Giovani 25 novembre 2014

Rimborsi a go go per i medici specialisti

Consegnati altri 3 milioni nella sede dell’OMCeO di Pisa a decine di medici toscani

Immagine articolo

Non si fermano i rimborsi milionari per i medici specialisti. Continuano infatti ad arrivare dai Tribunali di tutta Italia sentenze favorevoli a chi ricorre per non aver ricevuto l’adeguato trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea tra il 1982 ed il 2006, come invece stabilito da diverse direttive europee.

Nei giorni scorsi, all’OMCeO di Pisa sono stati infatti consegnati altri assegni per oltre tre milioni di euro a decine di ex specializzandi toscani che si erano affidati a Consulcesi, realtà leader in Italia ed Europa nell’ambito della tutela dei camici bianchi. A fare gli onori di casa il presidente dell’OMCeO Giuseppe Figlini, che si è detto lieto per “il risultato raggiunto dagli ex specializzandi, oggi rimborsati qui nella nostra sede provinciale”, ricordando poi – insieme agli stessi professionisti rimborsati – “i tanti sacrifici dovuti affrontare durante gli anni della specializzazione”.

Sono oltre 362 i milioni già riconosciuti ai medici Consulcesi – 60 dei quali consegnati soltanto negli ultimi mesi – con rimborsi che arrivano sempre più velocemente: “La Presidenza del Consiglio dei Ministri – afferma infatti l’avvocato Marco Tortorella, legale Consulcesi – provvede a pagare spontaneamente le somme dovute ai medici già dopo la notifica della sentenza, senza attendere l’avvio delle procedure esecutive. In questa maniera lo Stato prova a contenere i costi, risparmiando sulle spese e sugli interessi”. Il rischio di esborso totale per le casse pubbliche supera infatti i quattro miliardi di euro.

“A tal proposito – spiega l’avvocato Sara Saurini, responsabile dell’area legale di Consulcesi – stiamo sollecitando da tempo le istituzioni a trovare una soluzione e abbiamo già ottenuto la presentazione di tre Ddl volti a garantire il diritto dei medici ed evitare allo Stato un esborso eccessivo; diritto al risarcimento che spetta però solo a coloro che avranno fatto ricorso prima della trasformazione in legge. E il prossimo 20 dicembre parte la nuova azione collettiva: sono già tanti gli OMCeO, Enti e Società scientifiche che hanno aderito, ma ci sono ancora migliaia di professionisti in attesa di vedersi rimborsare ciò che è loro diritto ricevere. E questo vale – spiegano i legali di Consulcesi – anche sul fronte della mancata applicazione della direttiva europea 88/2003 CE sulle ore lavorative in più: in questa ottica di internazionalizzazione, Consulcesi – in Italia ed in Europa -, insieme agli studi legali nostri partner in Francia, Germania, Austria e Inghilterra, sta vagliando e predisponendo azioni collettive a tutela dei medici sottoposti a turni massacranti”.

Articoli correlati
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Innovazione in sanità: al “Malta Blockchain Summit” nasce il futuro della digital identity
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Con la Blockchain si certifica l’identità dei pazienti, del fornitore sanitario e del farmaco, escludendo falsificazioni e frodi»
Ricerca e formazione, parlano i vincitori del Premio “SICPRE Giovani”
Il Premio, organizzato dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, è andato a 10 giovani promesse della chirurgia italiana. I lavori verranno pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO
“The Fire Within”, Claudio Liguori vince premio per studio su apnee ostruttive notturne. D’Angelo (OMCeO Salerno): «Così sosteniamo i giovani»
«Questo premio - sottolinea il Presidente dell’Ordine salernitano - lo diamo con la speranza che chi lo vince ritorni quanto prima nel suo territorio per restituire la parte di sacrifici che la comunità e la loro famiglia hanno sostenuto». Le borse di studio sono sostenute anche da Consulcesi
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...