Giovani 11 Novembre 2014

I giovani camici bianchi in rivolta: tanti volti per un unico obiettivo

Molti invocano le dimissioni immediate del Ministro. Si profilano ricorsi in massa

Immagine articolo

Le voci della protesta. Giovani, medici, arrabbiati. Nei loro volti e nelle loro parole la volontà di non arrendersi e di ottenere giustizia.

“Chiediamo che sia immediatamente sanata la situazione di chi ha visto completamente lesa la sua dignità, professionale, umana e morale.” Il modo in cui ciò avverrà non interessa. “Non è un problema nostro. Ci sono persone pagate profumatamente per farlo. Quel che conta è che il problema venga risolto”. Nessun dubbio, invece, sul ‘quando’: “Immediatamente”. Il futuro non aspetta, e neanche i giovani medici sembrano disposti a farlo. Ma c’è bisogno di un’azione concreta da parte delle istituzioni: “E’ il Ministro a dover decidere in che modo affrontare questa situazione, ed è a lei che chiediamo risposte concrete. Le risorse economiche per riuscirci ci sono. Quel che chiediamo non è certo un ‘favore’, ma il riconoscimento di un diritto”.

Traccheggiare non converrebbe, insomma, al Ministro, perché in tal caso “partirebbero ricorsi a valanga, e verrebbero certamente vinti, con conseguenti danni economici e d’immagine per il Ministero. Cerchiamo di arrivare a una soluzione”. E sull’opzione fiducia o dimissioni, i giovani medici non sembrano aver dubbi sulla casella da barrare: “Dimissioni, ma solo dopo aver risolto il pasticcio e averci fatto le sue scuse. Altrimenti sarebbe troppo facile”. Ma qualcuno le invoca subito, senza se e senza ma. E c’è chi ha attraversato l’Italia per unirsi alla protesta di Roma. Queste le parole di una specializzanda da Trento: “Se un medico sbaglia nel suo lavoro, paga. Questa regola deve valere per tutti, anche per chi, nei nostri confronti, ha sbagliato dall’inizio alla fine”. E il riferimento a chi affaccia dall’alto su quei gradini occupati è fin troppo chiaro. Il mantra è: ‘che mai più si ripeta’: “Da oggi in poi esigiamo una maggior competenza, e una maggior legalità nella gestione dei test di accesso”. E’ anche una questione di “rispetto per chi è sempre in prima linea”. “Faremo ricorso, perché penalizzare in questo modo persone meritevoli è inammissibile”.

Articoli correlati
Giovani medici, Anelli (FNOMCeO): «Subito 10mila borse di studio e rinnovo contratti»
Il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini spiega ai nostri microfoni quali sono i provvedimenti da prendere oggi per evitare, un domani, il tracollo del Ssn
di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Specializzandi, Massimo Minerva (ALS): «Negli ultimi anni perse 900 borse: 90 milioni che non vengono riutilizzati»
«Contrastare l'imbuto formativo aumentando le borse - medicina generale e specializzazione - recuperare quelle perse negli anni e modificare il decreto Fedeli per l'abilitazione all'esercizio della professione medico-chirurgica». Queste le indicazioni del presidente dell'Associazione liberi specializzandi
Carenza medici, Bonsignore (Giovani Fnomceo): «Regioni investano in formazione, altro che assumere camici bianchi dall’estero o richiamarli dalla pensione»
Tra le tematiche emerse durante gli Stati Generali del giovane medico è l’assoluta necessità di salvaguardare il numero che «non deve essere "chiuso" bensì programmato in base alle esigenze del SSN da qui ai prossimi anni». Queste le considerazioni del coordinatore dell’Osservatorio Giovani medici Fnomceo a Sanità Informazione
Giovani medici, Emanuele Spina (Sigm): «Risolvere imbuto formativo e lavorativo con una presa in carico globale dei problemi»
«Tutti i laureati in medicina devono poter accedere alla formazione e poi al mondo del lavoro - ha dichiarato a Sanità Informazione il Presidente del Segretariato italiano giovani medici– siamo favorevoli all’apertura dei concorsi agli specializzandi all’ultimo anno»
Stati generali del giovane medico, Di Silverio (Anaao): «Si apra tavolo serio per salvare SSN»
Tra i punti proposti dal sindacato, la partecipazione delle Regioni alla spesa per formare i medici e la collaborazione di università e ospedali