Lavoro 23 dicembre 2014

La euro-sanità affida la svolta all’Italia

D’Autilia apre la presidenza CEOM puntando sulla sinergia con gli altri organismi continentali a guida tricolore

Immagine articolo

Aperto ufficialmente con la due giorni di Roma il nuovo corso, il CEOM ha cominciato ad affrontare i grandi temi della sanità internazionale. A guidare le danze nel prossimo triennio sarà l’Italia con la presidenza del Consiglio Europeo degli Ordini dei Medici affidata al dottor Nicolino D’Autilia.

E proprio quest’ultimo – prima di aprire i lavori del suo mandato – ha tenuto a sottolineare il ruolo di primo piano assunto dal nostro Paese grazie agli ottimi risultati raggiunti dal settore esteri della FNOMCeO.  Nelle ultime settimane il dottor torinese Aldo Lupo ha assunto la guida dello UEMO (Medici di Famiglia europei)  con un board interamente tricolore mentre il medico veneziano Salvatore Ramoscello  è stato nominato vice-presidente della UEMS, l’Organizzazione continentale degli Specialisti. “Contiamo molto sulla collaborazione di tutte le istituzioni, perché credo che mettendo in moto le dovute sinergie si possano fare grandi cose”, ha affermato il presidente D’Autilia con la consapevolezza che l’Italia con i suoi professionisti possa guidare il processo di svolta che sta vivendo la categoria.

E tra le principali tematiche all’attenzione del CEOM è finita subito la questione della Rc professionale medica, con una novità interessante anticipata proprio dal presidente D’Autilia ai microfoni di Sanità Informazione: “Il Comitato Centrale della FNOMCeO ha emesso un bando europeo per un broker che individui la migliore assicurazione possibile per chi si iscrive al primo anno all’Ordine dei Medici. Un servizio che la FNOMCeO – ha spiegato – intende offrire ai nuovi iscritti, da implementare a seconda delle discipline esercitate”.

Altro tema caldo quello della formazione Ecm. Nella disputa tra sistema sanzionatorio e sistema premiale, D’Autilia non ha dubbi: “Ritengo la linea sanzionatoria ormai superata, a meno che non ci si trovi di fronte a casi eclatanti di assoluta mancanza di aggiornamento formativo. Viceversa, credo sia auspicabile prevedere un aspetto incentivante per chi si forma in maniera corretta”. Il presidente D’Autilia ha affrontato anche il tema della demografia medica. Dalla stragrande maggioranza dei rappresentanti dei Paesi rappresentati nel Consiglio europeo degli Ordini dei Medici sono infatti giunte sollecitazioni ad approfondire il caso della migrazione dei professionisti per evitare squilibri, che potrebbero ricadere sulla qualità dei livelli di assistenza. D’Autilia ha invitato in tal senso a riflettere “sui reali fabbisogni sanitari dei vari Paesi. In un momento storico in cui si è occupati a badare alla trasmigrazione dei cittadini europei – ha spiegato  – è il caso di fare il punto sulla migrazione dei professionisti sanitari. Ed è importante creare le condizioni per individuare aree di maggiore o minore fabbisogno. In tal senso – ha concluso – le nuove tecnologie rappresentano un valido sostegno”.

Articoli correlati
Aaa cercansi medici italiani. Storie di procacciatori e di camici bianchi in fuga dal SSN
Si aggirano negli ospedali del Nord Italia e promettono soldi, carriera e una vita più semplice al di là delle Alpi. Sono dei veri e propri talent scout e portano all’estero i professionisti più ricercati, contribuendo ad aggravare la carenza di specialisti che sta svuotando le corsie delle nostre strutture. Giovanni Leoni (FNOMCeO): «Così perdiamo qualità intellettuale importante per l’evoluzione della classe medica»
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
FNOMCeO, “Obiettivo dignità”: i medici lanciano petizione online contro gli spot che sollecitano risarcimenti danni in ambito sanitario
Una petizione online per chiedere al Ministro della Salute, Giulia Grillo, di sollecitare «l’adozione di strumenti di controllo preventivo, al fine di evitare che messaggi distorti, veicolati su canali pubblici, arrechino danno al Servizio Sanitario nazionale, che, nonostante tutte le difficoltà, assicura elevati livelli certificati di tutela della salute e di assistenza ai cittadini» È […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...