Università 12 Luglio 2022 11:30

«Numero chiuso antistorico, serve biennio comune e selezione poi». La ricetta di Coletto (Lega) per Medicina

L’assessore alla Sanità dell’Umbria, responsabile Salute della Lega, chiede di abolire l’accesso programmato a Medicina: «Mancano cardiologi, anestesisti e infermieri. Il Governo è immobile e non dà soluzioni»

di Francesco Torre
«Numero chiuso antistorico, serve biennio comune e selezione poi». La ricetta di Coletto (Lega) per Medicina

Cancellare il numero chiuso a Medicina e nelle altre facoltà sanitarie e creare un biennio comune dopo il quale porre una selezione. È la proposta di Luca Coletto, assessore alla Salute della Regione Umbria e responsabile Sanità della Lega che punta all’abolizione dell’accesso programmato all’università per superare la carenza di camici bianchi che si registra ormai da tempo in Italia.

«Abbiamo zone scoperte per quanto riguarda i medici di medicina generale e mancanza di copertura della medicina di base. Abbiamo problemi da dieci anni a questa parte con gli anestesisti e con altri professionisti come reumatologi e specialisti della medicina interna. Non è possibile ricorrere a medici stranieri. Continuiamo ad con il numero chiuso, ma è antistorico» spiega Coletto a Sanità Informazione.

Non è la prima volta che la Lega contesta il numero programmato a Medicina. Già durante il primo governo Conte, quello gialloverde, in Parlamento erano state presentate numerose proposte volte all’abolizione del numero chiuso e in un Consiglio dei ministri si fu a un passo dalla storica decisione. Oggi invece la ministra dell’Università Maria Cristina Messa non ha abolito il numero programmato ma ha avviato una riforma del test di accesso con un percorso che potrà iniziare già dal quarto anno di Liceo.

«La riforma non risolve il problema – spiega Coletto -. Credo che in un momento come questo dove abbiamo difficoltà a reperire medici dobbiamo fare una selezione durante il primo biennio che potrebbe essere un biennio unico per Farmacia, Biologia e Medicina.

 

Consulcesi & Partners: i migliori avvocati sempre a tua disposizione

Il network con i migliori studi legali pronti ad assisterti in tutte le principali aree del diritto: amministrativo, civile, penale, lavoro e previdenza, recupero crediti, responsabilità professionale, tasse e tributi.

Scopri di più

 

Assessore, però i rettori si oppongono a questa scelta…

«Il mio padrone sono i pazienti, non i rettori e io devo rispondere ai pazienti e ai cittadini elettori».

Prendiamo il caso umbro, che carenze di medici si registrano?

«Mancano i cardiologi, mancano gli anestesisti come del resto in tutta Italia, mancano i medici di base. Da circa dieci anni continuiamo a dire che si rischia di rimanere scoperti ma le borse di studio non sono aumentate a sufficienza e tantomeno gli accessi all’università. Il paradosso è che fino a due anni fa si laureavano e venivano abilitati circa diecimila medici. Oggi le borse sono passate da 6mila a dodicimila, ma per recuperare l’imbuto informativo servono ancora anni».

Mancano però anche tanti infermieri…

«È così. Il DM71 che ha riformato il territorio prevede accanto all’MMG anche l’infermiere di famiglia e di comunità. Mancano tante professioni ma il governo è immobile e non dà soluzioni».

Voi come Lega avevate presentato diverse proposte per l’abolizione del numero chiuso…

«Peccato non essere andati avanti. A pagare il conto è sempre il territorio che trova come referenti le regioni, non il governo. Il problema si è fermato sul territorio. Oggi il ministero non vuole cancellare il numero chiuso. Quando io ero sottosegretario alla Salute avevo chiesto che gli specializzandi andassero in reparto già dal primo anno: sono riuscito ad ottenere che andassero dal terzo anno in poi. Ma è ancora troppo poco».

Il DM71 è l’attuazione della riforma della sanità territoriale, non si rischia di avere cattedrali vuote senza assunzioni?

«Assolutamente sì. In commissione Salute sono stato io a chiedere le risorse anche per il personale. Inutile costruire le case di comunità o gli ospedali di comunità o le centrali operative territoriale se non c’è personale a sufficienza. Le case e gli ospedali di comunità sono strutture a governo prevalentemente infermieristico. Bisogna essere attenti quando si fanno queste cose: se non vogliamo far fallire una riforma così importante il numero chiuso va tolto, serve un biennio comune e i più meritevoli, superato il biennio, vanno avanti. Quello è l’esame, non c’è bisogno di altro test. I più meritevoli vanni, gli altri magari fanno gli infermieri».

Cosa risponde ai rettori che sostengono di non essere in grado di accogliere un numero così elevato di studenti?

«Ma come mai prima del 1999 erano invece in grado di accoglierli?».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Università: sale ‘ansia da prestazione’ per test ingresso a Medicina, da Consulcesi guida per prepararsi
A causa della pandemia che, almeno in parte, ha compromesso la formazione scolastica, mai come quest'anno gli aspiranti studenti di Medicina sono preoccupati di non essere all'altezza per entrare nella facoltà dei sogni. Per questo Consulcesi offre loro la guida “Come arrivare preparati e in forma al test per Medicina e per le Professioni sanitarie”, con consigli pratici per prepararsi al meglio
World Health Summit in Sapienza, Polimeni: «La salute al centro con ricerca, innovazione e formazione»
L’Ateneo romano ha ospitato uno dei forum più importanti al mondo per la salute globale, per la prima volta in Italia. La ministra Messa: «Mettere i risultati della ricerca al servizio del cittadino e del SSN perché diano l’indirizzo su come organizzare il sistema salute»
Abolire il numero chiuso a Medicina, lo chiede il sottosegretario Costa
Secondo Costa il numero chiuso a Medicina non è meritocratico e chiede alla ministra Messa di trovare una soluzione con "verifica di obbiettivi di rendimento"
Numero chiuso, come cambierà l’accesso all’università. La maggioranza chiede un aumento dei posti del 10%
Nella risoluzione approvata in commissione Cultura alla Camera, che farà da cornice alla riforma, i deputati chiedono di rendere disponibili corsi di preparazione preliminari gratuiti. E nel lungo periodo si punta a un rapporto di uno a uno tra gli accessi alla facoltà di medicina e gli ulteriori percorsi di formazione post lauream
di Francesco Torre
Cambia il test di Medicina ma resta il numero chiuso. La ministra Messa: addio a cultura generale e arriva il TOLC
In un'intervista al Corriere della Sera la ministra dell'Università ha parlato di un cambiamento nelle modalità del test di Medicina: si saluterà il "concorsone" in virtù di un esame TOLC, come succede a Ingegneria, con più risultati comparabili e più possibilità a partire già dal quarto anno di liceo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale