Giovani 1 settembre 2015

Test Medicina, il numero chiuso fa pauraDove nasce il calo vertiginoso degli iscritti

Lo spauracchio delle domande di Logica, per superarle tanto esercizio e occhio al cronometro

Immagine articolo

Numeri e percentuali che fanno pensare: meno 5,6%, meno 28%. Alla vigilia dei test d’accesso per l’anno accademico 2015 – 2016 alle Facoltà di Medicina, Chirurgia e Odontoiatria che si terranno l’8 Settembre sono queste le cifre del netto calo degli studenti disposti a lottare per indossare un camice bianco.


Stando alle iscrizioni ai test, in 60.639 concorreranno per 9.513 posti: si tratta del 5,6% in meno rispetto al 2014, addirittura il 28% in meno rispetto a due anni fa. Probabilmente scoraggiati dai pochi posti disponibili rispetto al numero di concorrenti, ma soprattutto dalla consapevolezza che, una volta superati questi ostacoli, non si è che all’inizio di un percorso lungo, difficile e senza sbocchi sicuri, con l’ulteriore incognita del post laurea e dell’accesso alle Scuole di specializzazione.

Insomma, la domanda che in tanti si pongono prima di iscriversi allo step iniziale – i test d’ammissione alla Facoltà – è questa: “Ne vale la pena?”. In molti si rispondono di sì, e combattono con le unghie con i denti, spesso a suon di ricorsi e battaglie legali, per ottenere questa possibilità in Italia, con l’aiuto di realtà come Consulcesi, da anni schierata al fianco dei medici e aspiranti tali. Altri, invece, guardano verso lidi più accoglienti, ad esempio alle università straniere — Spagna, Svizzera, Bulgaria, Romania, Ungheria, Albania — che non hanno limiti all’ingresso e consentono alle matricole di rientrare in Italia (dopo aver speso fino a cinquantamila euro) per proseguire Medicina, dal secondo anno, nella loro città. In altri casi, invece, si ripiega semplicemente su altre Facoltà. Ma c’è anche il caso, che sta facendo molto discutere in questi giorni, di Enna, dove sarà possibile laurearsi in Medicina in una facoltà romena, restando nel cuore della Sicilia. Un’iniziativa che non piace al Sigm, che a tal proposito ha scritto ai Ministeri competenti insieme al Coordinamento delle Associazioni e dei Rappresentanti di medicina siciliani. 

Ma per chi decide di affrontare i test, qual è la materia più temuta? A sorpresa, sbaragliando Chimica, Fisica, Matematica, risulta essere “Ragionamento Logico”. Forse perché protagonista di ben 20 quesiti su 60, forse perché è una materia che non si impara sui banchi di scuola, fatto sta che il sito Skuola.net ha stilato un piccolo vademecum su come affrontare al meglio questa parte del test, per placare le ansie delle aspiranti matricole in camice bianco. Prima di tutto, chiudere i libri di teoria e iniziare a esercitarsi, cronometro alla mano. Poi, davanti a una domanda ostica, individuare tra le cinque alternative di risposta le due palesemente errate, e scartarle. Nella scelta tra le tre risposte rimanenti, quella giusta dovrebbe saltare subito all’occhio. Infine, imparare il metodo aiuta: il meccanismo dietro ogni singolo quesito sarebbe infatti, tendenzialmente, sempre lo stesso. Una volta compreso, sarà più facile risolvere questa tipologia di quiz. Ora non resta che esercitarsi…

Articoli correlati
Riforma numero chiuso, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Modello francese dà troppa discrezionalità ai professori»
Il presidente dell’associazione si dice contrario all’abolizione dell’accesso programmato alle facoltà di Medicina senza l’aumento delle borse di specializzazione. Guicciardi ha dubbi anche sul sistema utilizzato in Francia, con uno sbarramento alla fine del primo anno: «Sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità. Anche la Francia lo sta rimettendo in discussione»
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
Numero chiuso a Medicina, Salvini rilancia l’abolizione. E sposa la proposta del rettore Unife Zauli che vuole sperimentare lo stop ai test
Il vicepremier, sui social, sottolinea: «Via il numero chiuso a Medicina: diritto allo studio e al lavoro per tanti ragazzi, diritto alla salute per tanti Italiani. Sono d'accordo!». Il Magnifico Rettore dell’ateneo di Ferrara propone che dal prossimo anno accademico la soglia di sbarramento non sia più il test d'ingresso, ma finire tutti gli esami del primo semestre del primo anno con una media non inferiore al 27
Abolizione Numero Chiuso, Consulcesi: «Alle parole seguano i fatti»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Bene le parole del vicepremier Salvini, ma e si cambino le regole fin dal prossimo anno accademico»
Fisioterapisti, dal bilancio Aifi 2018 record di iscritti e 78 eventi organizzati. Ecco analisi “sociale”
Il 2018 è stato un anno importante e «denso di avvenimenti»per l’Aifi (Associazione italiana Fisioterapisti).  «Il 2019 sarà un anno di transizione, in cui si intensificherà sempre di più l’attività di carattere tecnico scientifico e si ridurraà progressivamente quella deputata alla rappresentatività professionale, delegata all’ordine TSRM – PSTRP» fa sapere l’Aifi in una nota stampa. I […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...