Giovani 3 Ottobre 2016

Il futuro della chirurgia? Per Acoi viene prima il presente dei giovani

Al congresso di Roma il Presidente Diego Piazza si concentra su due sfide: sistema universalistico e migliori opportunità per i giovani colleghi: «Già tante iniziative in campo, ma stiamo lavorando anche a nuovi accordi»

Sostenibilità, innovazione, contenzioso ed etica. Su questi temi si sono confrontati all’Auditorium Parco della Musica di Roma i chirurghi italiani. Il congresso congiunto delle 27 Società scientifiche del settore è diventata l’occasione anche per confrontarsi sul futuro della professione. L’appuntamento è stato fortemente voluto dai presidenti delle due società maggiormente rappresentative (Francesco Corcione della Sic e Diego Piazza per Acoi) è diventato il primo grande incontro congiunto della Chirurgia italiana con una forte attenzione riservata ai giovani. Uno sguardo proiettato alle future generazioni di chirurghi, vagliando le soluzioni da adottare per superare le principali avversità del momento.

Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Diego Piazza, presidente dell’Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI).

Presidente, quali sono le principali sfide da affrontare e vincere per la vostra categoria?

«È un momento complicato per tutti e lo è anche per il mondo chirurgico. Abbiamo affrontato il problema ancora più ampio della sostenibilità del nostro sistema sanitario universalistico. Acoi è impegnata in prima fila per mantenere in Italia un sistema universalistico che possa esaudire la richiesta di sanità per tutti i cittadini. È chiaro che si tratta di una sfida difficile perché dovremmo riuscire a combinare l’offerta con la domanda e sappiamo che in tempi di ristrettezze economiche bisognerà fare gli sforzi da parte di tutti per continuare a mantenere questo sistema sostenibile».

Questo appuntamento ha legato molto la sostenibilità all’innovazione. È questo il volano di crescita?

«Qualsiasi sistema, compreso quello sanitario, è una sala operatoria: non si evolve è destinato a morire. Quindi noi dobbiamo avere un’evoluzione calibrata alle risorse economiche. Non possiamo bloccare il progresso perché chi si ferma è perduto».

Sostenibilità ed innovazione nel futuro rappresentato dai giovani. Acoi è molto attenta ai chirurghi di domani. Ci sono iniziative messe in campo a tal proposito con tutele legali e aggiornamento ECM gratuito proprio per avviare i giovani alla professione. La vostra proposta?

«Una società che non guarda ai giovani non ha futuro. Noi abbiamo in questo momento 17 scuole Acoi di chirurgia. Abbiamo sempre sostenuto i giovani che hanno una quota associativa molto più bassa all’interno della nostra associazione, abbiamo un gruppo Giovani Acoi. Io ritengo che continueremo a fare tanto, anzi sempre di più, per i giovani chirurghi».

Il panorama che emerge, anche da questo congresso, è di giovani chirurghi costretti ad emigrare all’estero per cercare un lavoro stabile e adeguatamente retribuito. Chi resta in Italia, invece, ha notevoli difficoltà nel sostenere le spese per la formazione ECM obbligatoria e per la tutela legale. Qual è il vostro contributo e in che maniera pensate di intervenire per sostenerli.

«Noi badiamo a tutti gli aspetti dei giovani compresa la tutela legale. Stiamo lavorando per accordi che possano favorire una migliore tutela legale per chi si avvia a fare il medico».

Articoli correlati
Coronavirus, Tecnologia e Formazione a Distanza per superare l’immobilismo da psicosi
Il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: L’importanza strategica della formazione a distanza e dell’utilizzo delle tecnologie più avanzate si conferma valore aggiunto in campo sanitario. Il nostro docufilm ECM formerà operatori sanitari a gestire il nuovo virus ed a contrastare psicosi e fake news»
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
Caos Cogeaps, Lorenzin: «Presenterò interrogazione parlamentare». E sulla riforma Ecm: «Partecipino anche i provider»
L'ex ministro della Salute si dice preoccupata per la paralisi che ha colpito il Consorzio e ritiene che anche il Parlamento debba essere informato sulla riforma dell’Educazione continua in medicina
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
Covid-19: un docufilm ECM anti-psicosi e fake news per medici e pazienti
Progetto gratuito di edutainment promosso da Consulcesi con autorevoli collaborazioni scientifiche e tecnologie più avanzate come la realtà aumentata. Tortorella: «La potenza comunicativa del cinema, combinando divulgazione scientifica al coinvolgimento emotivo, per contrastare il virus e la cattiva informazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 febbraio 2020 sono 83.704 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 36.654 mentre i morti sono 2.859. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...