Lavoro 10 Settembre 2021 14:46

Gli anestesisti contestano Anelli: «Il documento Fnomceo disegna contorni aberranti per il 118»

Aaroi Emac disapprova l’audizione in Senato della Federazione degli Ordini dei Medici sulla riforma del 118

Gli anestesisti contestano Anelli: «Il documento Fnomceo disegna contorni aberranti per il 118»

L’audizione in Senato del presidente Fnomceo Anelli sulla riforma del 118 ha sollevato polemiche. Molto critici gli anestesisti rianimatori. «Nell’audizione della Fnomceo – si legge in una nota di Aaroi-Emac – svoltasi ieri 9 settembre sulla riforma del SET118, la Federazione continua imperterrita come sempre a farsi portavoce unicamente degli obiettivi della medicina di famiglia. In totale spregio dei medici ospedalieri, stavolta in un settore, quello della emergenza-urgenza pre-ospedaliera, che proprio nelle Regioni in cui è appannaggio esclusivo della medicina di famiglia ne dimostra la deriva simil continuità-assistenziale (guardia medica), con la quale nulla ci azzecca».

«In pratica per Fnomceo – prosegue la nota – un medico di medicina generale equivarrebbe a un  (Medico Specialista in Medicina d’Urgenza) non solo nelle postazioni mobili medicalizzate, ma addirittura nelle Centrali Operative; tutte le discipline equipollenti alla MEU continuerebbero ad essere sdoganate per tale servizio; nessun riconoscimento di qualità verrebbe dato ai mezzi di soccorso con solo infermiere a bordo; dal nuovo SET118 sarebbero estromessi completamente gli anestesisti rianimatori».

«Non solo: per Anelli, il rapporto di lavoro dipendente dei medici ospedalieri diverrebbe “incompatibile” proprio con il SET118 che sogna FNOMCeO, il tutto con l’incredibile paradosso di replicare in tale Documento un assunto di cui l’AAROI-EMAC ha la paternità assoluta: “Per la FNOMCeO si ritiene inoltre indispensabile affermare che il mezzo di soccorso avanzato è l’ospedale portato nel territorio…“.»

«Magari! Se così fosse davvero – continua – plaudiremmo ad un nuovo SET118, finalmente su scala nazionale, che porti “a casa del paziente” competenze mediche avanzate, che evidentemente possono essere tipicamente il più possibile ospedaliere; e invece la “vision” Fnomceo si dimostra esattamente contraria, volendo ridurre l’Emergenza-Urgenza PreOspedaliera, Centrali Operative comprese, a feudo della medicina territoriale».

«Questo è il risultato sconcertante di volersi porre (perché la politica glielo consente) come interlocutori “di riferimento” in argomenti nel merito dei quali – oltretutto – ci chiediamo quali siano l’esperienza e la competenza specifica» conclude Vergallo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
ECM, i vertici della sanità: «Nessuna proroga. Provvedimenti amministrativi per chi non sarà in regola»
Monaco (FNOMCeO): «Mettersi in regola per evitare sanzioni». Bartoletti (Fimmg): «Dura lex sed lex, se ci sono sanzioni l’Ordine le applica». Amato (OMCeO Palermo): «Nel momento in cui arriveranno le lettere dal Co.Ge.A.P.S dovremo procedere». Mangiacavalli (Fnopi): «No a nuovo allargamento maglie: si svilirebbe il senso della formazione continua»
Lavoro Usurante, apprezzamento AAROI-EMAC per le parole del Ministro Speranza
L'AAROI-EMAC (Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica) accoglie positivamente le parole di Speranza «sulla richiesta inviata al Ministro del Lavoro Andrea Orlando di estendere le tutele e le agevolazioni previdenziali previste per i lavori usuranti ai professionisti sanitari che svolgono la loro attività nei servizi di emergenza-urgenza e nei pronto soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...