Lavoro 22 Aprile 2022 15:44

Anelli: «I medici mostrano disagio nel lavoro. Al governo chiediamo provvedimenti straordinari»

Ferie non godute, straordinari non pagati, contratti in attesa di rinnovo. In Italia manca personale e i medici sono stanchi di sacrifici continui. Il presidente Fnomceo Filippo Anelli fissa una nuova direzione con il ministro Speranza

Due anni di pandemia e tanto lavoro straordinario hanno avuto due effetti fondamentali sulla categoria medica. Il primo, quello di averne largamente ampliato la percezione positiva nella società. Eroi, salvatori, angeli sono solo alcuni degli epiteti che la popolazione ha dato ai professionisti sanitari durante il momento peggiore dell’emergenza. Il secondo, quello di aver esasperato molte delle loro energie, lasciando il comparto: stanco, in burnout e a disagio con quella professione che doveva essere una vocazione.

Urgono soluzioni e al governo possono arrivare solo dalla categoria stessa. Una categoria che la FNOMCeO – e il suo presidente Filippo Anelli – ha riunito per discutere la “questione medica“, alla presenza del ministro Roberto Speranza e del presidente della Conferenza della Regioni e Province autonome Massimiliano Fedriga.

Cosa è la questione medica

«La questione medica – spiega Anelli a Sanità Informazione – parte dallo scorso anno dopo l’approvazione del PNRR, una sfida che il governo ha lanciato di rinnovamento strutturale e infrastrutturale del nostro Ssn. Sin da allora avevamo già chiesto al governo un’attenzione particolare ai professionisti: il servizio funziona se ci sono professionisti in numero adeguato. È emersa ancora con chiarezza la carenza di medici e di altri professionisti sanitari e la qualità del sistema va guardata con attenzione: se i professionisti riescono a formarsi adeguatamente e dall’altra a vivere bene il loro lavoro. Dai sondaggi abbiamo visto che non è così: questi due anni di pandemia hanno reso evidenti tutti gli errori del passato».

«Mi ha fatto piacere che il presidente Fedriga abbia ribadito la necessità di un sistema sanitario nazionale che provi a considerare le risorse come un investimento sulla salute. Ora ci aspettiamo che questo incontro, che è di ascolto e confronto, si trasformi in tavoli che producano poi risultati. La professione medica era tutta unita, con tutte le sigle sindacali. Mai come questa volta la professione è unita nel dire: diamo risposte al disagio che la professione ha più volte mostrato».

Specializzandi ancora più coinvolti, la soluzione

Nel suo discorso conclusivo il ministro Speranza ha parlato del grande aumento di borse di formazione e ha confermato di non essere preoccupato per l’esodo pensionistico atteso nei prossimi cinque anni. «Il problema ora – ha detto – è gestire i prossimi due o tre anni, una soluzione straordinaria con utilizzo degli specializzandi che andrà rafforzato. Tendo a dire che formazione e lavoro sono due cose diverse, ma in emergenza questo servirà».

Specializzandi a rapporto, dunque. Cosa ne pensa Anelli? «Non c’è altra soluzione. Noi vorremmo una vera e propria riforma, molti sindacati hanno chiesto il passaggio della gestione degli specializzandi sotto il Ministero della Salute proprio per consentire un’azione assistenziale con contratto di formazione-lavoro. Noi ci aspettiamo altrettanta straordinarietà anche dal governo, in termini di risorse per rinnovare i contratti di lavoro perché il disagio della professione sta anche nell’assenza di ferie e di straordinari superiori a quello che la legge consente. Dobbiamo dare una dignità a questo lavoro che nel frattempo si è incrinata, legata certamente al sovraccarico di lavoro del Covid e alle scelte fatte nel passato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
Nei pronto soccorso piemontesi mancano 300 medici dei 640 previsti
La Simeu Regionale piemontese per quanto di propria competenza sui Pronto Soccorso precisa che si è conclusa da poco una ricognizione volta all’analisi della situazione dell’organico medico nei Pronto Soccorso della Regione
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali