Giovani 26 Settembre 2016 17:07

Tutele e formazione, un patto tra CIMO e Consulcesi. Cassi: «Under 35 fortemente penalizzati. Per loro due anni di servizi gratuiti»

Un’iniziativa concreta a favore dei giovani medici, categoria che soffre particolarmente il difficile contesto economico odierno: formazione medica a distanza, tutela legale e servizi esclusivi, tutto gratuito per due anni. Questa la soluzione offerta ai suoi iscritti da CIMO, il sindacato dei medici ospedalieri, e presentata nel corso della conferenza stampa  “La professione dal punto di […]

Un’iniziativa concreta a favore dei giovani medici, categoria che soffre particolarmente il difficile contesto economico odierno: formazione medica a distanza, tutela legale e servizi esclusivi, tutto gratuito per due anni. Questa la soluzione offerta ai suoi iscritti da CIMO, il sindacato dei medici ospedalieri, e presentata nel corso della conferenza stampa  “La professione dal punto di vista dei giovani i medici”.

«Il  giovane medico ha sempre più difficoltà a trovare un posto di lavoro stabile. Deve accettare contratti precari, a volte sottopagati, e quindi gli obblighi come quelli della formazione, assolutamente necessari per potere mantenere le proprie competenze diventano oltremodo onerosi. Offrire un servizio che dia una formazione gratuita è sicuramente un grosso vantaggio per il giovane medico che si affaccia alla professione. Questo vale anche per le tutele legali, tenuto conto del numero crescente di cause di risarcimento ai danni dei medici italiani e degli elevati costi delle polizze» – ha dichiarato Riccardo Cassi, presidente CIMO.

I servizi verranno offerti gratuitamente per due anni da Consulcesi, realtà medica da oltre venti anni a fianco della categoria, con la quale CIMO ha già stretto altri accordi in passato. «Abbiamo da tempo avviato una convenzione con Consulcesi per offrire agli iscritti una serie di servizi, a partire dalle cause sui turni di  lavoro massacranti sino al rimborso degli anni di specializzazione. Quest’ultimo accordo, che amplia il perimetro della convenzione già in essere, è rivolta ai professionisti di età inferiore ai 35 anni ma è valida anche per tutti gli altri medici  per un periodo di nove mesi. CIMO ha scelto di aderire a questa convenzione perché la trova molto utile e vantaggiosa per i nostri colleghi» – ha concluso il presidente Cassi.

«Non siamo sordi agli SOS che riceviamo dai medici, in particolare dai più giovani – commenta il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella – e per questo mettiamo in campo subito soluzioni pratiche e concrete, che rispondono alle esigenze della categoria. Il nostro punto di partenza sono gli input e le richieste degli oltre 80mila camici bianchi che tuteliamo e rappresentiamo ormai da oltre vent’anni. In questo momento la priorità va ai giovani, maggiormente penalizzati dall’attuale situazione. A tutti gli under 35 iscritti ai Sindacati, agli OMCeO e alle Società scientifiche convenzionati garantiamo gratuitamente per due anni tutti gli elementi chiave per svolgere al meglio la professione: l’aggiornamento ECM obbligatorio, la tutela legale e tutti i servizi inclusi nel Consulcesi Club».

Articoli correlati
Formazione, medici di medicina generale: nuova vittoria di Consulcesi al TAR
Tortorella (Consulcesi): «Risultato contro l’imbuto formativo, ora a lavoro per gli studenti al test di medicina»
Quali sono le regole che il Provider deve adottare in riferimento alla Pubblicità?
Durante lo svolgimento dell’evento, la pubblicità di prodotti di interesse sanitario è consentita esclusivamente allo sponsor dell’evento al di fuori delle aree in cui vengono esposti i contenuti formativi. Durante lo svolgimento dell’evento, è consentita l’indicazione del principio attivo dei farmaci o del nome generico del prodotto di interesse sanitario. Non può essere indicato alcun […]
“Medici eroi”, ma mancano finanziamenti per aumentare personale. Le richieste di CIMO alla politica
In occasione della presentazione di "Giuro di non dimenticare" il presidente CIMO Quici incontra la senatrice Castellone. Un punto comune sopra tutti: servono finanziamenti per nuove assunzioni, che il PNRR non garantisce. La soluzione forse nella Legge di Bilancio
Professioni sanitarie, Consulcesi: «Dopo caos domande medicina vigiliamo su test di ammissione»
In attesa del test di ammissione alle facoltà per le professioni sanitarie, in programma oggi in tutta Italia, Tortorella e il team di avvocati Consulcesi ritengono che ci siano, anche quest’anno, tutti i margini per un ricorso collettivo ed una vittoria schiacciante per accedere alla facoltà di medicina
Boom aggressioni in sanità, da Consulcesi counselling per recuperare il rapporto medico-paziente
Da quando è scoppiata la pandemia, e ancor di più con l’inizio della campagna vaccinale anti-Covid, le aggressioni verbali e fisiche contro scienziati e operatori sanitari si sono moltiplicate. Oltre quelle che hanno colpito medici “famosi”, ce ne sono centinaia di altre lontane dai riflettori. Insieme alla sempre più diffusa cultura No Vax, questo è […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco