Lavoro 9 Settembre 2022 12:11

Carenza infermieri: alla Mostra di Venezia il docufilm “Il buon lavoro che c’è” e l’appello di AIOP

Dario Beretta, presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata: «In Italia le richieste di iscrizioni alla facoltà di scienze infermieristiche sono quasi inferiori alla domanda. Basta retaggi falsi e fuorvianti, oggi l’infermiere è figura indispensabile»

Erika, infermiera, e Myriam, studentessa del corso di laurea in scienze infermieristiche, sono tra le protagoniste del docufilm “Il buon lavoro che c’è”, prodotto da Skill Group e presentato alla 79° mostra del Cinema di Venezia. Uno spaccato sul mondo delle professioni sanitarie che oggi sta affrontando un cambiamento, ma anche una profonda crisi come evidenzia Dario Beretta, presidente di AIOP Lombardia.

«Oggi in Italia le richieste di iscrizione ai corsi di laurea delle facoltà di scienze infermieristiche sono quasi inferiori ai posti disponibili», sottolinea il Presidente lombardo dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata nel commentare le statistiche di una crisi profonda che investe tutto il mondo della Sanità. Le ragioni però sono differenti, perché se è vero che all’appello manca il 47% dei medici, il 42% degli infermieri e il 38% di altri professionisti sanitari a fronte di un fabbisogno occupazionale che tra il 2022 e il 2026 – secondo le stime di Union Camere e Anpal – sarà di 44 mila unità all’anno, molto diversa è la situazione all’interno dei singoli corsi di laurea.

Infermiere più specializzato, ma manca la vocazione

«Per medicina, fisioterapia o radiologia c’è sempre molta richiesta – spiega -, mentre invece pochi sono i giovani che scelgono di diventare infermieri». Stipendi bassi e turni pesanti sono le ragioni principali di una carenza significativa di vocazione infermieristica, ma oggi la professione sta cambiando e per Beretta certi retaggi del passato falsi e fuorvianti vanno cancellati. «A mettere un freno alle iscrizioni c’è ancora la convinzione che l’infermiere si debba occupare dell’igiene del paziente – racconta Beretta- ma non è più così. Oggi è una figura indispensabile. Ormai in sanità si va verso una informatizzazione completa e chi si occuperà della cartella elettronica sarà proprio l’infermiere che dovrà anche misurarsi con la raccolta di tutti quei dati indispensabili per il Servizio Sanitario Nazionale e per la ricerca».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...