Giovani 1 Settembre 2015 17:40

Test Medicina, il numero chiuso fa pauraDove nasce il calo vertiginoso degli iscritti

Lo spauracchio delle domande di Logica, per superarle tanto esercizio e occhio al cronometro

Test Medicina, il numero chiuso fa pauraDove nasce il calo vertiginoso degli iscritti

Numeri e percentuali che fanno pensare: meno 5,6%, meno 28%. Alla vigilia dei test d’accesso per l’anno accademico 2015 – 2016 alle Facoltà di Medicina, Chirurgia e Odontoiatria che si terranno l’8 Settembre sono queste le cifre del netto calo degli studenti disposti a lottare per indossare un camice bianco.


Stando alle iscrizioni ai test, in 60.639 concorreranno per 9.513 posti: si tratta del 5,6% in meno rispetto al 2014, addirittura il 28% in meno rispetto a due anni fa. Probabilmente scoraggiati dai pochi posti disponibili rispetto al numero di concorrenti, ma soprattutto dalla consapevolezza che, una volta superati questi ostacoli, non si è che all’inizio di un percorso lungo, difficile e senza sbocchi sicuri, con l’ulteriore incognita del post laurea e dell’accesso alle Scuole di specializzazione.

Insomma, la domanda che in tanti si pongono prima di iscriversi allo step iniziale – i test d’ammissione alla Facoltà – è questa: “Ne vale la pena?”. In molti si rispondono di sì, e combattono con le unghie con i denti, spesso a suon di ricorsi e battaglie legali, per ottenere questa possibilità in Italia, con l’aiuto di realtà come Consulcesi, da anni schierata al fianco dei medici e aspiranti tali. Altri, invece, guardano verso lidi più accoglienti, ad esempio alle università straniere — Spagna, Svizzera, Bulgaria, Romania, Ungheria, Albania — che non hanno limiti all’ingresso e consentono alle matricole di rientrare in Italia (dopo aver speso fino a cinquantamila euro) per proseguire Medicina, dal secondo anno, nella loro città. In altri casi, invece, si ripiega semplicemente su altre Facoltà. Ma c’è anche il caso, che sta facendo molto discutere in questi giorni, di Enna, dove sarà possibile laurearsi in Medicina in una facoltà romena, restando nel cuore della Sicilia. Un’iniziativa che non piace al Sigm, che a tal proposito ha scritto ai Ministeri competenti insieme al Coordinamento delle Associazioni e dei Rappresentanti di medicina siciliani. 

Ma per chi decide di affrontare i test, qual è la materia più temuta? A sorpresa, sbaragliando Chimica, Fisica, Matematica, risulta essere “Ragionamento Logico”. Forse perché protagonista di ben 20 quesiti su 60, forse perché è una materia che non si impara sui banchi di scuola, fatto sta che il sito Skuola.net ha stilato un piccolo vademecum su come affrontare al meglio questa parte del test, per placare le ansie delle aspiranti matricole in camice bianco. Prima di tutto, chiudere i libri di teoria e iniziare a esercitarsi, cronometro alla mano. Poi, davanti a una domanda ostica, individuare tra le cinque alternative di risposta le due palesemente errate, e scartarle. Nella scelta tra le tre risposte rimanenti, quella giusta dovrebbe saltare subito all’occhio. Infine, imparare il metodo aiuta: il meccanismo dietro ogni singolo quesito sarebbe infatti, tendenzialmente, sempre lo stesso. Una volta compreso, sarà più facile risolvere questa tipologia di quiz. Ora non resta che esercitarsi…

Articoli correlati
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Dichiarazione dei redditi: tutte le novità per detrarre le spese sanitarie nel 730

A Sanità Informazione Marco Petrillo (Presidente commissione fiscale UNEBA) spiega le regole del modello precompilato. Tra le novità meno documenti da conservare
Salute

Covid: in Cina ondata variante XBB, attesi 65 milioni di casi a settimana a fine giugno

Anche se l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato la fine della pandemia, non sono escluse ondate di contagi anche molto forti. Sarà così molto presto in Cina, d...
Salute

Covid: entro il 2025 nuova ondata. Intanto in Asia +454% di casi

L’eventualità di una nuova pandemia da Covid è stata espressa dal biologo Trevor Bedford, del Fred Hutchinson Cancer Center di Seattle, che ha condotto un'analisi statistica conseg...