Giovani 1 Settembre 2015

Test Medicina, il numero chiuso fa pauraDove nasce il calo vertiginoso degli iscritti

Lo spauracchio delle domande di Logica, per superarle tanto esercizio e occhio al cronometro

Immagine articolo

Numeri e percentuali che fanno pensare: meno 5,6%, meno 28%. Alla vigilia dei test d’accesso per l’anno accademico 2015 – 2016 alle Facoltà di Medicina, Chirurgia e Odontoiatria che si terranno l’8 Settembre sono queste le cifre del netto calo degli studenti disposti a lottare per indossare un camice bianco.


Stando alle iscrizioni ai test, in 60.639 concorreranno per 9.513 posti: si tratta del 5,6% in meno rispetto al 2014, addirittura il 28% in meno rispetto a due anni fa. Probabilmente scoraggiati dai pochi posti disponibili rispetto al numero di concorrenti, ma soprattutto dalla consapevolezza che, una volta superati questi ostacoli, non si è che all’inizio di un percorso lungo, difficile e senza sbocchi sicuri, con l’ulteriore incognita del post laurea e dell’accesso alle Scuole di specializzazione.

Insomma, la domanda che in tanti si pongono prima di iscriversi allo step iniziale – i test d’ammissione alla Facoltà – è questa: “Ne vale la pena?”. In molti si rispondono di sì, e combattono con le unghie con i denti, spesso a suon di ricorsi e battaglie legali, per ottenere questa possibilità in Italia, con l’aiuto di realtà come Consulcesi, da anni schierata al fianco dei medici e aspiranti tali. Altri, invece, guardano verso lidi più accoglienti, ad esempio alle università straniere — Spagna, Svizzera, Bulgaria, Romania, Ungheria, Albania — che non hanno limiti all’ingresso e consentono alle matricole di rientrare in Italia (dopo aver speso fino a cinquantamila euro) per proseguire Medicina, dal secondo anno, nella loro città. In altri casi, invece, si ripiega semplicemente su altre Facoltà. Ma c’è anche il caso, che sta facendo molto discutere in questi giorni, di Enna, dove sarà possibile laurearsi in Medicina in una facoltà romena, restando nel cuore della Sicilia. Un’iniziativa che non piace al Sigm, che a tal proposito ha scritto ai Ministeri competenti insieme al Coordinamento delle Associazioni e dei Rappresentanti di medicina siciliani. 

Ma per chi decide di affrontare i test, qual è la materia più temuta? A sorpresa, sbaragliando Chimica, Fisica, Matematica, risulta essere “Ragionamento Logico”. Forse perché protagonista di ben 20 quesiti su 60, forse perché è una materia che non si impara sui banchi di scuola, fatto sta che il sito Skuola.net ha stilato un piccolo vademecum su come affrontare al meglio questa parte del test, per placare le ansie delle aspiranti matricole in camice bianco. Prima di tutto, chiudere i libri di teoria e iniziare a esercitarsi, cronometro alla mano. Poi, davanti a una domanda ostica, individuare tra le cinque alternative di risposta le due palesemente errate, e scartarle. Nella scelta tra le tre risposte rimanenti, quella giusta dovrebbe saltare subito all’occhio. Infine, imparare il metodo aiuta: il meccanismo dietro ogni singolo quesito sarebbe infatti, tendenzialmente, sempre lo stesso. Una volta compreso, sarà più facile risolvere questa tipologia di quiz. Ora non resta che esercitarsi…

Articoli correlati
Palermo, gli ospedali privati aprono le porte agli studenti del liceo Cannizzaro
Gli ospedali privati di Palermo aprono le porte agli studenti del liceo scientifico Cannizzaro nell’ambito del progetto alternanza scuola lavoro. Ottanta ragazzi delle quarte e delle quinte hanno partecipato al percorso di orientamento e formazione condiviso da Aiop e Ordine dei medici, che si inserisce negli obiettivi del più ampio protocollo d’intesa, firmato alcuni mesi […]
Fake news in sanità, 1 italiano su 2 non le riconosce. Conte (FNOMCeO): «Serve attenzione alla qualità»
In campo per combatterle il portale della FNOMCeO “Dottore… è vero che?”. Il coordinatore del progetto Alessandro Conte: «Ben vengano tutte le iniziative che con fonti e con trasparenza fanno informazione in ambito salute»
di Cesare Buquicchio e Diana Romersi
Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite
Il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS a Sanità Informazione: «La prevenzione è da creare, manca il coordinamento tra gli interlocutori. Importante intervenire in maniera mirata». E mette in guardia i giovani: «È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica»
di Lucia Oggianu
Medicina Generale in Università, Stimamiglio (FIMMG): «MMG saranno relatori di tesi»
In Liguria il primo Dipartimento misto Università/Medicina del Territorio. Andrea Stimamiglio (FIMMG Liguria): «“Una casa comune” in cui si collabora ai fini di ricerche e sperimentazioni»
MMG, Noemi Lopes (Osservatorio Giovani FNOMCeO): «Inconcepibile percorso formativo così poco retribuito e che costringe il medico a spostarsi dalla sua Regione»
«La disparità economica di trattamento tra MMG e specializzandi si fa sentire e questo si ripercuote anche nella concezione del percorso formativo che noi continuiamo a difendere come separato dal corso di specializzazione universitaria» così l’ex segretario di Fimmg Formazione a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano