Lavoro 20 Agosto 2020 09:00

Aggressioni in sanità, Falconi: «Legge non basta, bisogna tornare ad investire sul personale»

Il Presidente del Tribunale dei diritti e doveri del medico: «Credo che ci saranno molte cause dopo l’emergenza Covid. Mi auguro che la magistratura faccia il suo dovere»

Aggressioni ai medici, contenziosi post Covid e psicologo delle cure primarie. Questi gli argomenti al centro di un colloquio con il Presidente del Tribunale dei diritti e doveri del medico Mario Falconi. Una lunga carriera quella di Falconi: segretario FIMMG e poi Presidente dell’Ordine dei medici di Roma, è stato tra i promotori, nel lontano 2011, del Tribunale dei diritti e doveri del medico contro «le crescenti inefficienze del Servizio sanitario pubblico e le continue aggressioni». Una definizione del 2011 che però testimonia come poco sia cambiato nel corso degli anni.

«La legge contro la violenza verso gli operatori sanitari non è sufficiente – spiega Falconi -. Ho fatto il primo convegno nazionale sulla violenza agli operatori sanitari all’Ospedale San Giovanni dove spiegavo quali erano le cause: se il servizio sanitario pubblico arretra, è ovvio che se un cittadino va al Pronto soccorso con trecento persone in attesa e qualcuno gli risponde male se la prende con gli operatori sanitari. Di certo non aggredisce né l’assessore, né il Presidente del Consiglio. E siccome il SSN è arretrato negli ultimi anni, e lo stiamo dicendo soprattutto adesso che c’è stata l’emergenza Covid, per fronteggiare il fenomeno bisogna reinvestire sul servizio pubblico con capacità, professionalità ma anche personale adeguato».

Un tema in qualche modo connesso è quello del contenzioso, che rischia di esplodere dopo l’emergenza Covid: i medici prima acclamati come eroi ora vengono ritenuti responsabili per i danni causati ai pazienti nell’affrontare la pandemia. Un rischio che ha spinto sindacati e associazioni a chiedere uno scudo penale per gli operatori che però al momento non si è concretizzato in Parlamento. «Il rischio di un esplodere dei contenziosi c’è, soprattutto per gli anziani morti nelle RSA. Magari i familiari non sapevano nulla. Credo che ci saranno molte cause dopo l’emergenza Covid. Mi auguro che la magistratura faccia il suo dovere. Laddove ci sono state delle responsabilità gravi e dolose è giusto che anche i medici vengano sanzionati, ma mi auguro che tutti gli altri vengano assolti».

Infine una battuta sullo psicologo delle cure primarie che un disegno di legge presentato in Senato da Paola Boldrini (Pd) potrebbe introdurre nel Sistema sanitario nazionale: una figura che dovrà collaborare in modo stretto con il medico di base.

«Non ci scordiamo che un cittadino sceglie un medico di famiglia e anche il medico di famiglia deve avere capacità, autorevolezza e conoscenze tali che lo portino a servirsi dello psicologo dove è necessario – spiega Falconi -. Una certa formazione psicologica deve essere patrimonio anche del medico di famiglia. Quando lo ritiene opportuno, il medico di famiglia dovrebbe avere l’opportunità di avere queste consulenze: oggi è molto difficile, per cui come al solito chi ha i soldi si cura meglio di chi non ce l’ha».

Articoli correlati
No vax sempre più aggressivi: nel mirino medici, giornalisti e politici
Intimidazioni, minacce e aggressioni: sale la tensione. L'assessore alla Sanità del Lazio: «Chi finisce in terapia intensiva e ha rifiutato il vaccino si paghi il ricovero»
Aggressione all’ospedale Grassi di Ostia, Cisl Medici Lazio: «Tolleranza zero verso gli aggressori e vicinanza ai colleghi»
Una dottoressa in servizio al Pronto soccorso dell’ospedale Grassi di Ostia (Roma) è stata aggredita da una donna, che ha tentato di strangolarla. Lo rende noto in un comunicato la Cisl Medici Lazio e Roma Capitale. La dottoressa – si legge – è stata salvata dall’intervento del personale sanitario presente: evidenti le lesioni poi riscontrate a […]
Napoli, ancora violenza al Cardarelli. Il direttore del PS: «Aggressioni si ripercuotono sull’assistenza ai pazienti»
«A seguito del decesso di una paziente, otto familiari hanno aggredito con particolare veemenza il personale in servizio costretto a rifugiarsi nelle stanze e ad interrompere momentaneamente la normale attività»
«Io, infermiera presa a calci in PS, ho ancora gli incubi mentre i miei aggressori sono a piede libero»
«Hanno anche provato a cavarmi un occhio». Il racconto dell’infermiera del Cardarelli di Napoli: il trauma, la paura, la speranza che la giustizia faccia il suo corso
Nuovo Ospedale dei Castelli: le aggressioni ai medici abitudini mai passate di moda
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco