Formazione 11 Giugno 2021 12:52

Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità

Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria

Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità

Nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità. Il progetto, coordinato dall’università Bicocca di Milano, coinvolgerà 26 atenei italiani che, mettendo insieme il proprio patrimonio di conoscenze ed esperienze, daranno vita all’Alta Scuola di Sanità Pubblica, Epidemiologia e Biostatistica. «SPES, acronimo di School of Public Health Epidemiology and Biostatistics, avrà una vocazione internazionale – spiega Giovanni Corrao, docente di Statistica Medica presso l’Università di Milano-Bicocca e presidente della neonata Alta Scuola –. Nel dare vita al progetto siamo partiti dalla consapevolezza che nessun ateneo aveva una massa critica sufficiente per affrontare adeguatamente le sfide della sanità pubblica nei prossimi anni. Inteso come tale non solo la cura delle malattie, ma il modo di organizzare la sanità».

Il 24 giugno definizione delle linee guida

Un obiettivo importante da raggiungere che ha richiesto l’impegno delle migliori competenze di ogni ateneo senza però sostituirsi ai corsi di eccellenza. La data fissata per definire le linee guida è il 24 giugno, facendo tesoro delle esperienze maturate negli ultimi anni: «Un primo tentativo è stato fatto tre anni fa portando all’Istituto Superiore di Sanità i migliori specializzandi a cui è stato fatto un corso di riqualificazione della durata di una settimana con l’utilizzo dei dati e una pianificazione di intervento. È stato un successo».

Curriculum di eccellenza per accedere alla scuola

Destinata agli studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola di alta specializzazione ha due obiettivi: innovare e fare rete. «Gli studenti migliori hanno modo di integrare il loro già ricco curriculum con aspetti innovativi che non sono parte integrante dei corsi usuali e soprattutto avranno modo di conoscersi e lavorare in sinergia, perché saranno i manager di domani. Ogni sede deciderà poi in autonomia il numero degli studenti che avranno accesso alla scuola di alta formazione professionale».

Su un binario parallelo si lavora anche per un dottorato nazionale sulla sanità pubblica. «Di questo ho parlato con il Ministro della Sanità e tra due settimane sarò a Roma per capire se nel Piano di resilienza ci sono fondi anche per questo – confida Corrao -. Il nostro scopo è essere funzionali».

A settembre primo corso sulla gestione delle emergenze sanitarie

Una volta individuati i profili di eccellenza e strutturata la scuola di alta formazione, tutto sembra essere pronto per il primo corso sulla gestione delle emergenze sanitarie che dovrebbe partire a settembre 2021. «Si tratta di un progetto che abbiamo messo a punto prima del febbraio 2020. Allora non si parlava ancora di Covid-19 e di pandemia, eppure già la nostra attenzione andava in quella direzione quando ancora non c’era il minimo sospetto di ciò che sarebbe accaduto di lì a poche settimane. Ora è tempo di riprendere quel discorso e renderlo operativo coinvolgendo anche i migliori professionisti internazionali per metterli a confronto con i nostri giovani più promettenti».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Legge Gelli: i requisiti minimi di garanzia delle polizze assicurative
Nella bozza del decreto attuativo è previsto il diritto di rivalsa nei confronti del professionista sanitario che non ha regolarmente assolto l’obbligo formativo
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia
Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto in prima pagina si rivela innocente non sempre ne viene data notizia. In questi casi c’è il diritto all’oblio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM