Lavoro 6 Febbraio 2020

Aggressioni in sanità, donna il 60% delle vittime. Zocchi (OMCeO Milano): «Necessario cambiamento culturale per aumentare denunce»

Vademecum dell’Ordine dei Medici di Milano: conoscere le situazioni a rischio, rivolgersi al numero verde dedicato e massima collaborazione con le forze dell’Ordine

di Federica Bosco
Immagine articolo

Crescono gli episodi di violenza, non solo verbale, nei confronti dei medici e degli operatori sanitari. Il grido d’allarme lanciato dall’Ordine dei Medici di Milano durante il convegno che si è tenuto lo scorso 1° febbraio, presso Palazzo Marino, ha messo in luce un dato ulteriormente preoccupante: oltre il 60% delle aggressioni sono perpetrate nei confronti di donne, professioniste della sanità. Ne abbiamo parlato con Maria Teresa Zocchi, consigliera dell’OMCeO Milano e organizzatrice dell’evento.

LEGGI ANCHE: VIOLENZA IN OSPEDALE: ATTIVO NUMERO VERDE PER CONSULENZA GRATUITA AI MEDICI AGGREDITI

Dottoressa, perché tanta violenza in corsia?

«Questa è una deriva che deve essere fermata, e per farlo è indispensabile un cambiamento culturale nella categoria. Purtroppo, non tutti i casi vengono denunciati. Sappiamo che i medici spesso non sporgono denuncia in quanto ritengono la situazione inevitabile, come se il rischio fosse un’appendice del mestiere. Invece questa mentalità va cambiata. Occorre spiegare alle persone che solo parlando e denunciando si possono trovare soluzioni. L’educazione delle persone è alla base di tutto».

Come intende agire l’Ordine dei Medici di Milano?

«È fondamentale conoscere le situazioni a rischio da un punto di vista strutturale e ambientale, ma anche individuare gli atteggiamenti comportamentali che possono dare problemi. Il tema è enorme. Anche perché la violenza non accade solo negli ospedali, in corsia o nel pronto soccorso, ma anche in altre sedi di continuità assistenziale e negli ambulatori medici. Ciò accade perché oggi la gente non ha pazienza di aspettare. Sicuramente ci sono colpe anche nella sanità perché i tempi di attesa sono troppo lunghi, ma ciò non deve giustificare comportamenti violenti».

Quali possono essere le possibili soluzioni ad una deriva che sembra avere nelle donne il bersaglio preferito, visto che oltre il 60% delle aggressioni viene perpetrato nei confronti di donne medico?

«So che esistono delle iniziative: è in avvio un progetto di sostegno alle vittime con una linea telefonica dedicata, mentre anche dalla questura arrivano segnali incoraggianti. Inoltre, sarebbe opportuno individuare gli autori e, come avviene in altri ambiti analoghi, inasprire le pene nei confronti di chi reitera questi atti. Non credo invece che i posti di polizia in ospedale, che già sono presenti per trasmettere i referti, possano essere una soluzione efficace. Piuttosto sarebbe opportuno avere un intervento immediato delle forze dell’Ordine quando serve».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«100 mila euro ai medici deceduti e malati gravi per Covid-19». La richiesta dell’Ordine di Milano
Un equo indennizzo per le famiglie dei camici bianchi deceduti in prima linea e per chi dal virus ha avuto danni permanenti. Il presidente Rossi: «Ci chiamano "eroi" ma non fanno nulla»
Spari al San Camillo di Roma, uomo danneggia macchinari e Pronto Soccorso. Cisl Medici: «Inferno per i lavoratori»
L’ennesimo episodio di brutalità e follia è avvenuto all’ospedale San Camillo di Roma, che ha registrato gravissimi danni ai locali, alle apparecchiature e alle vetrate della struttura. Dopo essere stato sottoposto ad accertamenti radiologici, si è armato di un estintore e ha devastato le porte e le finestre dei locali del codice rosso, il locale […]
Violenza camici bianchi, parla un medico aggredito: «Da eroi a capri espiatori. Ddl potrebbe non bastare»
David Di Lello, anestesista rianimatore all’ospedale Veneziale di Isernia: «Siamo l’oggetto della rabbia, il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario è ormai dilagante. Come porvi un freno? Rifinanziando la sanità pubblica e rivalutando il ruolo sociale del medico»
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
Da 500 a 5 mila euro di multa per chi offende o molesta il personale sanitario: la Camera approva
Avanzata in Commissione Affari Sociali da un deputato di Forza Italia, in Aula non è stata però sostenuta dal centrodestra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...