Lavoro 1 Aprile 2022 15:10

Blocco assunzioni personale, Anaao Assomed Lazio proclama stato di agitazione

Il sindacato alla Regione Lazio: «Paralisi inaccettabile, chiediamo convocazione urgentissima e l’immediata revoca di ogni misura di blocco in materia di assunzioni»

Blocco assunzioni personale, Anaao Assomed Lazio proclama stato di agitazione

L’Anaao Assomed del Lazio denuncia «la paralisi delle assunzioni del personale sanitario e lo stato di crisi permanente del Servizio sanitario regionale». E proclama lo stato di agitazione chiedendo alla Regione «una convocazione urgentissima con all’ordine del giorno la situazione delle dotazioni organiche del Servizio sanitario regionale e l’immediata revoca di ogni misura di blocco in materia di assunzioni».

Nella lettera inviata all’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato, il sindacato dei medici ospedalieri punta il dito contro «la recente nota della Direzione regionale alle aziende sanitarie che ha determinato una gravissima situazione in termini di carenza del personale».

L’Anaao Assomed del Lazio si riferisce al fatto che «nel recente accordo sottoscritto con la Regione in materia di stabilizzazione dei precari Covid, era stata prevista l’attuazione delle norme relative della Legge finanziaria 2022 e ciò doveva prevedere procedure attuative da avviare con immediatezza. Tale procedura di stabilizzazione non doveva ostacolare la copertura del turnover ritardata nel periodo Covid per quasi tutte le specialità. In realtà, anche grazie all’improvvida nota sopra citata, e all’interpretazione letterale effettuata dai direttori generali, si assiste a una vera e propria paralisi della gestione del personale sanitario – rileva la sigla – con ricadute gravissime sulla funzionalità delle strutture e dei servizi del Ssr».

«Non solo non sono state avviate le procedure di stabilizzazione – incalza l’Anaao regionale – ma sono state bloccate tutte le procedure concorsuali già avviate e spesso concluse e persino l’assunzione dei vincitori, paralizzando così l’intero sistema».

E «alla luce di tale gravissima situazione che interviene su un sistema sanitario in fase estremamente critica, con gravi ricadute sulla garanzia dei servizi minimi ai cittadini della regione» il sindacato annuncia «la proclamazione dello stato di agitazione della categoria» segnalando «con forza tale situazione inaccettabile sia alle altre organizzazioni sindacali di categoria e confederali, sia ai mass media».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Medici di famiglia, Onotri (Smi): «Chiediamo tutele, diritti e sicurezza sul lavoro»
Fp Cgil medici e dirigenti SSN, Smi, Simet, Fed. C.i.pe-S.i.s.pe-S.i.n.s.pe proclamano lo stato di agitazione per la medicina generale. Onotri: «La medicina territoriale versa in condizioni disastrose. A noi medici di famiglia affidata l’intera gestione del Covid, clinica e amministrativa. Lavoriamo 12 ore al giorno sette giorni su sette»
«Investire su personale sanitario o fondi PNRR saranno inutili». L’allarme di Aceti (Salutequità)
Il presidente dell’associazione Salutequità spiega: «Per non interrompere assistenza ai pazienti non Covid serve più personale, strategia stop&go non più sostenibile». E aggiunge: «Non basta aumentare gli organici ad invarianza di modelli professionali e organizzativi». Anche con la stabilizzazione dei precari Covid mancheranno all’appello 30mila infermieri
di Francesco Torre
Nursing Up al Piemonte: «Prolungare contratti e avviare assunzioni o sarà mobilitazione»
«Dall’urgenza di avere nuove assunzioni di infermieri, professionisti della sanità e Oss, in Piemonte, siamo passati all’impellenza visto che del bando assunzioni regionale che porterà al concorso al quale potranno attingere tutte le aziende sanitarie e quelle dell’area di Torino che hanno enormi necessità, non c’è a oggi nemmeno l’ombra. Questo stato di cose, questo […]
«Precariato infermieri, dati allarmanti. In 6 anni persi 100mila posti di lavoro». L’indagine Nursing Up
Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up, commenta il «desolante quadro» emerso dallo studio
Assunzioni operatori sanità, Cisl medici Lazio: «La realtà di chi lavora in prima linea ci dice che non è così»
La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale /Rieti commenta l’immagine apparsa sul sito Salute Lazio della Regione. «Senza dubbio graficamente ben realizzata ed esteticamente accattivante – scrivono Luciano Cifaldi e Benedetto Magliozzi, segretari dell’organizzazione sindacale -. A completamento pubblicitario la scritta “Nel Lazio 10.000 operatori della sanità assunti dal 2018”. «Una cifra importante che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali