Lavoro 23 Dicembre 2014

La euro-sanità affida la svolta all’Italia

D’Autilia apre la presidenza CEOM puntando sulla sinergia con gli altri organismi continentali a guida tricolore

Immagine articolo

Aperto ufficialmente con la due giorni di Roma il nuovo corso, il CEOM ha cominciato ad affrontare i grandi temi della sanità internazionale. A guidare le danze nel prossimo triennio sarà l’Italia con la presidenza del Consiglio Europeo degli Ordini dei Medici affidata al dottor Nicolino D’Autilia.

E proprio quest’ultimo – prima di aprire i lavori del suo mandato – ha tenuto a sottolineare il ruolo di primo piano assunto dal nostro Paese grazie agli ottimi risultati raggiunti dal settore esteri della FNOMCeO.  Nelle ultime settimane il dottor torinese Aldo Lupo ha assunto la guida dello UEMO (Medici di Famiglia europei)  con un board interamente tricolore mentre il medico veneziano Salvatore Ramoscello  è stato nominato vice-presidente della UEMS, l’Organizzazione continentale degli Specialisti. “Contiamo molto sulla collaborazione di tutte le istituzioni, perché credo che mettendo in moto le dovute sinergie si possano fare grandi cose”, ha affermato il presidente D’Autilia con la consapevolezza che l’Italia con i suoi professionisti possa guidare il processo di svolta che sta vivendo la categoria.

E tra le principali tematiche all’attenzione del CEOM è finita subito la questione della Rc professionale medica, con una novità interessante anticipata proprio dal presidente D’Autilia ai microfoni di Sanità Informazione: “Il Comitato Centrale della FNOMCeO ha emesso un bando europeo per un broker che individui la migliore assicurazione possibile per chi si iscrive al primo anno all’Ordine dei Medici. Un servizio che la FNOMCeO – ha spiegato – intende offrire ai nuovi iscritti, da implementare a seconda delle discipline esercitate”.

Altro tema caldo quello della formazione Ecm. Nella disputa tra sistema sanzionatorio e sistema premiale, D’Autilia non ha dubbi: “Ritengo la linea sanzionatoria ormai superata, a meno che non ci si trovi di fronte a casi eclatanti di assoluta mancanza di aggiornamento formativo. Viceversa, credo sia auspicabile prevedere un aspetto incentivante per chi si forma in maniera corretta”. Il presidente D’Autilia ha affrontato anche il tema della demografia medica. Dalla stragrande maggioranza dei rappresentanti dei Paesi rappresentati nel Consiglio europeo degli Ordini dei Medici sono infatti giunte sollecitazioni ad approfondire il caso della migrazione dei professionisti per evitare squilibri, che potrebbero ricadere sulla qualità dei livelli di assistenza. D’Autilia ha invitato in tal senso a riflettere “sui reali fabbisogni sanitari dei vari Paesi. In un momento storico in cui si è occupati a badare alla trasmigrazione dei cittadini europei – ha spiegato  – è il caso di fare il punto sulla migrazione dei professionisti sanitari. Ed è importante creare le condizioni per individuare aree di maggiore o minore fabbisogno. In tal senso – ha concluso – le nuove tecnologie rappresentano un valido sostegno”.

Articoli correlati
Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»
Il presidente dell'Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l'autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)
Anelli (FNOMCeO): «È il momento di una visione illuminata della sanità»
Come sarà il ‘dopo’? Innanzitutto, dovremo abituarci a convivere con il virus, almeno sino a che non sarà disponibile per tutta la popolazione un vaccino efficace. Questo significa che dovremo abituarci a mantenere le distanze di sicurezza e a mettere in atto le pratiche igieniche e organizzative idonee a limitare il contagio. Sarebbe consigliato poi […]
di Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO
Professionisti in Sanità, la fotografia dell’Istat: «Sempre meno e sempre più vecchi»
Anelli (FNOMCeO): «Situazione frutto di politiche di tagli e di contenimento. Dobbiamo lavorare tutti insieme, i medici, i professionisti, le istituzioni, il Governo, gli stakeholder, a un grande progetto di rilancio del nostro Ssn». SIGM: «Gli “eroi” tanto elogiati restano i più poveri e più stanchi della Pubblica Amministrazione»
Elezioni ENPAM, chi sono i candidati e perché alcune associazioni chiedono la sospensione delle procedure elettorali
Acceso dibattito nel mondo medico. Ecco la lettera con cui AIM, AIO, FP CGIL MEDICI, CIPe, SIGM, SMI, SiSPe, SUSO e UGL Medici chiedono il rinvio delle elezioni, la replica di Silvestro Scotti (Fimmg) e la posizione di Guido Quici (CIMO)
Covid-19, un nuovo modello di gestione è possibile: la proposta della FNOMCeO
"La lettera inviata giorni fa dai centomila medici di tutte le branche della professione, che, come FNOMCeO, abbiamo condiviso, ha ribadito che la gestione del Covid-19 deve avvenire, in primis, sul territorio", ha spiegato il Presidente Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 25 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...