Politica 11 Gennaio 2019 19:19

Concorsi Ps, Vergallo (Aaroi-Emac): «Almeno 50% di chi ha requisiti non sta lavorando in emergenza e sanerà carenza»

Il presidente del sindacato commenta l’apertura dei concorsi anche a chi non ha la specializzazione: «Non ci stracciamo le vesti, perché a mancata programmazione del fabbisogno devono corrispondere soluzioni drastiche come questa. Finalmente si dà la possibilità di un posto da dirigente medico strutturato a chi è passato per le forche caudine di contratti atipici»

Concorsi Ps, Vergallo (Aaroi-Emac): «Almeno 50% di chi ha requisiti non sta lavorando in emergenza e sanerà carenza»

«Non possiamo applaudire all’iniziativa, ma comprendiamo che a mali estremi si debba ricorrere a estremi rimedi». Con queste parole Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani –Emergenza area critica Aaroi-Emac, commenta ai nostri microfoni l’emendamento al decreto Semplificazione che apre i concorsi del 2019 per la medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza anche ai non specialisti che negli ultimi dieci anni hanno maturato almeno quattro anni di servizio, anche non continuativi, presso i servizi di emergenza-urgenza ospedalieri del Servizio sanitario nazionale.

LEGGI ANCHE: CONCORSI EMERGENZA-URGENZA SENZA SPECIALIZZAZIONE, PUGLIESE (SIMEU): «OK SE SOLUZIONE TAMPONE, MA CON PERCORSO FORMATIVO»

«Questa è l’ennesima dimostrazione – prosegue Vergallo – che a una mancata programmazione dei fabbisogni poi debbano corrispondere soluzioni drastiche e non previste dalle regole come questa. Una soluzione alla problematica della carenza di specialisti, ormai annosa, è necessaria. Ecco perché alla fine non ci stracciamo le vesti, però è necessario riportare il problema nelle fila della normalità, e quindi programmare un aumento opportuno e calibrato delle borse di specializzazione».

Vergallo replica poi a chi sostiene che l’emendamento non servirà poi molto a sanare il problema della carenza di specialisti nei Pronto soccorso, considerato che l’emendamento si riferisce a quei medici che hanno già lavorato, e che per lo più continuano a lavorare, nei reparti d’emergenza-urgenza, non introducendo quindi forze nuove: «In realtà – spiega Vergallo – chi viene assunto con contratti atipici che nulla hanno a che fare con il contratto della dirigenza medico ospedaliera, instaura un rapporto di lavoro che non si mantiene nel tempo. Sono medici che spesso vengono chiamati a rotazione. Quindi non verrà introdotta nuova forza lavoro al 100%, ma va a recuperare tutti coloro che nel frattempo sono rimasti a casa. Non ho dati precisi, ma immagino che per almeno il 50% si vada ad introdurre una forza lavoro che c’è stata ma che, in questo momento, non sta lavorando in Pronto soccorso».

Inoltre, «si dà finalmente la possibilità di poter accedere ad un posto da dirigente medico strutturato anche a chi è passato sotto le forche caudine di questi contratti capestro. Parlo delle cooperative, dei libero professionisti, delle partite Iva di comodo, eccetera. Quindi – conclude Vergallo – per quanto fuori dalle regole di accesso al SSN, questo è l’unico modo per limitare questo illecito ricorso a personale con contratti di questo tipo, sperando che venga eliminato del tutto».

Articoli correlati
Riaperture, Vergallo (Aaroi-Emac): «Pressione terapie intensive ancora importante. Bilanciare esigenze di salute con economia»
Il Presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri: «Le decisioni spettano alla politica ma devono seguire, con criteri di prudenza, la scienza e la situazione attuale del SSN. Un’ondata successiva, a distanza di qualche mese, sarebbe ancora più pericolosa delle precedenti perché si aggiungerebbe a un numero esistente di contagi e ricoveri e non a un valore soglia pari a zero»
Chi soccorre il 118? Fotografia di un sistema a geometria variabile
Il racconto di Andrea Filippi (Fp Cgil Medici), Alessandro Vergallo (Aaroi-Emac), Cristina Girardet (Usb) e Maurizio Borgese (SMI)
di Peter D'Angelo
Covid-19, Vergallo (Aaroi-Emac): «Nelle festività misure troppo blande. Con crisi Governo non sappiamo più con chi parlare»
Il Presidente dell’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica fa un quadro della situazione attuale, che comunque «fa riferimento a circa 3 settimane fa». E in prospettiva: «Non ce la sentiamo di essere allarmisti ma dobbiamo cercare di capire come fare per superare l’inverno»
Legge di Bilancio, per la sanità si è fatto abbastanza? Parlano i sindacati
Palermo (Anaao): «Fondo sanitario riportato a livelli più consoni». Vergallo (Aaroi-Emac): «Bene aumento indennità di esclusività». Cimo-Fesmed: «Temiamo per il futuro della sanità»
Ospedali saturi, in Campania è emergenza per la carenza di specialisti
Coppola (Anaao Giovani Campania): «Scontiamo atavici errori di programmazione. Il reclutamento in extremis? Si pesca nel vuoto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco