Cause 30 Giugno 2021 15:27

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

La vertenza tra Stato e medici ex specializzandi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea si aggiorna di nuove sentenze. «Nell’ultimo mese e mezzo – ha dichiarato Consulcesi – sono state sette le pronunce positive a favore dei professionisti tutelati» dal network legale che su questa vertenza ha già ottenuto più di mezzo miliardo a favore dei suoi assistiti. E dopo tre sentenze, arrivate poche settimane fa, che restituivano a 164 camici bianchi la somma di 4 milioni di euro, se ne sono aggiunte altre quattro che redistribuiscono circa 5 milioni a 200 medici che si erano specializzati tra il 1983 e il 1991. Inoltre, una recente pronuncia del tribunale di Firenze modifica il quadro giurisprudenziale in favore dei medici, sia in termini di prescrizione che in relazione al quantum risarcitorio. Ne abbiamo parlato con l’avvocato Marco Tortorella, che cura i ricorsi per conto di Consulcesi.

Avvocato, quali sono le novità apportate dalla sentenza del Tribunale di Firenze in merito agli ex specializzandi?

«Questa sentenza si pone in discontinuità rispetto alla giurisprudenza degli ultimi anni per due aspetti. Il primo riguarda la decorrenza della prescrizione. Come noi affermiamo da tempo, la sentenza sostiene che l’incertezza che c’è stata in ordine alla mancata attuazione delle direttive comunitarie, in particolare in relazione alla questione dei medici specializzandi, determina l’impossibilità della decorrenza del termine di prescrizione sulla base di principi che sono stati più volte affermati anche dalla Corte di Giustizia europea. La sentenza afferma che la prescrizione potrà iniziare a decorrere solo quando questa incertezza non verrà eliminata completamente. La sentenza afferma anche che, al limite, se proprio volessimo trovare una data, potremmo ritenere superata questa incertezza a seguito dell’attuazione del decreto legislativo 386 del 99 con i Dpcm del 2007».

E per quanto riguarda il quantum risarcitorio?

«Il secondo elemento riguarda per l’appunto il quantum del risarcimento. Anche qui il Tribunale di Firenze, correttamente e sempre rifacendosi alle sentenze della Corte di Giustizia europea, ritiene che il quantum vada calcolato in base alla prima norma di trasposizione della direttiva, che non riguarda i medici iscritti prima del 1991, la quale prevede una borsa di studio di 21 milioni e mezzo di lire, quindi 11.103 euro per ogni anno di specializzazione. Il Tribunale di Firenze afferma che è questo il parametro che bisogna utilizzare e non un’altra norma del 1999, che però non è di trasposizione della direttiva, che prevedeva circa 6.700 euro per ogni anno di specializzazione».

Oltre questa, sono arrivate nelle ultime settimane diverse sentenze a favore dei medici ricorrenti…

«Nel mese di maggio sono arrivate ben quattro sentenze che riguardano circa 200 medici con le quali il Tribunale di Roma ha condannato la Presidenza del Consiglio a pagare quasi 5 milioni di euro in favore dei ricorrenti per la mancata attuazione delle direttive comunitarie. Questi medici si erano iscritti ai corsi prima del ’91 e li avevano svolti dall’82 al ‘91. Secondo la giurisprudenza ormai prevalente e quanto detto dalla Corte di Giustizia europea, questi medici hanno diritto al risarcimento del danno e all’adeguata remunerazione dal primo gennaio del 1983 in poi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gas serra e cambiamento climatico: il Tribunale Internazionale per il Diritto del Mare emette la prima advisory opinion
Legali Consulcesi: “Pronuncia storica che sottolinea la responsabilità degli Stati nel contrastare l’inquinamento dell’aria, riconosciuta, insieme al cambiamento climatico, una reale minaccia per i diritti umani”
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Mese della prevenzione del tumore al seno. Petrella (Consulcesi): «Troppa disparità tra Nord e Sud»
L’oncologo e docente Consulcesi: «Necessario potenziare prevenzione e diagnosi precoce»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...