Gli Esperti Rispondono 9 luglio 2018

Sono un medico di base, posso avviare un’azione legale per recuperare le differenze economiche non ricevute anche se il mio corso è durato due anni?

I medici di base possono avviare un’azione legale in sede civile per ottenere le differenze di retribuzione rispetto agli specialisti, il recupero della tassazione IRPEF non dovuta, i contributi nonché le spese assicurative. La durata del corso (due o tre anni) ai fini della domanda non è rilevante, è invece essenziale  che si tratti del […]

I medici di base possono avviare un’azione legale in sede civile per ottenere le differenze di retribuzione rispetto agli specialisti, il recupero della tassazione IRPEF non dovuta, i contributi nonché le spese assicurative. La durata del corso (due o tre anni) ai fini della domanda non è rilevante, è invece essenziale  che si tratti del Corso di formazione specialistica in medicina generale e che l’immatricolazione sia avvenuta a partire dal 1993. Ovviamente il risarcimento sarà parametrato all’effettiva durata del corso.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila