Lavoro 22 Aprile 2022 15:44

Anelli: «I medici mostrano disagio nel lavoro. Al governo chiediamo provvedimenti straordinari»

Ferie non godute, straordinari non pagati, contratti in attesa di rinnovo. In Italia manca personale e i medici sono stanchi di sacrifici continui. Il presidente Fnomceo Filippo Anelli fissa una nuova direzione con il ministro Speranza

Due anni di pandemia e tanto lavoro straordinario hanno avuto due effetti fondamentali sulla categoria medica. Il primo, quello di averne largamente ampliato la percezione positiva nella società. Eroi, salvatori, angeli sono solo alcuni degli epiteti che la popolazione ha dato ai professionisti sanitari durante il momento peggiore dell’emergenza. Il secondo, quello di aver esasperato molte delle loro energie, lasciando il comparto: stanco, in burnout e a disagio con quella professione che doveva essere una vocazione.

Urgono soluzioni e al governo possono arrivare solo dalla categoria stessa. Una categoria che la FNOMCeO – e il suo presidente Filippo Anelli – ha riunito per discutere la “questione medica“, alla presenza del ministro Roberto Speranza e del presidente della Conferenza della Regioni e Province autonome Massimiliano Fedriga.

Cosa è la questione medica

«La questione medica – spiega Anelli a Sanità Informazione – parte dallo scorso anno dopo l’approvazione del PNRR, una sfida che il governo ha lanciato di rinnovamento strutturale e infrastrutturale del nostro Ssn. Sin da allora avevamo già chiesto al governo un’attenzione particolare ai professionisti: il servizio funziona se ci sono professionisti in numero adeguato. È emersa ancora con chiarezza la carenza di medici e di altri professionisti sanitari e la qualità del sistema va guardata con attenzione: se i professionisti riescono a formarsi adeguatamente e dall’altra a vivere bene il loro lavoro. Dai sondaggi abbiamo visto che non è così: questi due anni di pandemia hanno reso evidenti tutti gli errori del passato».

«Mi ha fatto piacere che il presidente Fedriga abbia ribadito la necessità di un sistema sanitario nazionale che provi a considerare le risorse come un investimento sulla salute. Ora ci aspettiamo che questo incontro, che è di ascolto e confronto, si trasformi in tavoli che producano poi risultati. La professione medica era tutta unita, con tutte le sigle sindacali. Mai come questa volta la professione è unita nel dire: diamo risposte al disagio che la professione ha più volte mostrato».

Specializzandi ancora più coinvolti, la soluzione

Nel suo discorso conclusivo il ministro Speranza ha parlato del grande aumento di borse di formazione e ha confermato di non essere preoccupato per l’esodo pensionistico atteso nei prossimi cinque anni. «Il problema ora – ha detto – è gestire i prossimi due o tre anni, una soluzione straordinaria con utilizzo degli specializzandi che andrà rafforzato. Tendo a dire che formazione e lavoro sono due cose diverse, ma in emergenza questo servirà».

Specializzandi a rapporto, dunque. Cosa ne pensa Anelli? «Non c’è altra soluzione. Noi vorremmo una vera e propria riforma, molti sindacati hanno chiesto il passaggio della gestione degli specializzandi sotto il Ministero della Salute proprio per consentire un’azione assistenziale con contratto di formazione-lavoro. Noi ci aspettiamo altrettanta straordinarietà anche dal governo, in termini di risorse per rinnovare i contratti di lavoro perché il disagio della professione sta anche nell’assenza di ferie e di straordinari superiori a quello che la legge consente. Dobbiamo dare una dignità a questo lavoro che nel frattempo si è incrinata, legata certamente al sovraccarico di lavoro del Covid e alle scelte fatte nel passato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
Eventi imprevisti e difficoltà economiche, Enpam aiuta i suoi iscritti
La Fondazione Enpam prevede degli importanti sostegni in caso di difficoltà personali e familiari
L’ospedale sicuro e il “paradosso del green”
Egregio direttore, erano tutti, in realtà, orgogliosi quei semplici e immaginari cittadini che frequentavano con piena fiducia gli ambienti di quella struttura ospedaliera dove avevano trovato sempre risposte certe e soluzioni terapeutiche aggiornate verso i problemi sanitari che si presentavano a carico del loro stato di salute. Così come altamente fiero era allo stesso tempo […]
di Emilio Piccione, Emerito di Ginecologia e Ostetricia, Università di Roma Tor Vergata e Cattolica NSBC di Tirana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...