Giovani 3 ottobre 2016

Il futuro della chirurgia? Per Acoi viene prima il presente dei giovani

Al congresso di Roma il Presidente Diego Piazza si concentra su due sfide: sistema universalistico e migliori opportunità per i giovani colleghi: «Già tante iniziative in campo, ma stiamo lavorando anche a nuovi accordi»

Sostenibilità, innovazione, contenzioso ed etica. Su questi temi si sono confrontati all’Auditorium Parco della Musica di Roma i chirurghi italiani. Il congresso congiunto delle 27 Società scientifiche del settore è diventata l’occasione anche per confrontarsi sul futuro della professione. L’appuntamento è stato fortemente voluto dai presidenti delle due società maggiormente rappresentative (Francesco Corcione della Sic e Diego Piazza per Acoi) è diventato il primo grande incontro congiunto della Chirurgia italiana con una forte attenzione riservata ai giovani. Uno sguardo proiettato alle future generazioni di chirurghi, vagliando le soluzioni da adottare per superare le principali avversità del momento.

Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Diego Piazza, presidente dell’Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI).

Presidente, quali sono le principali sfide da affrontare e vincere per la vostra categoria?

«È un momento complicato per tutti e lo è anche per il mondo chirurgico. Abbiamo affrontato il problema ancora più ampio della sostenibilità del nostro sistema sanitario universalistico. Acoi è impegnata in prima fila per mantenere in Italia un sistema universalistico che possa esaudire la richiesta di sanità per tutti i cittadini. È chiaro che si tratta di una sfida difficile perché dovremmo riuscire a combinare l’offerta con la domanda e sappiamo che in tempi di ristrettezze economiche bisognerà fare gli sforzi da parte di tutti per continuare a mantenere questo sistema sostenibile».

Questo appuntamento ha legato molto la sostenibilità all’innovazione. È questo il volano di crescita?

«Qualsiasi sistema, compreso quello sanitario, è una sala operatoria: non si evolve è destinato a morire. Quindi noi dobbiamo avere un’evoluzione calibrata alle risorse economiche. Non possiamo bloccare il progresso perché chi si ferma è perduto».

Sostenibilità ed innovazione nel futuro rappresentato dai giovani. Acoi è molto attenta ai chirurghi di domani. Ci sono iniziative messe in campo a tal proposito con tutele legali e aggiornamento ECM gratuito proprio per avviare i giovani alla professione. La vostra proposta?

«Una società che non guarda ai giovani non ha futuro. Noi abbiamo in questo momento 17 scuole Acoi di chirurgia. Abbiamo sempre sostenuto i giovani che hanno una quota associativa molto più bassa all’interno della nostra associazione, abbiamo un gruppo Giovani Acoi. Io ritengo che continueremo a fare tanto, anzi sempre di più, per i giovani chirurghi».

Il panorama che emerge, anche da questo congresso, è di giovani chirurghi costretti ad emigrare all’estero per cercare un lavoro stabile e adeguatamente retribuito. Chi resta in Italia, invece, ha notevoli difficoltà nel sostenere le spese per la formazione ECM obbligatoria e per la tutela legale. Qual è il vostro contributo e in che maniera pensate di intervenire per sostenerli.

«Noi badiamo a tutti gli aspetti dei giovani compresa la tutela legale. Stiamo lavorando per accordi che possano favorire una migliore tutela legale per chi si avvia a fare il medico».

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro Grillo, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario ‘modello’. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»
Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa disincentivano i giovani». La Sic rinnova il consiglio direttivo: Paolo De Paolis nuovo presidente
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
L’Azienda che invita dei partecipanti ad un evento ECM cosa deve trasmettere al Provider?
Ai sensi della Determina del 18.01.2011 “Reclutamento dei partecipanti” l’Azienda che invita professionisti sanitari a frequentare un determinato evento formativo, con spese a carico dell’azienda stessa, deve fornire al Provider l’elenco con i nomi dei partecipanti invitati all’evento formativo.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...