Lavoro 26 luglio 2018

Aggressioni medici, Giuseppe Quintavalle (Asl Roma 4): «Lavorare su condizione umana e non cedere a provocazioni»

«Abbiamo creato uno sportello per cercare di motivare il nostro personale ad agire al meglio, inoltre fondamentale dialogo con parenti e amici del paziente» così Giuseppe Quintavalle sulle aggressioni al personale sanitario

Immagine articolo

«Quello della facile aggressione è un fenomeno diffuso; vediamo tutti cosa succede nelle strade, ho verificato di persona cosa si rischia per un posteggio in auto. È importante lavorare molto sulla condizione umana e sul fatto di saper rispondere al meglio qualora ci siano episodi di provocazione». È questa la ricetta di Giuseppe Quintavalle, Direttore della Asl Roma 4 e Commissario straordinario della Asl Roma 5, intervistato da Sanità Informazione sui numerosi e sempre più frequenti attacchi, verbali e fisici, al personale sanitario.  Non si tratta di casi sporadici ma di un vero e proprio fenomeno che è esploso negli ultimi anni, continua a crescere e non si riesce a contenere; espressione, forse, di un disagio sociale più ampio sfogato ai danni dei camici bianchi di tutta Italia.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, MAGI (OMCEO ROMA): «OCCORRE DARE AL MEDICO LA QUALIFICA DI PUBBLICO UFFICIALE»

Dottor Quintavalle, qual è il metodo per prevenire le violenze sul personale sanitario?

«Innanzitutto c’è da dire che non esiste una ricetta ma esiste un metodo, è chiaro che ci vuole massima attenzione e un’osservazione costante. La Croce Rossa, in un momento particolare legato ai piani di rientro e alla carenza di operatori, ha individuato quel personale che doveva fungere da collegamento tra il paziente ed i familiari, ossia tra il malato, che poteva essere all’interno dell’ospedale secondo la gravità delle condizioni – rosso giallo verde e bianco – e i parenti che aspettavano fuori ore ed ore. Con questo sistema noi abbiamo creato un ponte di collegamento e presto disporremo anche di sistemi informatici che diranno ai parenti in pronto soccorso dove sono collocati al momento e che codice di priorità hanno avuto. Questo è ciò che riguarda il pronto soccorso, ma il problema delle aggressioni è, ovviamente, molto più ampio. Gli attacchi avvengono anche nei reparti. Per questo, abbiamo creato uno sportello che si rivolge ai nostri utenti ed operatori interni che apre una serie di audit per il riconoscimento di quelle che sono le cause e le motivazioni per evitare il burn out in alcuni casi e per cercare di motivare il nostro personale ad agire meglio anche qualora vi siano delle situazioni di stress dall’esterno. Quello della facile aggressione è un fenomeno diffuso, abbiamo visto cosa succede nelle strade, ho verificato di persona cosa si rischia per un posteggio in auto. È importante lavorare molto sulla condizione umana e sul fatto di saper rispondere al meglio qualora ci siano episodi di provocazione. Devo dire che i nostri operatori sono già molto bravi, hanno lavorato e lavorano in condizioni molto difficili, a seconda anche del ruolo che hanno: il medico di base, le guardie mediche, vanno aiutati in maniera diversificata. Noi faremo di tutto, l’impegno è massimo».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
D’Amato (Regione Lazio): «Prima riunione per l’Osservatorio per le aggressioni al personale sanitario»
Si riunirà oggi per la prima volta l’Osservatorio sulla sicurezza degli operatori sanitari istituito dalla Regione Lazio. Si tratta di una struttura, fortemente richiesta dagli operatori, per delineare e comprendere il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario che negli ultimi mesi ha visto aumentare a livello nazionale il numero dei casi denunciati. L’Osservatorio avrà il compito […]
Carenza medici, Quintavalle (ASL Roma 4): «Problema non solo numerico ma anche di attrazione: aree metropolitane penalizzate rispetto a città»
Il Direttore è intervenuto ad un workshop sulla partnership in sanità organizzato da "Lazio salute e sanità per l’eccellenza" e "SDA Bocconi": «Con collaborazione pubblico-privato si può ottenere velocizzazione delle procedure e la condivisione di un obiettivo che è la presa in carico degli utenti. Ma servono paletti»
Liste d’attesa, violenza e autonomie: OMCeO Bari chiede convocazione urgente del Consiglio sanitario regionale
Filippo Anelli, in qualità di Presidente dell’Ordine dei medici di Bari ha inviato al Presidente Emiliano, nella sua veste di Assessore alla Sanità una richiesta di convocazione urgente del Consiglio Sanitario Regionale della Puglia. L’Omceo ha richiesto di inserire all’ordine dei giorno della seduta il tema delle liste d’attesa e delle due proposte di legge […]
Scotti (FIMMG): «Formula 1+2. Ecco come cambiare la formazione in medicina generale»
Dopo la proposta FNOMCeO, il segretario della Federazione declina la possibile evoluzione: «Un anno di 'master' in collaborazione con l’università propedeutico al bando, alla medicina d'emergenza e a quella penitenziaria in cui c’è grave carenza organica»
Nursing Up al ministro Grillo: «Infermieri chiedono valorizzazione e assunzioni»
Una delegazione del sindacato Nursing Up è stata ricevuta al Ministero della Salute per parlare delle problematiche della categoria che conta 270mila infermieri nel pubblico impiego, a fronte di un fabbisogno di forza lavoro di almeno 50mila unità in più, stando allo standard minimo stabilito a livello internazionale da Oms, Ocse e Ue. Durante l’incontro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila