Lavoro 24 Marzo 2014 12:49

Allarme sanità,  in sei anni l’Europa perderà un milione di medici

E intanto in Italia i laureati stentano a trovare lavoro nonostante l’Anaao Assomed denunci carenze d’organico

Allarme sanità,  in sei anni l’Europa perderà un milione di medici

Tra sei anni l’Europa perderà un milione di operatori sanitari. Ciò significa che il 15 per cento circa della domanda di assistenza sanitaria rimarrà senza alcuna copertura. Non è solo un’ipotesi, ma una certezza che diventerà realtà nel caso in cui non verranno adottate misure forti e decise a livello comunitario per impedire che ciò avvenga. È scritto nero su bianco sul rapporto “Health Workers 4 all”, finanziato dalla stessa Unione europea.

A causa delle politiche di austerity imposte agli Stati membri per fronteggiare la crisi tra il 2009 ed il 2011, i sistemi sanitari europei hanno subìto rimodulazioni della spesa che hanno portato a tagli del numero di operatori. Ciò significa che oggi dobbiamo fare i conti con una preoccupante mancanza di personale qualificato che potrebbe peggiorare con il passare del tempo per almeno due motivi: primo, si va verso un progressivo invecchiamento della popolazione, con conseguente aumento della richiesta di servizi sanitari; secondo, molti dei camici bianchi e degli infermieri che oggi operano andranno in pensione.

I tagli causano però anche una diminuzione della qualità delle condizioni in cui si trovano a lavorare sia medici che infermieri. Gli ospedali europei, dunque, risultano oggi molto meno attrattivi, con conseguente aumento delle difficoltà nel trovare le professionalità necessarie per far funzionare a pieno regime le strutture.

Troppi buchi in organico, insomma, che si è cercato di coprire attraverso l’assunzione di personale extracomunitario. Il problema, però, è che questo dato è in calo. Il motivo principale di questo fenomeno è che l’Europa, a causa della stretta sulla spesa sanitaria, risulta oggi molto meno attrattiva rispetto ad altre realtà internazionali. Per questo motivo i camici bianchi comunitari ed extracomunitari lasciano il vecchio continente per lavorare in Paesi come Canada e Stati Uniti.

Questa la situazione europea. E in Italia? Oltre alle criticità comuni a tutti gli Stati membri, un’indagine effettuata da Almalaurea mostra come nel nostro Paese siano in costante calo le percentuali degli operatori sanitari che trovano lavoro ad un anno dal conseguimento della laurea. Ma non basta, perché secondo uno studio firmato da Anaao Assomed, nel 2024 il nostro SSN avrà una carenza di personale che raggiungerà cifre esorbitanti: mancheranno all’appello – salvo ovviamente inversioni di rotta – 3mila pediatri, 1.800 internisti, 500 ginecologi e 900 chirurghi.

“Ciò che manca in Italia – spiegano dall’Associazione Italiana Giovani Medici – è una corretta programmazione del fabbisogno di professionalità mediche”, da realizzarsi con una visione prospettica che “documenta differenti scenari di salute rispetto al passato”.

Articoli correlati
Chirurgia intima: ringiovanimento vaginale e labioplastica tra gli interventi più desiderati
Torna, per il nono anno consecutivo, dal 26 settembre al 1° ottobre 2022, l’appuntamento con la Settimana del Benessere Sessuale (SBS): incontri e consulenze, offerte dagli specialisti in tutta Italia, in tema di sessualità, educazione sessuale e affettività. L’indagine della FISS sulla chirurgia estetica dei genitali: «Chi ha ceduto alla tentazione del bisturi l’ha fatto per colmare un senso di insoddisfazione e per migliorare la relazione sessuale con il partner»
Pubertà precoce femminile, colpa (anche) di smartphone e tablet?
Salerno (SIEDP): «Ancora da stabilire meccanismi di correlazione. Evitare allarmismi ma regolamentare tempistiche d’uso»
Terapia del dolore? Meno di tre pazienti su dieci sanno di potervi accedere
Al 45° Congresso AISD i risultati di una survey che illustrano la scarsa conoscenza dei cittadini sulla legge 38/2020 per la presa in carico del dolore cronico
Arriva dal mare la cura per cartilagine e artrosi delle ginocchia
Uno studio internazionale dimostra che l’aragonite contenuta nei coralli e impiantata nell’arto grazie ad un device a forma cilindrica sarebbe in grado di garantire un miglioramento clinico e funzionale del ginocchio senza rischi di rigetto. Primi due interventi alla Clinica Città di Pavia del gruppo San Donato
Malattie croniche intestinali, Caprioli (IG-IBD): «L’ecografia riduce i tempi di attesa e costa meno»
Il Segretario Generale dell’IG-IBD: «Necessario formare medici specializzati nell’ ecografia delle anse intestinali, ma anche inserire un corso di ecografia già nel ciclo di studi universitari della facoltà di Medicina. L’ecografia delle anse intestinali, infatti, se effettuata da specialisti formati ad hoc migliora il trattamento dei pazienti ed evita eseguire altri esami più costosi ed invasivi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi