Lavoro 6 Febbraio 2020

Aggressioni in sanità, donna il 60% delle vittime. Zocchi (OMCeO Milano): «Necessario cambiamento culturale per aumentare denunce»

Vademecum dell’Ordine dei Medici di Milano: conoscere le situazioni a rischio, rivolgersi al numero verde dedicato e massima collaborazione con le forze dell’Ordine

di Federica Bosco
Immagine articolo

Crescono gli episodi di violenza, non solo verbale, nei confronti dei medici e degli operatori sanitari. Il grido d’allarme lanciato dall’Ordine dei Medici di Milano durante il convegno che si è tenuto lo scorso 1° febbraio, presso Palazzo Marino, ha messo in luce un dato ulteriormente preoccupante: oltre il 60% delle aggressioni sono perpetrate nei confronti di donne, professioniste della sanità. Ne abbiamo parlato con Maria Teresa Zocchi, consigliera dell’OMCeO Milano e organizzatrice dell’evento.

LEGGI ANCHE: VIOLENZA IN OSPEDALE: ATTIVO NUMERO VERDE PER CONSULENZA GRATUITA AI MEDICI AGGREDITI

Dottoressa, perché tanta violenza in corsia?

«Questa è una deriva che deve essere fermata, e per farlo è indispensabile un cambiamento culturale nella categoria. Purtroppo, non tutti i casi vengono denunciati. Sappiamo che i medici spesso non sporgono denuncia in quanto ritengono la situazione inevitabile, come se il rischio fosse un’appendice del mestiere. Invece questa mentalità va cambiata. Occorre spiegare alle persone che solo parlando e denunciando si possono trovare soluzioni. L’educazione delle persone è alla base di tutto».

Come intende agire l’Ordine dei Medici di Milano?

«È fondamentale conoscere le situazioni a rischio da un punto di vista strutturale e ambientale, ma anche individuare gli atteggiamenti comportamentali che possono dare problemi. Il tema è enorme. Anche perché la violenza non accade solo negli ospedali, in corsia o nel pronto soccorso, ma anche in altre sedi di continuità assistenziale e negli ambulatori medici. Ciò accade perché oggi la gente non ha pazienza di aspettare. Sicuramente ci sono colpe anche nella sanità perché i tempi di attesa sono troppo lunghi, ma ciò non deve giustificare comportamenti violenti».

Quali possono essere le possibili soluzioni ad una deriva che sembra avere nelle donne il bersaglio preferito, visto che oltre il 60% delle aggressioni viene perpetrato nei confronti di donne medico?

«So che esistono delle iniziative: è in avvio un progetto di sostegno alle vittime con una linea telefonica dedicata, mentre anche dalla questura arrivano segnali incoraggianti. Inoltre, sarebbe opportuno individuare gli autori e, come avviene in altri ambiti analoghi, inasprire le pene nei confronti di chi reitera questi atti. Non credo invece che i posti di polizia in ospedale, che già sono presenti per trasmettere i referti, possano essere una soluzione efficace. Piuttosto sarebbe opportuno avere un intervento immediato delle forze dell’Ordine quando serve».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ansia, depressione e ossessioni da coronavirus. Conte (Ordine psicologi Lazio): «Così rispondiamo alle esigenze dei cittadini»
Il nuovo servizio di consulenze psicologiche a distanza dell’Ordine degli psicologi del Lazio ha ottenuto un boom di consensi tra i cittadini. Disturbi dell'umore, solitudine, paura rispetto al futuro e incertezza: ecco le richieste più frequenti
Coronavirus, Rossi (OMCeO Milano): «Mancano protezioni minime». Vajani (OMCeO Lodi): «Diversi colleghi in quarantena»
La situazione in Lombardia è peggiorata negli ultimi giorni. Ma quali sono le difficoltà e le esigenze del personale sanitario che opera in quella zona?
Salute, Samantha De Grenet e OMCeO Milano insieme nella promozione dello Sport
Samantha De Grenet è ufficialmente la madrina della squadra Basket Medici Milano Asd. «Sono orgogliosa di far parte di questo virtuoso progetto che promuove la solidarietà e il  benessere psico-fisico, che si può raggiungere attraverso la sana alimentazione e l’attività sportiva, come può essere il basket» afferma la Showgirl che ha infatti ricevuto presso l’Ordine […]
“No alla violenza sui camici bianchi”. Anelli (Fnomceo): «L’attività parlamentare vada di pari passo con quella delle Regioni»
«È proprio a livello regionale che potranno essere portati avanti quegli interventi a livello organizzativo e strutturale che sono rimasti in secondo piano nel Disegno di Legge - continua Filippo Anelli -. Penso all’installazione degli impianti di videosorveglianza e all’istituzione di presidi di pubblica sicurezza nei pronto soccorso»
Aggressioni, Marisa Laurito testimonial campagna Nursing Up. Online un video per dire #NoViolenzasuglinfermieri
Marisa Laurito è la nuova testimonial della campagna di sensibilizzazione #NoViolenzasuglinfermieri per portare all’attenzione il grave fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, in pericoloso aumento in tutta Italia. Ormai diventata virale sui social, l’iniziativa è stata lanciata dal sindacato Nursing Up e ha visto la partecipazione di celebrities, come: Simona Ventura, Giorgio Colangeli, Michela Giraud, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...