Gli Esperti Rispondono 8 Agosto 2016 10:24

Il medico che non specifica la causa di licenziamento non può essere escluso dal concorso

Il TAR del Lazio con la sentenza n. 8702 del 12 luglio 2016 ha ritenuto illegittima l’esclusione dalla prova orale del concorso per l’assunzione a tempo determinato di 25 dirigenti medici, del medico che non ha specificato la causa di licenziamento da un pubblico impiego nella domanda di partecipazione alla selezione. Il fatto che il […]

Il TAR del Lazio con la sentenza n. 8702 del 12 luglio 2016 ha ritenuto illegittima l’esclusione dalla prova orale del concorso per l’assunzione a tempo determinato di 25 dirigenti medici, del medico che non ha specificato la causa di licenziamento da un pubblico impiego nella domanda di partecipazione alla selezione.

Il fatto che il medico non abbia specificato la causa del licenziamento non può costituire causa automatica di esclusione dal concorso, in quanto, il ricorrente ha comunque dichiarato di essere stato licenziato ed ha permesso così all’azienda di svolgere i propri approfondimenti in modo da poter verificare se la causa del licenziamento rientrasse in una delle fattispecie di esclusione elencate nel bando della procedura selettiva.

Le cause di esclusione dal concorso, avendo natura afflittiva, devono essere applicate in modo rigoroso e non possono essere applicate in maniera estensiva e diventare così un’ulteriore sanzione.

Articoli correlati
Se il medico è responsabile c’è il risarcimento alla ASL
La Corte dei Conti lo scorso giugno ha stabilito un risarcimento alla ASL da parte di un medico ritenuto totalmente responsabile di tardiva diagnosi
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Fimmg: ok a «storico» accordo nazionale per medici dell’Inps
Approvato l'accordo nazionale per le attività libero professionali in convenzione dei medici Inps. Ne dà notizia Alfredo Petrone, segretario nazionale settore Fimmg Inps che definisce la firma della convenzione «un momento storico»
Certificato telematico (INPS) di malattia: il medico che emette una prognosi ha l’obbligo di invio. Ecco cosa dice la legge
Caiazza (FIMMG): «Medici ospedalieri, di pronto soccorso, specialisti convenzionati ASL e liberi professionisti non devono demandare l’emissione del certificato telematico (INPS) di malattia al medico di famiglia, che verrebbe indotto a compiere un reato di falso ideologico»
Medico per i senza fissa dimora, proposta Pd: «Cambiare legge 833 e slegare l’assistenza di base dalla residenza»
Il progetto di legge, firmato da Monica Cirinnà e Luca Rizzo Nervo, ha il sostegno del ministro della Salute Roberto Speranza. Capofila l’Emilia-Romagna che ha già varato una legge sul tema. «Il vulnus riguarda migliaia di persone escluse dal diritto alla salute» spiega Rizzo Nervo
di Francesco Torre
Liviu, gastroenterologo fuggito dall’Ucraina, oggi dà sostegno psicologico ai profughi in Romania
Ha lasciato la sua terra il 24 febbraio con moglie e tre figli. Da un mese è rifugiato a Siret dove presta soccorso come medico di contatto per la Fondazione Emilio Falco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa