Gli Esperti Rispondono 31 Agosto 2015

Il mondo delle assicurazioni

L’inversione dell’onere della prova nella responsabilità medica

di Assicurazione

Sono un urologo ospedaliero e mi sono trovato coinvolto in una questione in cui sono stato lasciato solo dalla mia azienda e dal mio assicuratore con cui avevo da tempo stipulato una polizza di RC per colpa grave. Ciò che mi ha sorpreso ed infastidito è che sono stato costretto, con il supporto del mio legale, a provare che non ero assolutamente responsabile del fatto che mi era sto imputato, mentre il mio accusatore si era soltanto limitato ad accusarmi e richiedermi il risarcimento. La vicenda si è fortunatamente conclusa bene per me, a parte il costo delle spese legali. Tuttavia non l’ho ancora “digerito” e continuo a sentirmi vittima di un’iniquità legale. Mi può spiegare la “ratio” di questa procedura?

Lei tocca un tema veramente critico nell’area della responsabilità professionale medica. Molti esperti, ed anche l’attuale Ministro della salute, fanno risalire a questa “inversione dell’onere della prova” una grande responsabilità nel fenomeno della medicina difensiva e conseguentemente di una esagerata crescita della spesa sanitaria nazionale (si parla di € 14 miliardi di spesa aggiuntiva). In pratica il medico sarebbe costretto a prescrivere accertamenti aggiuntivi superflui e molto onerosi al fine di evitare di essere accusato di non aver fatto tutto il possibile per il miglior accertamento diagnostico.
Questa teoria della inversione dell’onere della prova è il frutto della giurisprudenza per la quale anche la responsabilità civile del medico ospedaliero è di natura contrattuale, e pertanto spetta al medico in quanto “debitore” della prestazione sanitaria a dover dare la prova della sua innocenza. Un’annotazione, di parziale conforto per lei, è che proprio il Ministro della Salute molto recentemente ha suggerito di tornare per legge alla procedura per la quale l’onere della prova circa la responsabilità debba tornare a colui che richiedere il risarcimento. Tutti gli addetti ai lavori attendono che questa proposta  diventi realtà. Infine, difendo l’operato del suo assicuratore. Lui non l’ha abbandonata ma, in quanto assicurava esclusivamente la sua responsabilità per colpa grave di fronte alla Corte dei Conti, non aveva titolo per intervenire in una vicenda che riguardava il giudice ordinario.

Ennio Profeta –  consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Responsabilità professionale, MISE al lavoro su decreti attuativi legge 24. Gelli: «Contenziosi in diminuzione con risk management»
«Nelle regioni dov’è applicata la Legge si riducono le controversie: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini» ha sottolineato a Sanità Informazione Federico Gelli, relatore della Legge alla Camera e presidente della Fondazione Italia in Salute
Tribunale della Salute, De Paolis (SIC): «In Italia sempre meno chirurghi, colpa dei contenziosi. Bene camera di compensazione per arginarli»
I giovani non vogliono fare i chirurghi perché demotivati dai rischi professionali e dalle conseguenze giuridiche. Questa la fotografia che emerge dall’intervista a Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense
Spot risarcimenti, il Garante apre la pratica ma il precedente è contro i medici…
Attesa a giorni la valutazione dell'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria di Rai, Mediaset e degli altri editori. Tra richieste di ritiro dello spot da tutte le emittenti e le scuse da parte della Rai, la polemica sullo spot con Enrica Bonaccorti che sollecita azioni legali contro la malasanità non è ancora chiusa. E il 16 gennaio il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli incontrerà il Consiglio nazionale forense
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...