Lavoro 16 Settembre 2014

Blocco stipendi e turni massacranti “tolgono il sonno” ai medici 

La voce dei camici bianchi: “Troppi oneri a fronte di orari insostenibili”.

Immagine articolo

Tempi duri, semmai non fosse ancora chiaro, anche per i medici italiani. La recente decisione del blocco all’aumento dei salari colpisce anche i camici bianchi e, come se non bastasse, i turni di lavoro massacranti e gli straordinari non retribuiti di certo non stimolano positivamente i professionisti della sanità.

La protesta, in certi casi, è arrivata fino a Montecitorio dove i medici fiscali – in attesa di un intervento del Governo per una convenzione che assicuri loro maggiore stabilità –  hanno manifestato le loro preoccupazioni e la loro rabbia. Da quella piazza il dottor Maurizio Zanoni, rappresentante dei Medici Fiscali bresciani, ha affrontato con noi tematiche che tengono in ansia tutto il mondo degli operatori sanitari.

Dottor Zanoni, in clima di spending review, quella del blocco agli stipendi degli statali è un’ennesima batosta. Piove sempre sul bagnato…
Purtroppo sì: sebbene gli esponenti delle Istituzioni con cui ci siamo confrontati si siano rivelati molto disponibili nell’ascoltare le nostre istanze, nel nostro specifico settore sono 1400 i medici che subiscono questa situazione, di cui molti letteralmente disperati, e penalizzati dal fatto di lavorare in esclusiva per l’INPS. Dobbiamo considerare che l’età media nel nostro campo è alta: chi si era iscritto alle liste speciali prima del 2000 era soggetto a incompatibilità, ed ha dovuto abbandonare i lavori precedenti in favore di un rapporto esclusivo con l’INPS. Successivamente le incompatibilità si sono ridotte ed è stato consentito, soprattutto ai medici di base, di esercitare come ulteriore attività quella di medici fiscali. Ciò ha generato un vero e proprio conflitto di interessi, perché un medico certificatore che poi controlla i certificati è un lampante controsenso. Ad ogni modo la Commissione Affari Sociali ha evidenziato questo aspetto e ha dimostrato di voler risolvere questo problema. Ci sono medici che ad oggi vivono con 200 euro al mese.

E senza contare il problema dei turni di lavoro e degli straordinari non retribuiti, in un contesto già appesantito dal recente obbligo assicurativo per i professionisti della sanità. 
Noi siamo gli unici professionisti ad avere una reperibilità non pagata, e la nostra è una reperibilità dal lunedì alla domenica, con l’aggravante che le domeniche, fino alle ore pomeridiane, non sappiamo se lavoreremo oppure no. Senza considerare poi, che con l’entrata in vigore dell’obbligo assicurativo, ci ritroviamo non solo ad essere senza reddito e con orari di lavoro insostenibili, ma anche a dover sopportare l’onere economico dell’assicurazione, e privati della possibilità di esercitare una seconda attività.

Articoli correlati
Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»
«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»
«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo scusa, ma la colpa non è mia»
Usa, salute dei medici a rischio. Report Medscape: un medico su due colpito da burnout. Il 14% ha pensato al suicidio
Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo. È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, […]
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone