Giovani 11 Novembre 2014 16:35

I giovani camici bianchi in rivolta: tanti volti per un unico obiettivo

Molti invocano le dimissioni immediate del Ministro. Si profilano ricorsi in massa

I giovani camici bianchi in rivolta: tanti volti per un unico obiettivo

Le voci della protesta. Giovani, medici, arrabbiati. Nei loro volti e nelle loro parole la volontà di non arrendersi e di ottenere giustizia.

“Chiediamo che sia immediatamente sanata la situazione di chi ha visto completamente lesa la sua dignità, professionale, umana e morale.” Il modo in cui ciò avverrà non interessa. “Non è un problema nostro. Ci sono persone pagate profumatamente per farlo. Quel che conta è che il problema venga risolto”. Nessun dubbio, invece, sul ‘quando’: “Immediatamente”. Il futuro non aspetta, e neanche i giovani medici sembrano disposti a farlo. Ma c’è bisogno di un’azione concreta da parte delle istituzioni: “E’ il Ministro a dover decidere in che modo affrontare questa situazione, ed è a lei che chiediamo risposte concrete. Le risorse economiche per riuscirci ci sono. Quel che chiediamo non è certo un ‘favore’, ma il riconoscimento di un diritto”.

Traccheggiare non converrebbe, insomma, al Ministro, perché in tal caso “partirebbero ricorsi a valanga, e verrebbero certamente vinti, con conseguenti danni economici e d’immagine per il Ministero. Cerchiamo di arrivare a una soluzione”. E sull’opzione fiducia o dimissioni, i giovani medici non sembrano aver dubbi sulla casella da barrare: “Dimissioni, ma solo dopo aver risolto il pasticcio e averci fatto le sue scuse. Altrimenti sarebbe troppo facile”. Ma qualcuno le invoca subito, senza se e senza ma. E c’è chi ha attraversato l’Italia per unirsi alla protesta di Roma. Queste le parole di una specializzanda da Trento: “Se un medico sbaglia nel suo lavoro, paga. Questa regola deve valere per tutti, anche per chi, nei nostri confronti, ha sbagliato dall’inizio alla fine”. E il riferimento a chi affaccia dall’alto su quei gradini occupati è fin troppo chiaro. Il mantra è: ‘che mai più si ripeta’: “Da oggi in poi esigiamo una maggior competenza, e una maggior legalità nella gestione dei test di accesso”. E’ anche una questione di “rispetto per chi è sempre in prima linea”. “Faremo ricorso, perché penalizzare in questo modo persone meritevoli è inammissibile”.

Articoli correlati
Giovani medici dagli atenei ai reparti Covid. Buonauro (OMCeO Napoli): «Impreparati a gestire l’emergenza»
L’allarme del coordinatore dell'Osservatorio giovani medici di Napoli: «La laurea abilitante ha questa grande criticità, e a questo si somma il pasticcio burocratico del blocco dei contratti di specializzazione»
Media e sanità: siamo di fronte ad attacchi ingiustificati nei confronti del Ssn?
Ne parla Francesco Carbonetti, dirigente medico della Asl Roma 2, Ospedale Sant'Eugenio, e rappresentante dei giovani medici della Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer, Uff. Stampa Cisl Medici Lazio
Oltre 9 milioni di euro per creare 85 borse di specializzazione per giovani medici in Lombardia
L’assessore al Welfare Gallera: «Fondi in cinque anni da investire nelle discipline maggiormente colpite dal Covid: anestesia, rianimazione, terapia intensiva e del dolore»
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Spalle al palazzo e via il camice, la protesta degli specializzandi a Montecitorio: «Troppe poche borse, si rischia un esercito di camici grigi»
Sit-in di un centinaio di giovani medici davanti la Camera dei deputati a cui hanno aderito 11 sigle. Di Silverio (Anaao): «Pronto ad incatenarmi se non si risolve l’imbuto formativo». Solidarietà e vicinanza dai parlamentari di tutti i partiti, in piazza anche gli ex ministri Lorenzin e Grillo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...