Lavoro 10 Novembre 2015

Agli ex specializzandi 15 milioni di euro. Questo mese è Milano la capitale dei rimborsi

Consegnati assegni ad oltre 400 medici lombardi: «Giornata fondamentale e ne seguiranno tante altre»

Immagine articolo

Non si ferma l’ondata di rimborsi a favore degli ex specializzandi che, tra il 1978 ed il 2006, hanno frequentato la scuola post laurea senza ricevere il corretto trattamento economico.


Il ‘Giro d’Italia’ dei rimborsi di Consulcesi, la realtà a tutela dei medici che per prima ha fatto valere questo diritto, ha di recente fatto tappa a Milano, e ha consegnato oltre 15 milioni di euro a più di 400 camici bianchi che hanno vinto il ricorso contro lo Stato per il mancato pagamento delle borse di studio durante la scuola di specializzazione in Medicina. L’Italia si è infatti adeguata solo dal 2007 alle direttive europee che imponevano agli Stati membri di pagare la borsa di studio ai medici durante la scuola post laurea. Così, chi ha frequentato e dunque lavorato nel periodo compreso tra il 1978 ad al 1993 lo ha fatto completamente gratis mentre tra il 1994 ed il 2006 si è visto corrispondere solo una parte dell’importo dovuto.

«Se non fossi stato presente all’evento, non ci avrei mai creduto. Una giornata fondamentale, cui spero ne seguiranno tante altre». Così ha commentato il segretario CISL Medici Milano Danilo Mazzacane alle nostre telecamere, presenti all’evento. E il presidente dell’OMCeO meneghino, Roberto Carlo Rossi ha sottolineato in un suo messaggio l’assoluta urgenza di un intervento da parte delle istituzioni per porre fine allo stillicidio di cui stanno soffrendo le casse dello Stato. Un concetto ribadito anche da Andrea Tortorella, amministratore delegato Consulcesi Group: «Lo Stato rischia un esborso di circa 5 miliardi di euro, e questo impone che lo Stato stesso, e non più i giudici, riprendano in mano la situazione. Come? Legiferando – sostiene Tortorella – e non lasciandosi sostituire in questa funzione dai giudici. La garanzia di un diritto, per il cittadino, deve provenire dallo Stato, e l’approvazione dei tre disegni di legge presentati per un accordo transattivo consentirebbe un grande risparmio».

A lui fa eco l’avvocato Sara Saurini, Responsabile dell’Area Legale Consulcesi Group: «I disegni di legge hanno lo scopo di chiudere la questione con un notevole risparmio per lo Stato. Consulcesi sostiene e sosterrà sempre i medici nelle aule di tribunali – assicura l’avvocato – tuttavia ci auguriamo davvero che venga adottata una soluzione transattiva per porre fine, in maniera soddisfacente per tutti gli attori in gioco, ad una vicenda che va avanti da 20 anni».

Articoli correlati
Ex specializzandi, nuova ordinanza della Cassazione sugli immatricolati prima dell’83
La richiesta di una pronuncia delle Sezioni Unite sulla questione nasce da un ricorso Consulcesi. L’avvocato Tortorella (esperto in responsabilità per violazione obblighi comunitari): «Accolto il nostro punto di vista. Buona notizia per chi ha una causa in corso o per chi si appresta a ricorrere»
Manovra 2020, indennizzo per ex specializzandi ’78-2006. De Poli: «Ingiustizia per 118mila medici, giusto trovare un accordo»
Presentati due subemendamenti per chiudere il contenzioso generato dalla tardiva applicazione delle direttive Ue per la formazione post laurea dei medici specialisti: rimborsi forfettari di 8 e 15mila euro annui
Ex specializzandi: altri 10 milioni a 400 medici nel 2019. Da Bruxelles spinta decisiva all’accordo transattivo
Il confronto con il vice-presidente Castaldo e gli eurodeputati Bartolo e Rinaldi conferma la necessità di una soluzione legislativa che permetterebbe allo Stato risparmi da reinvestire anche nella sanità pubblica. L’appello del Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella, in vista dell’approvazione della Manovra finanziaria: «L’occasione giusta per tagliare gli sprechi e riconoscere il diritto dei medici danneggiati»
Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»
Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i professori e i principali esperti tra cui Sergio Di Amato, già presidente della terza sezione civile della Corte di Cassazione e attuale presidente della Commissione Tributaria Provinciale di Roma
Veneto, Ordini medici lanciano proposta a Zaia: «No a neolaureati in corsia, puntiamo su specializzandi con il tutor»
Parla a Sanità Informazione il Presidente di OMCeO Rovigo, Francesco Noce: «Capisco la preoccupazione del Presidente della Regione Veneto, ma l’idea dei corsi di formazione ci lascia molto perplessi, si potrebbe andare incontro a rischi professionali». Poi sottolinea i vantaggi della proposta inoltrata a Zaia che «potrebbe liberare numerose borse di studio e colmare il gap attuale»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio 2020 sono 81.005 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 30.116 mentre i morti sono 2.762. I CASI IN ITALIA Bollettino delle o...