Lavoro 29 Novembre 2021 16:38

Abusivismo, Cerchiaro (TSRM PSTRP Genova): «Segnaliamo ai NAS chi non ha completato domanda di iscrizione»

Per il Presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Genova e membro del Comitato centrale della Federazione è fondamentale la collaborazione dei cittadini: «A Genova circa 150 domande non completate. Cittadini segnalino se hanno dubbi, preziosa loro collaborazione»

di Francesco Torre

La lotta all’abusivismo è una delle missioni principali della Federazione degli Ordini TSRM PSTRP nata con la legge 3 del 2018. Oggi, oltre 220mila professionisti della sanità sono iscritti in rappresentanza delle 19 professioni. Tuttavia, non tutti hanno ancora regolarizzato la propria posizione. Ne abbiamo parlato con il Presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Genova Antonio Cerchiaro, che fa parte anche del Comitato centrale della Federazione.

Dottor Cerchiaro, a Genova come state combattendo l’abusivismo?

«Abbiamo avviato un rapporto con il comando dei carabinieri dei NAS che sono l’organo preposto alla verifica dell’esercizio abusivo della professione. Abbiamo fatto un incontro il mese scorso con il comandante dei NAS di Genova con il quale ci siamo confrontati su come riuscire a gestire questa problematica molto importante dal punto di vista della sicurezza dell’attività. Abbiamo condiviso con il comandante la necessità di operare segnalazioni come prevede la norma e stiamo avviando questo tipo di attività. Quando la legge 3 del 2018 ha obbligato a iscriversi all’Ordine, abbiamo avuto una serie di probabili professionisti che hanno avviato la procedura di iscrizione che poi, però, non è stata conclusa. Stiamo valutando queste pratiche contattando i singoli iscritti. Coloro che non adempiranno in tempi brevi all’obbligo di iscrizione saranno necessariamente segnalati al comando dei NAS per capire se effettivamente esercitano».

Il cittadino cosa deve fare per capire se un professionista è regolarmente iscritto?

«È molto importante la collaborazione tra cittadino e Ordine perché il mandato dell’Ordine è quello di garantire la salute pubblica e che il professionista sia regolarmente iscritto e abbia i titoli per esercitare. Abbiamo bisogno di questa collaborazione, anzi chiediamo ai cittadini di segnalare all’Ordine qualsiasi tipo di dubbio rispetto ai professionisti che esercitano senza avere i titoli».

Cosa rischia un professionista?

«Rischia un provvedimento penale e quindi delle multe molto salate che arrivano fino ai 30mila euro. Una cosa di molto seria».

A Genova che percentuale di abusivismo registrate?

«Abbiamo ad oggi circa 5800 iscritti su tutte le 19 professioni e circa 150 domande che ancora non sono state concluse, cioè avviate ma mai concluse. Stiamo lavorando per ultimare le verifiche».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
Elezioni 2022, la FNO TSRM e PSTRP scrive ai leader di partiti e movimenti politici
La Presidente Calandra: «Disponibili a un confronto con i candidati e gli eletti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi