Giovani 24 Gennaio 2018

Tristi, insicuri e insoddisfatti: è il ritratto degli adolescenti iper-connessi. L’esperto: «In realtà dipende da come si usa il web»

Professor Tonioni, responsabile dell’area delle dipendenze comportamentali del Policlinico Gemelli di Roma: «La tristezza è causata dalla solitudine; il problema è l’assenza genitoriale»

Immagine articolo

Gli adolescenti che svolgono attività off line sono più felici e sicuri di quelli sempre connessi alla rete. È il risultato di uno studio pubblicato sulla rivista Emotion condotto per cinque anni dall’Università della Georgia su più di un milione di ragazzi americani tra i 13 e i 18 anni. Gli studiosi hanno chiesto agli adolescenti quanto una serie di attività li rendesse felici, incrociando poi le risposte ricevute con il tempo impiegato dai ragazzi in quelle attività. È quindi emerso che più tempo si passa in attività on line, più si è insoddisfatti del tempo speso in quella attività: navigare in internet è risultata l’attività più frustrante, seguita dai video game, i social media e le chat. Anche leggere notizie on line e guardare la tv crea disagio nei ragazzi. Al contrario, le attività che più sembrano soddisfarli e in cui si sentono più bravi sono, sorprendentemente, fare i compiti a casa, leggere giornali e magazine cartacei, le attività religiose, incontrare gli amici e, su tutti, fare sport e attività fisica.

I meno felici, secondo lo studio, sono quelli che spendono minimo 40 ore a settimana su internet e social media. Quelli che invece spendono più di cinque ore al giorno al cellulare sono in genere due volte più infelici e insoddisfatti di chi spende davanti lo schermo al massimo un’ora al giorno. L’obiettivo dello studio era comprendere quanto il boom dei device mobili abbia compromesso la stabilità psicologica e la felicità degli adolescenti: il 2012 infatti, anno in cui lo studio ha preso il via, è quello in cui per la prima volta la diffusione di smartphone e tablet ha coinvolto più del 50% degli adolescenti americani, arrivando al 73% nel 2015 e all’89% nel 2016. All’aumentare della diffusione dei device, conclude la ricerca, aumentano anche infelicità e insicurezza dei ragazzi.

«Ma internet e la dimensione on line non causano nulla da un punto di vista clinico». Il professor Federico Tonioni, responsabile dell’area delle dipendenze comportamentali del Policlinico Gemelli di Roma, commenta così a Sanità Informazione i risultati della ricerca americana. «Se gli adolescenti sono depressi non è perché usano molto il telefonino ma perché si sentono soli, e di questo sono responsabili i genitori e l’ambiente in cui vivono. I bambini – prosegue – crescono con tablet, smartphone e console perennemente in mano, perché sono ottimi babysitter, mentre i genitori non condividono con loro alcuna attività. I problemi che si possono avere da ragazzi nascono tutti lì, perché l’adolescenza è il megafono dell’infanzia. Non è importante se l’attività è svolta dentro o fuori, ma se viene fatta in modo condiviso».

«Gli adolescenti hanno il diritto ad essere iperconnessi, magari avessi avuto io il cellulare o il tablet da ragazzo! Poi, certo, i genitori hanno il dovere di stabilire delle regole per arrivare ad un compromesso con i ragazzi senza per far accumulare rabbia nei figli. Ma non c’è un legame tra felicità e attività all’aperto o infelicità e iperconnessione», conclude.

Articoli correlati
Gli smartphone possono capire quando sei ubriaco da come cammini
Uno studio dell'Università di Pittsburgh ipotizza l'uso degli smartphone per ricevere un avviso quando si è troppo ubriachi per guidare
Dispositivi mobile del personale ospedaliero, uno su due è contaminato. I consigli per non correre rischi
Secondo il White Paper di Ascom, «il pericolo è più grande di quanto si possa pensare. Il 98% dei dipendenti ospedalieri utilizza tali dispositivi durante il lavoro quotidiano, ponendo così una sfida davvero seria per le implicazioni potenzialmente di vasta portata sulla sicurezza dei pazienti e del personale»
Safer Internet Day, allarme smartphone: uso eccessivo possibile causa di DSA
Un progetto di ICS Maugeri rivela che «l’80% delle informazioni possono essere una concausa dei deficit di attenzione e di concentrazione legati a problemi di apprendimento»
di Federica Bosco
Giovani, sonno disturbato per gli smartphone: 1 ragazzo su 2 a rischio dipendenza
Ad evidenziarlo è uno studio realizzato dalla Fondazione Onda in occasione del 3° Congresso nazionale dedicato alla salute dei giovani tra i 18 e i 35 anni
di Federica Bosco
Psicologia della cronicità, Lastretti (psicoterapeuta): «Esiste una vita prima ed un’altra dopo la diagnosi»
Non solo social network, chat, blog e app, ma anche dispositivi medici dotati di intelligenza artificiale, capaci di prendersi cura del paziente. L’esperta: «In un futuro non troppo lontano le learning machine potrebbero diventare gli alleati più fedeli dei malati cronici»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...