Gli Esperti Rispondono 9 luglio 2018

Sono un medico di base, posso avviare un’azione legale per recuperare le differenze economiche non ricevute anche se il mio corso è durato due anni?

I medici di base possono avviare un’azione legale in sede civile per ottenere le differenze di retribuzione rispetto agli specialisti, il recupero della tassazione IRPEF non dovuta, i contributi nonché le spese assicurative. La durata del corso (due o tre anni) ai fini della domanda non è rilevante, è invece essenziale  che si tratti del […]

I medici di base possono avviare un’azione legale in sede civile per ottenere le differenze di retribuzione rispetto agli specialisti, il recupero della tassazione IRPEF non dovuta, i contributi nonché le spese assicurative. La durata del corso (due o tre anni) ai fini della domanda non è rilevante, è invece essenziale  che si tratti del Corso di formazione specialistica in medicina generale e che l’immatricolazione sia avvenuta a partire dal 1993. Ovviamente il risarcimento sarà parametrato all’effettiva durata del corso.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano