Lavoro 17 Luglio 2019 12:16

Autisti soccorritori, Montanari (CO.E.S.): «Facciamo lavorare i sanitari in sicurezza, ecco perché serve figura professionale»

Il Presidente della Federazione Conducenti Emergenza Sanitaria chiede alla Conferenza delle regioni di procedere alla prima normativa in materia. Poi spiega: «L’abilitazione inizialmente dev’essere a una guida sicura, consapevole di quello che sta facendo. Perché l’ambulanza in emergenza è quella che va a mettere caos in un traffico ordinato da segnaletica orizzontale, verticale e dal Codice della strada. Siamo noi l’elemento di pericolo sulla strada»

Autisti soccorritori, Montanari (CO.E.S.): «Facciamo lavorare i sanitari in sicurezza, ecco perché serve figura professionale»

Quando vediamo le ambulanze sfrecciare non sempre pensiamo che alla guida del veicolo ci sono delle persone che, per svolgere quel mestiere, devono avere delle precise competenze professionali. In Italia però la figura dell’autista soccorritore non è ancora stata definita, nonostante se ne parli da un po’ di tempo. Per questo il CO.E.S., Conducenti Emergenza Sanitaria, la federazione che raccoglie i professionisti del settore, chiede a gran voce l’istituzione della figura professionale: «Chiediamo al ministero della Salute e alla Conferenza delle regioni è che si trovi un percorso comune per tutte quelle figure che lavorano sulle ambulanze e che fanno emergenza sanitaria» spiega a Sanità Informazione Moreno Montanari, Presidente del CO.E.S. Italia. L’autista soccorritore è una figura chiave per il Sistema 118, anche se la regionalizzazione del sistema sanitario italiano fa si che ci siano differenze importanti sulla composizione della ‘squadra’ che opera il primo soccorso sul campo. L’obiettiva della nuova normativa è allinearsi con il resto d’Europa consentendo così anche all’Italia la libera circolazione dei lavoratori fra le varie regioni ed in tutto il continente e arrivare a un contratto collettivo nazionale unico di lavoro.

LEGGI ANCHE: PRIMO SOCCORSO: SIS 118, FEDERCONSUMATORI E FNOMCEO CHIEDONO RIFORMA. BALZANELLI (SIS 118): «SUI MEZZI DI SOCCORSO SERVONO MEDICI, INFERMIERI E AUTISTI SOCCORRITORI»

Presidente, lei rappresenta la categoria delle persone che guidano i mezzi di soccorso. Voi chiedete un profilo professionale perché non tutti possono fare questo mestiere…

«Sono presidente nazionale di CO.E.S. Italia, Associazione nazionale di conducenti di emergenza sanitaria, presenti in tutte le regioni d’Italia con sedi in 17 regioni. Quello che chiediamo è una identificazione e un riconoscimento del profilo professionale dell’austista soccorritore. Attualmente non esiste una legiferazione sulle nostre competenze e sulle nostre conoscenze necessarie per essere in servizio sulle ambulanze. Quindi chiediamo al ministero della Salute e alla Conferenza delle regioni è che si trovi un percorso comune per tutte quelle figure che lavorano sulle ambulanze e che fanno emergenza sanitaria».

Qual è la competenza che deve avere un autista di mezzo di soccorso?

«L’abilitazione inizialmente dev’essere a una guida sicura, consapevole di quello che sta facendo. Perché l’ambulanza in emergenza è quella che va a mettere caos in un traffico ordinato da segnaletica orizzontale, verticale e dal Codice della strada. Siamo noi l’elemento di pericolo sulla strada. Poi l’autista deve essere conscio di dover portare personale sanitario a casa del paziente o sul luogo da raggiungere in totale sicurezza, poi mettere il veicolo in sicurezza e far lavorare l’equipaggio sia che lo scenario sia in casa che sulla strada. L’autista soccorritore ha anche delle competenze che gli permettono di collaborare col personale sanitario, quindi conosce quello che si deve fare e collabora. Una volta che ha fatto tutto rientra nell’ospedale di destinazione, deciso dalla centrale operativa o dal medico: deve quindi anche conoscere il territorio di competenza».

Articoli correlati
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
Emergenza-urgenza, arriva la riforma: dipartimento integrato e contratto unico per una gestione uniforme in tutta Italia
La pdl, firmata dai deputati Bologna, Marin e Mugnai, prevede la creazione del medico unico dell’emergenza e istituisce le figure del personale soccorritore e dell'autista soccorritore
di Francesco Torre
Capodanno 2022. Ecco come il SIS 118 si prepara ad affrontare la notte più “lunga” dell’anno
Balzanelli (SIS 118): «Gli “incidenti” post veglione, fatta eccezione per il Capodanno 2021, continuano ad aumentare di anno in anno. Disposto un incremento di personale e mezzi di soccorso»
Ambulanze di nuovo in fila davanti ai pronto soccorso. Balzanelli (SIS 118): «Ne servirebbero almeno 360 in più»
A mandare in tilt i reparti di emergenza-urgenza non è solo il Covid-19, ma anche l’influenza stagionale. Il presidente SIS 118: «Per ogni ambulanza bloccata, c’è un paziente a bordo in attesa di cure e un altro che aspetta ancora il primo soccorso»
Riforma 118, parla la Senatrice Castellone: «Non sia una succursale del Pronto soccorso. Ma anche i medici specialisti avranno un ruolo»
«La pandemia ci ha insegnato che è sbagliato accentrare tutta l’assistenza a livello ospedaliero», spiega la Senatrice M5S Maria Domenica Castellone che lancia una proposta: «I medici che lavorano da più di cinque anni in emergenza-urgenza passino dalla convenzione alla dipendenza»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa