Lavoro 22 Aprile 2022 15:44

Anelli: «I medici mostrano disagio nel lavoro. Al governo chiediamo provvedimenti straordinari»

Ferie non godute, straordinari non pagati, contratti in attesa di rinnovo. In Italia manca personale e i medici sono stanchi di sacrifici continui. Il presidente Fnomceo Filippo Anelli fissa una nuova direzione con il ministro Speranza

Due anni di pandemia e tanto lavoro straordinario hanno avuto due effetti fondamentali sulla categoria medica. Il primo, quello di averne largamente ampliato la percezione positiva nella società. Eroi, salvatori, angeli sono solo alcuni degli epiteti che la popolazione ha dato ai professionisti sanitari durante il momento peggiore dell’emergenza. Il secondo, quello di aver esasperato molte delle loro energie, lasciando il comparto: stanco, in burnout e a disagio con quella professione che doveva essere una vocazione.

Urgono soluzioni e al governo possono arrivare solo dalla categoria stessa. Una categoria che la FNOMCeO – e il suo presidente Filippo Anelli – ha riunito per discutere la “questione medica“, alla presenza del ministro Roberto Speranza e del presidente della Conferenza della Regioni e Province autonome Massimiliano Fedriga.

Cosa è la questione medica

«La questione medica – spiega Anelli a Sanità Informazione – parte dallo scorso anno dopo l’approvazione del PNRR, una sfida che il governo ha lanciato di rinnovamento strutturale e infrastrutturale del nostro Ssn. Sin da allora avevamo già chiesto al governo un’attenzione particolare ai professionisti: il servizio funziona se ci sono professionisti in numero adeguato. È emersa ancora con chiarezza la carenza di medici e di altri professionisti sanitari e la qualità del sistema va guardata con attenzione: se i professionisti riescono a formarsi adeguatamente e dall’altra a vivere bene il loro lavoro. Dai sondaggi abbiamo visto che non è così: questi due anni di pandemia hanno reso evidenti tutti gli errori del passato».

«Mi ha fatto piacere che il presidente Fedriga abbia ribadito la necessità di un sistema sanitario nazionale che provi a considerare le risorse come un investimento sulla salute. Ora ci aspettiamo che questo incontro, che è di ascolto e confronto, si trasformi in tavoli che producano poi risultati. La professione medica era tutta unita, con tutte le sigle sindacali. Mai come questa volta la professione è unita nel dire: diamo risposte al disagio che la professione ha più volte mostrato».

Specializzandi ancora più coinvolti, la soluzione

Nel suo discorso conclusivo il ministro Speranza ha parlato del grande aumento di borse di formazione e ha confermato di non essere preoccupato per l’esodo pensionistico atteso nei prossimi cinque anni. «Il problema ora – ha detto – è gestire i prossimi due o tre anni, una soluzione straordinaria con utilizzo degli specializzandi che andrà rafforzato. Tendo a dire che formazione e lavoro sono due cose diverse, ma in emergenza questo servirà».

Specializzandi a rapporto, dunque. Cosa ne pensa Anelli? «Non c’è altra soluzione. Noi vorremmo una vera e propria riforma, molti sindacati hanno chiesto il passaggio della gestione degli specializzandi sotto il Ministero della Salute proprio per consentire un’azione assistenziale con contratto di formazione-lavoro. Noi ci aspettiamo altrettanta straordinarietà anche dal governo, in termini di risorse per rinnovare i contratti di lavoro perché il disagio della professione sta anche nell’assenza di ferie e di straordinari superiori a quello che la legge consente. Dobbiamo dare una dignità a questo lavoro che nel frattempo si è incrinata, legata certamente al sovraccarico di lavoro del Covid e alle scelte fatte nel passato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
8 marzo, FNOMCeO: «Maggioranza medici è donna. Modelli organizzativi ne tengano conto»
Per il presidente Filippo Anelli non è accettabile che il 75% delle assenze per maternità non venga coperto: «Questo significa che ogni gravidanza va irrimediabilmente a pesare sulle spalle dei colleghi che rimangono in servizio»
Giornata personale sanitario, dal Covid-19 all’aviaria: le parole dei protagonisti
Nella cerimonia che si è svolta presso la Pontificia Università San Tommaso D'Aquino anche il monito del vicepresidente CEI Francesco Savino: «Il diritto alla salute negato è una violenza». Dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli l’allarme sulla carenza di personale: «Le Case di Comunità rischiano di non aprire»
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...