Lavoro 4 aprile 2017

Per i medici specialisti 11 milioni di euro a Palermo grazie alle azioni di Consulcesi

Nuova vittoria per le azioni portate avanti da Consulcesi per le mancate remunerazioni durante la specializzazione. Appello del presidente dell’OMCeO Palermo, Salvatore Amato: «Governo e Parlamento si diano una bella smossa per i diritti dei colleghi». Le testimonianze dei medici rimborsati

Immagine articolo

«Ho l’assegno in mano, ma ancora stento a crederci». La dottoressa Pierina Richiusa è tra gli oltre 200 medici siciliani che lunedì hanno ottenuto, presso l’OMCeO di Palermo, il rimborso grazie alle azioni collettive lanciate da Consulcesi per la mancata attuazione delle direttive Ue (75/362/CEE, 75/363/CEE e 82/76/CEE) in materia di borse di studio agli specializzandi. Sanzionata dalla Corte di Giustizia europea, l’Italia si è messa in regola solo dopo il 2006, ma tutti coloro che si sono specializzati prima (secondo la Cassazione a partire dal 1978) non hanno ricevuto il corretto trattamento economico.

Come migliaia di colleghi di tutta Italia, la dottoressa palermitana, specialista in Endocrinologia, ha visto riconoscere il suo diritto e non nasconde la soddisfazione. «Nei cinque anni di specializzazione tra il ’91 ed il ’95 – ricorda la dottoressa Richiusa – ho trascorso lunghissime giornate in ospedale ed in ambulatorio sempre affiancata dal primario strutturato ma con numerosi compiti ed impegni anche di responsabilità, oltre alle guardie. Il tutto avveniva senza che ci rendessimo minimamente conto dell’ingiustizia ricevuta per colpa della mancata applicazione delle normative dell’Unione europea da parte del nostro Stato». Sono molti i medici a ricevere materialmente l’assegno di rimborso ed a ricordare gli anni duri della specializzazione. È il caso del dottor Francesco Raso, specializzato in Ortopedia, che ricorda i lunghi viaggi da Sciacca a Catania per la scuola post-laurea ed i sacrifici affrontati dalla sua famiglia. «Francamente quei soldi mi avrebbero fatto comodo all’epoca della specializzazione, ma in quel periodo non avevamo la minima idea dei nostri diritti». Da Trapani a Palermo per ricevere il suo rimborso, il dottor Salvatore Mulè, specialista in Ematologia, racconta di essersi attivato sulla scia dei tanti successi ottenuti dai colleghi: «Inizialmente ero scettico, ma poi mi sono convinto ed è stata la scelta giusta. Ho aderito quattro anni fa ed ho già ottenuto il rimborso». «Finalmente – aggiunge il dottor Carmelo Fontana, specializzato in Chirurgia Oncologica – vediamo riconoscere i nostri diritti ed è una bella sensazione perché in quegli anni lavoravamo sodo e siamo stati penalizzati dallo Stato».

Soddisfatto per il traguardo raggiunto dai colleghi, Salvatore Amato, presidente dell’OMCeO Palermo, ha lanciato un appello nel suo intervento nel corso della conferenza stampa in cui è stato annunciato il nuovo rimborso proprio presso la sede del suo Ordine.  «Governo e Parlamento si diano una bella smossa – ha affermato Salvatore Amato –. Grazie a Consulcesi è stato riconosciuto il diritto previsto dalle leggi europee. Questo è avvenuto per la perseveranza dei legali che hanno assistito i colleghi medici, ma tanti altri sono rimasti fuori dai rimborsi dovuti. Per questo motivo, io che rappresento una istituzione come l’Ordine dei Medici, mi rivolgo, con un appello, all’Esecutivo e al Legislatore affinché si attivino per trovare una rapida soluzione a tutela di tanti professionisti finora esclusi».

Sono anni che il team legale di Consulcesi ottiene vittorie per gli ex specializzandi, in favore dei quali ha già fatto riconoscere oltre 530 milioni di euro. Si tratta di una cifra destinata a crescere in breve tempo visto che sono attese nuove pronunce dai Tribunali: secondo le stime, lo Stato rischia un esborso complessivo superiore ai 5 miliardi di euro. Per questo motivo, da tempo, si richiama l’attenzione delle istituzioni alla ricerca di una soluzione politica, che sembrava potesse essere quella proposta al Senato attraverso l’accordo transattivo previsto dal Ddl 2400. Il provvedimento, però, rischia di arenarsi in Commissione Bilancio dove è arrivato con il parere favorevole, ma con osservazioni, della Commissione Sanità. Le modifiche proposte al testo iniziale potrebbero, dunque, far allungare i tempi e questo mette a rischio il diritto di migliaia di medici specialisti vista l’imminente scadenza dei termini prescrittivi, che scadono nei prossimi mesi.

Sebbene i legali Consulcesi ritengano che in assenza di una norma attuativa, secondo i principi stabiliti dalla Cassazione, i termini di prescrizione non inizino a decorrere, invitano i medici specialisti a tutelarsi per far valere il diritto al rimborso, già riconosciuto a migliaia di professionisti. Per farlo è possibile seguire due strade: avviare l’azione legale, aderendo all’azione collettiva del 15 aprile, oppure produrre un atto interruttivo, ovvero una diffida, nei confronti della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri competenti. «Invitiamo i medici che non lo avessero ancora fatto a non perdere il diritto riconosciuto ormai dai Tribunali di tutta Italia con numerose sentenze e rimborsi in favore dei ricorrenti – afferma Andrea Tortorella, Amministratore Delegato di Consulcesi –. Considerando, appunto, la ravvicinata scadenza della prescrizione ed il protrarsi dei tempi legati al Ddl 2400, sarebbe una beffa rimanere fuori e non ottenere il rimborso come migliaia di colleghi. La prossima azione collettiva è imminente: c’è tempo fino al 15 di aprile. Per maggiori informazioni è possibile contattare il sito www.consulcesi.it ed il numero 800.122.777».

Articoli correlati
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Medici nel mirino delle denunce: accusati di errori chirurgici, diagnosi sbagliate e terapie scorrette
Al fianco dei medici scende in campo la task force legale di Consulcesi & Partners, che dopo l'evento al Ministero della Salute ha ricevuto migliaia di segnalazioni: al primo posto ci sono gli errori chirurgici (37,9% dei casi), seguono le diagnosi sbagliate (15,5%) e le terapie scorrette (10,2%)
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Cittadinanzattiva: «Bene “Arbitrato della salute” ma lavorare su prevenzione rischi e corretta comunicazione»
Così si è espressa l'organizzazione in merito alla proposta di Consulcesi volta a trovare una soluzione alle troppe controversie in ambito sanitario. La vicesegretaria Moccia: «Necessario lavorare per ridurre la conflittualità»
Contenziosi sanitari, incontro al Ministero della Salute: «Dialogo e formazione la ricetta delle istituzioni»
Evento Consulcesi al Ministero della Salute con FNOMCeO, Fnopi, Agenas, Cittadinanzattiva e molte altre istituzioni della sanità: «Un Arbitrato della Salute per ridurre il contenzioso tra sanitari e cittadini. Medico in regola con formazione riduce del 40% il rischio di contenziosi». Anelli (presidente FNOMCeO): «Noi medici ci dobbiamo impegnare sulla qualità. La formazione universitaria ed ECM è una garanzia per noi e per i pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...