Lavoro 29 Novembre 2021 16:38

Abusivismo, Cerchiaro (TSRM PSTRP Genova): «Segnaliamo ai NAS chi non ha completato domanda di iscrizione»

Per il Presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Genova e membro del Comitato centrale della Federazione è fondamentale la collaborazione dei cittadini: «A Genova circa 150 domande non completate. Cittadini segnalino se hanno dubbi, preziosa loro collaborazione»

di Francesco Torre

La lotta all’abusivismo è una delle missioni principali della Federazione degli Ordini TSRM PSTRP nata con la legge 3 del 2018. Oggi, oltre 220mila professionisti della sanità sono iscritti in rappresentanza delle 19 professioni. Tuttavia, non tutti hanno ancora regolarizzato la propria posizione. Ne abbiamo parlato con il Presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Genova Antonio Cerchiaro, che fa parte anche del Comitato centrale della Federazione.

Dottor Cerchiaro, a Genova come state combattendo l’abusivismo?

«Abbiamo avviato un rapporto con il comando dei carabinieri dei NAS che sono l’organo preposto alla verifica dell’esercizio abusivo della professione. Abbiamo fatto un incontro il mese scorso con il comandante dei NAS di Genova con il quale ci siamo confrontati su come riuscire a gestire questa problematica molto importante dal punto di vista della sicurezza dell’attività. Abbiamo condiviso con il comandante la necessità di operare segnalazioni come prevede la norma e stiamo avviando questo tipo di attività. Quando la legge 3 del 2018 ha obbligato a iscriversi all’Ordine, abbiamo avuto una serie di probabili professionisti che hanno avviato la procedura di iscrizione che poi, però, non è stata conclusa. Stiamo valutando queste pratiche contattando i singoli iscritti. Coloro che non adempiranno in tempi brevi all’obbligo di iscrizione saranno necessariamente segnalati al comando dei NAS per capire se effettivamente esercitano».

Il cittadino cosa deve fare per capire se un professionista è regolarmente iscritto?

«È molto importante la collaborazione tra cittadino e Ordine perché il mandato dell’Ordine è quello di garantire la salute pubblica e che il professionista sia regolarmente iscritto e abbia i titoli per esercitare. Abbiamo bisogno di questa collaborazione, anzi chiediamo ai cittadini di segnalare all’Ordine qualsiasi tipo di dubbio rispetto ai professionisti che esercitano senza avere i titoli».

Cosa rischia un professionista?

«Rischia un provvedimento penale e quindi delle multe molto salate che arrivano fino ai 30mila euro. Una cosa di molto seria».

A Genova che percentuale di abusivismo registrate?

«Abbiamo ad oggi circa 5800 iscritti su tutte le 19 professioni e circa 150 domande che ancora non sono state concluse, cioè avviate ma mai concluse. Stiamo lavorando per ultimare le verifiche».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quarta ondata, aumentano le gravide positive. Masé (FNOPO): «Centrale il ruolo delle ostetriche per assicurare anche supporto emotivo»
La vice presidente FNOPO: «Le condizioni di isolamento sociale in cui le donne e le coppie trascorrono la gravidanza, a causa della pandemia in atto, hanno un impatto significativo sul vissuto emotivo: il disagio, se trascurato, può sfociare in depressione post-partum»
Radiologia domiciliare e teleradiologia, Lenza (TSRM Roma): «Svolta per decongestionare Pronto soccorso e liste di attesa»
Il Presidente della commissione d’Albo dei TSRM di Roma Andre Lenza crede nel PNRR: «Le professioni sanitarie avranno ruolo fondamentale nella sua implementazione»
di Francesco Torre
TSRM, Cornacchione (Faster): «Migliorare formazione universitaria con professori Tecnici di Radiologia»
La presidente della Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia spiega: «Stiamo lavorando per creare delle basi per poter avviare le carriere universitarie anche con borse di studio che possano favorire i professionisti che vogliono avviare questo tipo di percorso»
di Francesco Torre
Esercitare l’osteopatia: serve la laurea?
Tra le professioni sanitarie è annoverabile l'osteopatia. Il punto alla luce di una recente sentenza
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Terapisti occupazionali, Cda di Roma: «Siamo ancora troppo pochi nelle Asl e nei servizi per l’età evolutiva»
Secondo Luigia Fioramonti, presidente della Commissione d’Albo di Roma, bisogna lavorare per «avere una buona formazione e essere presenti in tutti i servizi sanitari per tutelare la salute dei cittadini». Spiega Arnaldo Pezzola (Cda Roma): «Fondamentale la sinergia con i caregiver che ci consente di svolgere un lavoro a 360 gradi anche sull’ambiente»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 gennaio, sono 334.395.897 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.556.935 i decessi. Ad oggi, oltre 9,70 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre