Lavoro 17 Luglio 2019 12:16

Autisti soccorritori, Montanari (CO.E.S.): «Facciamo lavorare i sanitari in sicurezza, ecco perché serve figura professionale»

Il Presidente della Federazione Conducenti Emergenza Sanitaria chiede alla Conferenza delle regioni di procedere alla prima normativa in materia. Poi spiega: «L’abilitazione inizialmente dev’essere a una guida sicura, consapevole di quello che sta facendo. Perché l’ambulanza in emergenza è quella che va a mettere caos in un traffico ordinato da segnaletica orizzontale, verticale e dal Codice della strada. Siamo noi l’elemento di pericolo sulla strada»

Autisti soccorritori, Montanari (CO.E.S.): «Facciamo lavorare i sanitari in sicurezza, ecco perché serve figura professionale»

Quando vediamo le ambulanze sfrecciare non sempre pensiamo che alla guida del veicolo ci sono delle persone che, per svolgere quel mestiere, devono avere delle precise competenze professionali. In Italia però la figura dell’autista soccorritore non è ancora stata definita, nonostante se ne parli da un po’ di tempo. Per questo il CO.E.S., Conducenti Emergenza Sanitaria, la federazione che raccoglie i professionisti del settore, chiede a gran voce l’istituzione della figura professionale: «Chiediamo al ministero della Salute e alla Conferenza delle regioni è che si trovi un percorso comune per tutte quelle figure che lavorano sulle ambulanze e che fanno emergenza sanitaria» spiega a Sanità Informazione Moreno Montanari, Presidente del CO.E.S. Italia. L’autista soccorritore è una figura chiave per il Sistema 118, anche se la regionalizzazione del sistema sanitario italiano fa si che ci siano differenze importanti sulla composizione della ‘squadra’ che opera il primo soccorso sul campo. L’obiettiva della nuova normativa è allinearsi con il resto d’Europa consentendo così anche all’Italia la libera circolazione dei lavoratori fra le varie regioni ed in tutto il continente e arrivare a un contratto collettivo nazionale unico di lavoro.

LEGGI ANCHE: PRIMO SOCCORSO: SIS 118, FEDERCONSUMATORI E FNOMCEO CHIEDONO RIFORMA. BALZANELLI (SIS 118): «SUI MEZZI DI SOCCORSO SERVONO MEDICI, INFERMIERI E AUTISTI SOCCORRITORI»

Presidente, lei rappresenta la categoria delle persone che guidano i mezzi di soccorso. Voi chiedete un profilo professionale perché non tutti possono fare questo mestiere…

«Sono presidente nazionale di CO.E.S. Italia, Associazione nazionale di conducenti di emergenza sanitaria, presenti in tutte le regioni d’Italia con sedi in 17 regioni. Quello che chiediamo è una identificazione e un riconoscimento del profilo professionale dell’austista soccorritore. Attualmente non esiste una legiferazione sulle nostre competenze e sulle nostre conoscenze necessarie per essere in servizio sulle ambulanze. Quindi chiediamo al ministero della Salute e alla Conferenza delle regioni è che si trovi un percorso comune per tutte quelle figure che lavorano sulle ambulanze e che fanno emergenza sanitaria».

Qual è la competenza che deve avere un autista di mezzo di soccorso?

«L’abilitazione inizialmente dev’essere a una guida sicura, consapevole di quello che sta facendo. Perché l’ambulanza in emergenza è quella che va a mettere caos in un traffico ordinato da segnaletica orizzontale, verticale e dal Codice della strada. Siamo noi l’elemento di pericolo sulla strada. Poi l’autista deve essere conscio di dover portare personale sanitario a casa del paziente o sul luogo da raggiungere in totale sicurezza, poi mettere il veicolo in sicurezza e far lavorare l’equipaggio sia che lo scenario sia in casa che sulla strada. L’autista soccorritore ha anche delle competenze che gli permettono di collaborare col personale sanitario, quindi conosce quello che si deve fare e collabora. Una volta che ha fatto tutto rientra nell’ospedale di destinazione, deciso dalla centrale operativa o dal medico: deve quindi anche conoscere il territorio di competenza».

Articoli correlati
Dalla Governance del PNRR alla riforma del 118, la settimana in Parlamento
Deputati e senatori impegnati nell’approvazione dei decreti legge pendenti. A Montecitorio spazio all’assegno temporaneo per figli minori mentre al Senato approda il Dl Semplificazioni. In Commissione Sanità esame dei Ddl su autista soccorritore, fibromialgia e prevenzione delle malattie cardiovascolari
Se la pandemia diventa un’endemia. Ecco come il 118 si prepara ad affrontarla
La Società Italiana Sistema 118 ha redatto la seconda edizione delle “Linee di indirizzo in tema di contrasto al Covid-19”. Il presidente Balzanelli: «Incrementare DPI, ambulanze e personale qualificato. Istituire postazioni del 118 davanti ai pronto soccorso Covid. Garantire vaccinazioni e screening periodici ai professionisti»
di Isabella Faggiano
I Nas verificano 1.297 ambulanze: 9 veicoli sequestrati e 160 irregolari
Tra gli episodi più eclatanti, i Carabinieri dei NAS hanno rilevato ventilatori polmonari collegatori a bombole contenenti ossigeno medicinale con data di scadenza superata addirittura dal luglio 2018
Riforma sistema Emergenza Urgenza – 118: la posizione della Simeu
Le indicazioni della Simeu (Società Italiana della medicina di emergenza-urgenza) sulla riforma del 118, la struttura e organizzazione del servizio e la formazione e inquadramento del personale
Chi soccorre il 118? Fotografia di un sistema a geometria variabile
Il racconto di Andrea Filippi (Fp Cgil Medici), Alessandro Vergallo (Aaroi-Emac), Cristina Girardet (Usb) e Maurizio Borgese (SMI)
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 agosto, sono 198.944.127 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.236.600 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva