergognosamente in aumento»
Il ricorso da parte delle Aziende Sanitarie alle Cooperative e ai Medici a cottimo (inclusi quelli inquadrati come “Specialisti Ambulatoriali” che ricoprono posti riservati per legge a Medici con regolare CCNL della Dirigenza Medica Ospedaliera) è diventata una prassi quotidiana, al punto da non scandalizzare più, in nome di un’emergenza alla quale non si riesce […]
Aaa cercansi medici italiani. Storie di procacciatori e di camici bianchi in fuga dal SSN
Si aggirano negli ospedali del Nord Italia e promettono soldi, carriera e una vita più semplice al di là delle Alpi. Sono dei veri e propri talent scout e portano all’estero i professionisti più ricercati, contribuendo ad aggravare la carenza di specialisti che sta svuotando le corsie delle nostre strutture. Giovanni Leoni (FNOMCeO): «Così perdiamo qualità intellettuale importante per l’evoluzione della classe medica»
Contratto medici, sindacati soddisfatti da incontro Funzione Pubblica, ma per ora scioperi confermati
Un emendamento al decreto Semplificazione, in discussione al Senato martedì 22, posticiperà gli effetti del comma 687 della legge di Bilancio al contratto 2019-2021. Ma rimane il nodo della RIA, su cui c'è il blocco del ministero dell'Economia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone